DEU­TSCHE BANK BAN­CO DI PRO­VA PER LA GER­MA­NIA

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - DI RO­MA­NO PRO­DI

Che la Deu­tsche Bank fos­se sot­to os­ser­va­zio­ne da par­te del mer­ca­to non era cer­to un mi­ste­ro. Quan­do un ti­to­lo per­de in po­chi me­si il 50% del pro­prio va­lo­re si­gni­fi­ca che c'è qual­co­sa che non va. Per la Deu­tsche non si trat­ta pe­rò de­gli stes­si pro­ble­mi che pre­oc­cu­pa­no le no­stre ban­che per­ché i cre­di­ti in dif­fi­col­tà (i co­sì det­ti non per­for­ming loans) non gra­va­no in mo­do ano­ma­lo sul co­los­so ger­ma­ni­co. È ve­ro che il si­ste­ma ban­ca­rio te­de­sco è me­no so­li­do del suo ap­pa­ra­to in­du­stria­le ma que­sta de­bo­lez­za è sem­pre sta­ta li­mi­ta­ta al­la se­con­da ban­ca del si­ste­ma (Com­merz Bank) e ad un non tra­scu­ra­bi­le nu­me­ro di ban­che re­gio­na­li e di cas­se di ri­spar­mio che, in quan­to a le­ga­mi par­ti­co­la­ri con gli in­te­res­si po­li­ti­ci lo­ca­li, non so­no se­con­de a nes­su­no.

Egre­gio di­ret­to­re,

sem­bra pa­ra­fra­sa­re il ti­to­lo di un ce­le­bre film la fon­te del­la Co­mu­ni­tà eu­ro­pea che fo­to­gra­fa la cri­si del co­los­so Deu­tsche Bank: "si­tua­zio­ne se­ria ma non dram­ma­ti­ca".

I ti­to­li tos­si­ci in pan­cia al­le ban­che te­de­sche ed eu­ro­pee stan­no ro­vi­nan­do il son­no a mol­ti cit­ta­di­ni co­mu­ni­ta­ri. Azio­ni­sti ed ob­bli­ga­zio­ni­sti di Isti­tu­ti che sem­bra­va­no so­li­di co­me la fa­mo­sa " Roc­ca di Gi­bil­ter­ra " tre­ma­no da tem­po e an­che i ti­to­la­ri di con­ti cor­ren­ti e de­po­si­ti co­min­cia­no a por­si mol­te do­man­de. An­che la ven­ti­la­ta nuo­va tas­sa di fi­ne an­no sui rap­por­ti con clien­ti, sta au­men­tan­do la sfi­du­cia nel si­ste­ma.

Ser­vo­no pa­ro­le chia­re e fat­ti con­cre­ti, pri­ma dal­la Bce e poi da tut­ti i go­ver­ni in­te­res­sa­ti, per non ro­vi­na­re i ti­mi­di se­gna­li di ri­pre­sa con una nuo­va ed im­pre­ve­di­bi­le cri­si che po­treb­be es­se­re ri­cor­da­ta co­me "as­sal­to agli spor­tel­li ". Vit­to­rio De Mar­chi

Al­bi­gna­se­go (Pd) Ca­ro let­to­re, la Ger­ma­nia vi­ve la con­trad­di­zio­ne di ave­re il si­ste­ma pro­dut­ti­vo più for­te e di­na­mi­co d'eu­ro­pa e in­sie­me il si­ste­ma ban­ca­rio tra i più fra­gi­li. Il ca­so Deu­tsche Bank è la cla­mo­ro­sa e più pre­oc­cu­pan­te pun­ta dell'ice­berg. Se fi­no­ra la si­tua­zio­ne è sta­ta man­te­nu­ta re­la­ti­va­men­te sot­to con­trol­lo è so­lo gra­zie a ro­bu­ste inie­zio­ni di de­na­ro pub­bli­co.

Se­con­do da­ti pub­bli­ca­ti dal So­le 24 Ore dal 2008 ad og­gi so­no 197 i mi­liar­di di eu­ro che, a di­ver­so ti­to­lo, il go­ver­no di Ber­li­no ha im­mes­so nel­le sue ban­che. Una mas­sa di de­na­ro enor­me che va­le il 7 per cen­to del Pil te­de­sco. Tut­to ciò non è pe­rò ba­sta­to a met­te­re in si­cu­rez­za il si­ste­ma del cre­di­to la cui de­bo­lez­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.