Un aiu­to per bim­bi e ra­gaz­zi in dif­fi­col­tà

Ven­tu­ri­ni: «A Vil­la Ele­na un im­por­tan­te ser­vi­zio di pro­te­zio­ne»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Me­lo­dy Fu­sa­ro

La­scia­re un mi­no­re in fa­mi­glia, no­no­stan­te le dif­fi­col­tà, o sce­glie­re di af­fi­dar­lo a una co­mu­ni­tà al­log­gio? Non tut­to può es­se­re co­sì "sem­pli­ce". A vol­te può ser­vi­re una so­lu­zio­ne in­ter­me­dia, per aiu­ta­re e pro­teg­ge­re il ra­gaz­zi­no sen­za al­lon­ta­nar­lo dai suoi ge­ni­to­ri. E da ie­ri, per una de­ci­na di bam­bi­ni, esi­ste an­che que­sta op­por­tu­ni­tà. È sta­to in­fat­ti inau­gu­ra­to a Ze­la­ri­no il nuo­vo Cen­tro diur­no per bam­bi­ni e ra­gaz­zi di Vil­la Ele­na, frut­to del­la col­la­bo­ra­zio­ne tra il Co­mu­ne di Ve­ne­zia e l'ope­ra San­ta Ma­ria del­la Ca­ri­tà. Si trat­ta di un luo­go in cui i mi­no­ri, se­gui­ti dai ser­vi­zi so­cia­li per dif­fi­col­tà fa­mi­lia­ri, pos­so­no pas­sa­re l'in­te­ra gior­na­ta, in esta­te, o di po­me­rig­gio nel pe­rio­do sco­la­sti­co. Una sor­ta di "ser­vi­zio in­ter­me­dio diur­no" che pre­ve­de tu­te­la e as­si­sten­za, ol­tre a per­cor­si edu­ca­ti­vi e di svi­lup­po, la­scian­do pe­rò ai bam­bi­ni la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re a ca­sa la se­ra, con­ti­nua­no quin­di a vi­ve­re con la pro­pria fa­mi­glia. All'ope­ra San­ta Ma­ria del­la Ca­ri­tà ver­rà quin­di ri­co­no­sciu­ta una com­par­te­ci­pa­zio­ne ai co­sti del ser­vi­zio, ga­ran­ti­ta dal Co­mu­ne sul­la ba­se del bud­get già pre­vi­sto per l'as­si­sten­za o l'in­se­ri­men­to dei mi­no­ri in co­mu­ni­tà. «Og­gi più che mai - spie­ga l'as­ses­so­re Si­mo­ne Ven­tu­ri­ni - ab­bia­mo la ne­ces­si­tà di su­pe­ra­re le ri­gi­di­tà dell'at­tua­le si­ste­ma di wel­fa­re lo­ca­le e re­gio­na­le, in­di­vi­duan­do di­spo­si­ti­vi più agi­li e fles­si­bi­li. Con que­sta aper­tu­ra, il no­stro ter­ri­to­rio be­ne­fi­ce­rà di un nuo­vo ser­vi­zio, in gra­do di al­lar­ga­re la re­te di intervento so­cia­le a pro­te­zio­ne dei no­stri cit­ta­di­ni più pic­co­li, af­fian­can­do i ge­ni­to­ri in dif­fi­col­tà». «È il se­gno di una col­la­bo­ra­zio­ne fe­con­da fra l'en­te pub­bli­co e il pri­va­to so­cia­le - ag­giun­ge il pre­si­den­te dell'ope­ra Gian­fran­co Fio­rin -. È sta­to il pa­triar­ca Ron­cal­li, poi Pa­pa e og­gi san­to, a isti­tui­re l'ope­ra pro­prio per ve­ni­re in soc­cor­so ai mi­no­ri in dif­fi­col­tà. Og­gi il di­sa­gio di bam­bi­ni e ra­gaz­zi è cam­bia­to, per­ché è cam­bia­ta la so­cie­tà, e il Cen­tro diur­no ri­spon­de al­le nuo­ve esi­gen­ze». A inau­gu­ra­re il nuo­vo cen­tro an­che la di­ret­tri­ce Gio­van­na Piz­za­to e il vi­ca­rio epi­sco­la­le Di­no Pi­sto­la­to: «È un pas­so ul­te­rio­re che l'ope­ra fa, dan­do una ri­spo­sta di qua­li­tà al ter­ri­to­rio» ha ri­mar­ca­to mon­si­gnor Pi­sto­la­to.

AL­TER­NA­TI­VA AL­LA CO­MU­NI­TÀ I lo­ca­li di Vil­la Ele­na po­tran­no ospi­ta­re una de­ci­na di bam­bi­ni e ra­gaz­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.