Ora i ci­ne­si vo­glio­no Mo­rat­ti pre­si­den­te

L’ex pa­tron ri­ve­la: «Il Su­ning mi ha chie­sto di tor­na­re ma non so co­sa ri­spon­de­re». De Boer stri­glia la squa­dra

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

MI­LA­NO - Cor­si e ri­cor­si sto­ri­ci: Mas­si­mo Mo­rat­ti po­treb­be es­se­re di nuo­vo pre­si­den­te dell'in­ter. Il Su­ning ha chie­sto espli­ci­ta­men­te all'ex pa­tron di tor­na­re e lui ci sta pen­san­do su. «Il Su­ning me lo ha chie­sto. È sem­pre un ono­re e un pri­vi­le­gio es­se­re il pre­si­den­te dell'in­ter - di­ce Mo­rat­ti a Pre­mium Sport - ma non so co­sa ri­spon­de­re. Ho no­stal­gia del sen­ti­men­to del­la gen­te, dei ti­fo­si».

Un ri­tor­no di Mo­rat­ti fa­reb­be pen­sa­re a un cam­bia­men­to dell'as­set­to so­cie­ta­rio, un nuo­vo or­ga­ni­gram­ma, con Erick Thohir che po­treb­be usci­re de­fi­ni­ti­va­men­te di sce­na o ri­ma­ne­re con una quo­ta di mi­no­ran­za. «Thohir ha pro­va­to a fa­re ac­qui­sti, pur con dif­fi­col­tà. Lui - sono le pa­ro­le di Mo­rat­ti - ha do­vu­to ge­sti­re un gio­cat­to­lo più gran­de del pre­vi­sto. Con i ci­ne­si mi sen­to al si­cu­ro, il lo­ro de­si­de­rio di fa­re be­ne è forte». I nuo­vi pro­prie­ta­ri non sono esper­ti di cal­cio ita­lia­no, Mo­rat­ti e pri­ma di lui suo pa­dre An­ge­lo han­no fat­to la sto­ria del club. Mi­la­ne­se fi­no al mi­dol­lo, in­na­mo­ra­to paz­zo dell'in­ter, vin­cen­te co­me po­chi, Mo­rat­ti sa­reb­be la ri­spo­sta per­fet­ta al­le aspet­ta­ti­ve del Su­ning.

Ser­ve un pun­to di ri­fe­ri­men­to, un uo­mo di cal­cio che co­no­sca l'am­bien­te e pos­sa ga­ran­ti­re com­pe­ten­za e sta­bi­li­tà. Il rap­por­to tra l'ex pre­si­den­te e gli im­pren­di­to­ri ci­ne­si è sem­pre sta­to mol­to buo­no: un fee­ling na­to sin dall'in­gres­so in sce­na del Su­ning il 6 giu­gno scor­so. Zhang Jin­dong, uf­fi­cia­liz­zan­do l'ac­qui­sto dell'in­ter, dis­se di es­se­re com­mos­so dal­la pas­sio­ne di Mo­rat­ti per l'in­ter e di vo­ler ri­cal­ca­re le or­me del­la sua glo­rio­sa ge­stio­ne. L'ex pa­tron de­ci­se al­lo­ra di far­si da par­te, di la­scia­re - sep­pu­re a ma­lin­cuo­re - an­che le ul­ti­me quote in suo pos­ses­so. Ac­cet­tò il ruo­lo di pa­dre no­bi­le, di con­si­glie­re, di uo­mo vi­ci­no all'in­ter e al­la sua nuo­va pro­prie­tà.

E lo in­ter­pre­ta a mo­do suo, stor­cen­do il na­so al­la de­ci­sio­ne di ri­nun­cia­re a Man­ci­ni a 13 gior­ni dall'ini­zio del cam­pio­na­to. Tut­ta­via, Mo­rat­ti ades­so so­stie­ne De Boer per­ché ogni sua scel­ta è ispi­ra­ta dall'in­te­res­se dell'in­ter. E mol­to sag­gia­men­te in­vi­ta tut­ti a evi­ta­re di par­la­re di Si­meo­ne co­me fu­tu­ro tec­ni­co. «Se sa­rà l'al­le­na­to­re dell'in­ter? Si de­ve cre­de­re - av­ver­te l'ex pa­tron - in quel­lo che c'è in que­sto mo­men­to. Si­meo­ne è un gran­de al­le­na­to­re e un gran­de in­te­ri­sta ma non smi­nui­rei De Boer co­me è sta­to fat­to con Man­ci­ni, quan­do si par­la­va sem­pre di Si­meo­ne. Ve­dre­mo co­me an­drà De Boer, se fa­rà be­ne ri­mar­rà lui. Per Si­meo­ne c'è tem­po...».

Ma in­tan­to l'in­ter di Frank De Boer pro­ce­de a zig­zag tra cam­pio­na­to ed Europa. An­co­ra un ton­fo do­lo­ro­so, a Pra­ga. Ie­ri la re­pri­men­da, le cri­ti­che, l'ama­rez­za per un cla­mo­ro­so in­suc­ces­so che segue con una sua im­pla­ca­bi­le coe­ren­za quel­lo con­tro i car­nea­di dell'ha­poel. Domani c'è la Ro­ma: chis­sà qua­le sa­rà l'in­ter che scen­de­rà in cam­po all'olim­pi­co, se quel­la sciat­ta e gri­gia di Pra­ga, op­pu­re quel­la vo­li­ti­va e grin­to­sa che ha bat­tu­to la Ju­ven­tus. De Boer si è ar­rab­bia­to, ha te­nu­to a rap­por­to i pro­ta­go­ni­sti del ko, ma mol­te del­le re­spon­sa­bi­li­tà sono sue.

CAM­BIA­MEN­TI Thohir e Mo­rat­ti

han­no da­to la svol­ta all’in­ter

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.