La nuo­va sfi­da di Sil­vio, gio­can­do su due ta­vo­li

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere - Bru­no Ve­spa

Ber­lu­sco­ni non rie­sce ad ar­chi­via­re (men­tal­men­te) la qua­ran­ti­na di pro­ce­di­men­ti giu­di­zia­ri che gli sono pio­vu­ti ad­dos­so in 22 an­ni (700 mi­lio­ni di spe­se le­ga­li). Non rie­sce, so­prat­tut­to, a di­ge­ri­re l’uni­ca con­dan­na su­bi­ta, quel­la sui diritti te­le­vi­si­vi in cui è sta­to as­sol­to l’am­mi­ni­stra­to­re del­la so­cie­tà e pu­ni­to il so­cio e che gli è co­sta­ta – gra­zie al vo­to pa­le­se e al­la re­troat­ti­vi­tà del­la leg­ge Se­ve­ri­no – l’espul­sio­ne dal Se­na­to e la in­can­di­da­bi­li­tà fi­no al 2020. Una even­tua­le cen­su­ra dell’ap­pli­ca­zio­ne re­troat­ti­va del­la leg­ge Se­ve­ri­no da par­te del­la Cor­te eu­ro­pea dei diritti dell’uo­mo di Stra­sbur­go po­treb­be ri­met­ter­lo in cor­sa nel 2018. “E si sa che quan­do scen­do in cam­po io, in cam­pa­gna elet­to­ra­le si re­cu­pe­ra­no pun­ti su pun­ti…”. Po­chi ri­cor­da­no che nel 2013 – no­no­stan­te For­za Ita­lia fos­se in bas­sis­si­ma sta­gio­ne – il Ca­va­lie­re re­cu­pe­rò die­ci pun­ti e per­se le ele­zio­ne per so­li 124mi­la vo­ti. Non cre­do che Ber­lu­sco­ni a 82 an­ni (e do­po una dram­ma­ti­ca ope­ra­zio­ne a cuo­re aper­to dal­la qua­le è pe­ral­tro usci­to be­nis­si­mo) si pro­por­reb­be di nuo­vo co­me can­di­da­to, ma ha una forte vo­glia di gui­da­re an­co­ra il gio­co nel cen­tro­de­stra. Il Ca­va­lie­re sti­ma Pa­ri­si, lo vor­reb­be un po’ più vi­ci­no a For­za Ita­lia, ma lo ha in­co­rag­gia­to lui stes­so a tro­va­re gen­te nuo­va per una nuo­va po­li­ti­ca. E’ Ber­lu­sco­ni, non Pa­ri­si che non ama la ‘po­li­ti­ca po­li­ti­can­te’, che vor­reb­be for­te­men­te rin­no­va­ta la squa­dra in Par­la­men­to. Ma de­ve gio­ca­re su due ta­vo­li: quel­lo del so­gna­to­re (che lo fe­ce vin­ce­re nel ’94) e quel­lo del gran­de po­li­ti­co (co­py­right Mas­si­mo D’ale­ma) che s’è af­fret­ta­to gior­ni fa a ri­ce­ve­re e tran­quil­liz­za­re Mat­teo Sal­vi­ni e Gior­gia Me­lo­ni dai qua­li lo di­vi­de or­mai qua­si tut­to, ma dei qua­li nes­sun lea­der di For­za Ita­lia po­treb­be fa­re a me­no, se non vuo­le tra­sfor­ma­re le pros­si­me ele­zio­ni in una no­bi­le pa­ra­ta di scon­fit­ti. Sul re­fe­ren­dum, Ber­lu­sco­ni la­scia che la fi­glia Marina, Let­ta e Con­fa­lo­nie­ri fac­cia­no tra­pe­la­re la pre­fe­ren­za azien­da­le per il sì. (“La Fiat è da sem­pre go­ver­na­ti­va”, mi dis­se Gian­ni Agnel­li. E ven­de au­to­mo­bi­li. Fi­gu­ria­mo­ci chi è ap­pe­so al­le licenze di Sta­to…). E se lui in­si­ste sui to­ni del no è per­ché non rie­sce a per­do­na­re al suo ex pu­pil­lo Mat­teo Ren­zi la fre­ga­tu­ra sul Qui­ri­na­le, il “tra­di­men­to” del Pat­to del Na­za­re­no (tra­di­men­to ne­ga­to con for­za da Ren­zi), di un ac­cor­do sul pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca in cam­bio di vo­ti sul­la leg­ge elet­to­ra­le al­tri­men­ti in­di­ge­ri­bi­le per For­za Ita­lia. Ma un nuo­vo ac­cor­do po­treb­be es­ser­ci: se la nuo­va leg­ge fos­se a ba­se pro­por­zio­na­le, se un bal­lot­tag­gio fos­se tra coa­li­zio­ni e non tra li­ste… Mai di­re mai.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.