PIÙ COM­PREN­SI­VI CON IL SIN­DA­CO

Il Gazzetino (Venezia) - - L’agenda -

Fa­va­ro. Vi­ci­no a ca­sa ho due tom­bi­ni che al pas­sag­gio del­le au­to pro­vo­ca­no dei ru­mo­ri quo­ti­dia­ni. Ce ne sono tan­ti in quel­le con­di­zio­ni, pe­rò, sof­fren­do di acu­fe­ni sono più sen­si­bi­le ai ru­mo­ri e quan­do sono a ca­sa de­vo sta­re con le fi­ne­stre chiu­se. Due me­si fa ho fat­to un espo­sto al­la mu­ni­ci­pa­li­tà di Fa­va­ro Ve­ne­to, poi sono an­da­to a par­la­re con il tec­ni­co, ho fat­to due se­gna­la­zio­ni all’iris, il por­ta­le del Co­mu­ne, per se­gna­la­re i gua­sti. Nien­te, nes­sun ri­sul­ta­to, mi chie­do a che san­to de­vo vo­tar­mi per es­se­re ascol­ta­to. De­vo fis­sa­re un ap­pun­ta­men­to con il sin­da­co? Chec­chin Re­na­to

Fa­va­ro Ve­ne­to Leg­go tut­ti i gior­ni il Gaz­zet­ti­no e con di­spia­ce­re mi ac­cor­go che a di­re ma­le del si­gnor sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro e cri­ti­car­lo sia co­me un bro­do di giug­gio­le. È ora che si ca­pi­sca che fi­nal­men­te è ar­ri­va­to chi può cam­bia­re in me­glio tan­te co­se. Dob­bia­mo es­se­re più com­pren­si­vi e non sem­pre cri­ti­ca­re e con­tra­ria­re! Paola Pa­tron Mo­de­na­to

Ve­ne­zia Fac­cia­mo un piccolo esem­pio: in Orien­te vi­ve cir­ca la me­tà del­la po­po­la­zio­ne mon­dia­le, sup­po­nia­mo che un 10% di que­sta po­po­la­zio­ne pos­sie­da un pas­sa­por­to, sup­po­nia­mo che un ul­te­rio­re 10% scel­ga la la­gu­na co­me meta di va­can­ze. La si­tua­zio­ne at­tua­le ci di­ce che il si­ste­ma di mo­bi­li­tà pub­bli­co cit­ta­di­no è to­tal­men­te in­suf­fi­cien­te a sod­di­sfa­re il fab­bi­so­gno sia dei pen­do­la­ri che dei re­si­den­ti: re­si­den­ti che ogni gior­no lot­ta­no nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la per un po­sto in va­po­ret­to in­veen­do ver­so chi nei mez­zi di tra­spor­to ci la­vo­ra. I pen­do­la­ri ne ri­sen­to­no mag­gior­men­te: ad esem­pio, ogni gior­no nell'uni­co ter­mi­nal di in­gres­so in cit­tà si crea­no co­de in­ter­mi­na­bi­li, i mez­zi pub­bli­ci par­to­no dai pon­ti­li a pie­no ca­ri­co la­scian­do a ter­ra nu­me­ro­si pas­seg­ge­ri che de­vo­no re­car­si al la­vo­ro o a scuo­la. Ogni sin­go­lo cit­ta­di­no, as­so­cia­zio­ne, mo­vi­men­to, co­mi­ta­to de­ve in­se­rir­si a pie­no ti­to­lo nel­la di­scus­sio­ne cit­ta­di­na sul fu­tu­ro dei tra­spor­ti per ap­por­ta­re idee e cri­ti­che co­strut­ti­ve ri­guar­do il mi­glio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di vi­ta di tut­ti quanti de­vo­no av­va­ler­si quo­ti­dia­na­men­te del di­rit­to al­la mo­bi­li­tà. In que­sta ot­ti­ca è ne­ces­sa­rio più che mai in­di­vi­dua­re nuo­vi ter­mi­nal di in­gres­so: or­mai Piaz­za­le Ro­ma è sa­tu­ro ol­tre ogni li­mi­te, bi­so­gna in­ve­sti­re su Ma­rit­ti­ma e San Giob­be, non­ché pun­ta­re sul con­trol­lo del flus­so tu­ri­sti­co a par­ti­re dal Tron­chet­to, con la crea­zio­ne di una nuo­va li­nea di na­vi­ga­zio­ne do­ta­ta di mo­to­bat­tel­li fo­ra­nei e/o mo­to­na­vi in gra­do da smal­ti­re l'ar­ri­vo di cen­ti­na­ia di pull­man tu­ri­sti­ci; inol­tre è au­spi­ca­bi­le una nuo­va li­nea che col­le­ghi l'iso­la No­va del Tron­chet­to con il cen­tro sto­ri­co, Li­do e Pun­ta Sab­bio­ni, li­be­ran­do co­sì le al­tre li­nee di na­vi­ga­zio­ne a tut­to van­tag­gio dei pen­do­la­ri e dei cit­ta­di­ni re­si­den­ti. Im­por­tan­te è an­che il man­te­ni­men­to del pro­lun­ga­men­to del­la li­nea 2 con i giar­di­ni e Li­do tut­to l'an­no. Mi­che­le De Col Al­ber­to Can­cian

Ve­ne­zia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.