Po­le­mi­ca Sel­vag­gia sul con­si­glie­re Pd

La blog­ger Lu­ca­rel­li at­tac­ca Da­vi­de Mie­le, espo­nen­te dei De­mo­cra­ti­ci a Mar­tel­la­go, per il suo ruo­lo in una pa­gi­na Fa­ce­book

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano - Nicola De Ros­si

Con­si­glie­re co­mu­na­le di mag­gio­ran­za e se­gre­ta­rio del Pd di Mar­tel­la­go nel mi­ri­no di Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li. Lui, Da­vi­de Mie­le, 35 an­ni, fi­sio­te­ra­pi­sta, re­spin­ge gli ad­de­bi­ti e mi­nac­cia que­re­le ma in­tan­to è so­spe­so dal par­ti­to. Qual­che gior­no fa la blog­ger ac­cu­sa la pa­gi­na Fb «Ses­so, dro­ga e pa­sto­ri­zia» e al­tre si­mi­li di far cir­co­la­re ma­te­ria­le por­no an­che con mi­no­ri. Ne na­sce un du­ro scon­tro on line e scen­de in cam­po con un po­st an­che Mie­le, am­mi­ni­stra­to­re del­la pa­gi­na "Acaz­zo­du­ro". «So che dà fa­sti­dio - scri­ve -, spe­cie a quel­li che sta­va­no sve­gli an­che di not­te a can­cel­la­re i link. Non sta­re­mo a guar­da­re ma non le ri­spon­de­re­mo con of­fe­se o mi­nac­ce. Non in­ten­dia­mo far­la pas­sa­re co­me la vit­ti­ma del web, vi­sti i precedenti. Quin­di, tran­quil­li per ora: ogni co­sa a suo tem­po». Per ri­spo­sta ie­ri la gior­na­li­sta ha de­di­ca­to a Mie­le un po­st di fuo­co sul­la sua di pa­gi­na, se­gui­ta da un mi­lio­ne di per­so­ne. «Mi chie­do co­me mai uno de­gli am­mi­ni­stra­to­ri del­la pa­gi­na "Acaz­zo­du­ro", tra quel­le so­spet­ta­te di aver dif­fu­so i con­te­nu­ti de La Bib­bia 3.0 (il mo­struo­so ar­chi­vio pe­do­por­no­gra­fi­co, ndr), mi mi­nac­ci pub­bli­ca­men­te. E co­me si con­ci­li la sua at­ti­vi­tà di se­gre­ta­rio del Pd di Mar­tel­la­go con l'am­mi­ni­stra­zio­ne di una pa­gi­na si­mi­le. Mie­le for­se era a una riu­nio­ne del Pd?». E giù com­men­ti di ogni ti­po, per lo più in­di­gna­ti. «Ac­cu­se in­fon­da­te, non ho nul­la a che fa­re con la pe­do­por­no­gra­fia. Aiu­to so­lo gli am­mi­ni­stra­to­ri di que­sto grup­po do­ve ogni po­st inop­por­tu­no vie­ne su­bi­to can­cel­la­to. Que­sta "si­gno­ra" ha di­strut­to la mia im­ma­gi­ne, ma ci sa­ran­no risvolti pe­na­li con­tro di lei» si di­fen­de Mie­le, già af­fi­da­to­si a un le­ga­le. «Il mio as­si­sti­to è uno de­gli am­mi­ni­stra­to­ri di que­sto grup­po chiu­so con in­ten­ti lu­di­ci in cui i mem­bri (26mi­la, ndr) pos­so­no pub­bli­ca­re ciò che ri­ten­go­no - spie­ga l'av­vo­ca­to Gia­co­mo Nor­dio - Qui sa­reb­be­ro sta­ti pub­bli­ca­ti link che ri­man­da­va­no a fo­to scon­ve­nien­ti, a con­te­nu­to ses­sua­le, che pe­rò sono sta­te tem­pe­sti­va­men­te ri­mos­si da­gli am­mi­ni­stra­to­ri. La Lu­ca­rel­li le avreb­be vi­ste stig­ma­tiz­zan­do il lo­ro com­por­ta­men­to. Mie­le le ha so­lo ri­spo­sto chia­ren­do di non ave­re re­spon­sa­bi­li­tà, che i link era­no sta­ti su­bi­to ri­mos­si e che avreb­be agi­to a tem­po de­bi­to con­tro ta­li in­si­nua­zio­ni. Ma la gior­na­li­sta gli ha da­to del ma­fio­so e lo ha sbat­tu­to sul­la sua pa­gi­na, ti­ran­do in bal­lo il par­ti­to. Le chie­de­re­mo una ret­ti­fi­ca e pro­ce­de­re­mo nel­le se­di com­pe­ten­ti». Ma in­tan­to è scop­pia­to un ca­so po­li­ti­co na­zio­na­le, im­ba­raz­zan­te per il par­ti­to, con i pri­mi prov­ve­di­men­ti. «Le ac­cu­se sono pe­san­ti, ma tut­to va ve­ri­fi­ca­to. Co­me se­gre­ta­ria me­tro­po­li­ta­na, co­mun­que, ho su­bi­to so­spe­so Da­vi­de Mie­le dal par­ti­to in at­te­sa di com­pren­de­re co­sa sia ac­ca­du­to, an­che per­ché è una co­sa che non ha nul­la a che ve­de­re col Pd» spie­ga Gi­glio­la Scat­to­lin. Nes­sun commento né de­ci­sio­ne, per ora, dal sin­da­co, Mo­ni­ca Bar­bie­ro: «pri­ma de­vo ave­re tut­ti gli ele­men­ti chia­ri». An­che la mi­no­ran­za è cau­ta, «Pe­rò - os­ser­va Mo­re­no Ber­nar­di - non è op­por­tu­no per un po­li­ti­co far par­te di grup­pi Fb del ge­ne­re. Ci aspet­tia­mo un se­gna­le chia­ro da Giun­ta e mag­gio­ran­za».

BU­FE­RA ON LINE Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li ha mes­so nel mi­ri­no Da­vi­de Mie­le (a dx)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.