Un B&b ba­se del­le bor­seg­gia­tri­ci che fan­no raz­zia in cen­tro sto­ri­co

Han­no pre­so al­log­gio in un B&B da­van­ti al­la sta­zio­ne e di lì par­to­no per le azio­ni sui bus e in cen­tro sto­ri­co

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - Mau­ri­zio Dia­ne­se

Il re­cord è di una bor­seg­gia­tri­ce che ha to­ta­liz­za­to con­dan­ne per 42 an­ni di car­ce­re e che per ades­so non ha scon­ta­to un so­lo gior­no di ga­le­ra per­ché, via un fi­glio den­tro un al­tro, con 17 gra­vi­dan­ze con­se­cu­ti­ve, ha evi­ta­to di scon­ta­re la pe­na. Non ha in­ven­ta­to nul­la vi­sto che già Gi­na Lol­lo­bri­gi­da nel film "Ie­ri, og­gi e do­ma­ni" di Vit­to­rio De Si­ca ri­cor­re­va al­le gra­vi­dan­ze per evi­ta­re di fi­ni­re in car­ce­re per con­trab­ban­do di si­ga­ret­te.

Pri­ma o do­po si ar­ri­ve­rà al red­de ra­tio­nem an­che per que­sta bor­seg­gia­tri­ce - ra­gio­na il co­man­dan­te dei Vi­gi­li ur­ba­ni, Mar­co Ago­sti­ni - ma in­tan­to è co­sì. Nel sen­so che i bor­seg­gia­to­ri ven­go­no ar­re­sta­ti e riar­re­sta­ti dai Vi­gi­li, in me­dia ognu­no di lo­ro fi­ni­sce in ma­net­te una vol­ta ogni 3 me­si, pe­rò re­sta­no sem­pre in at­ti­vi­tà gra­zie a una se­rie di nor­me, tut­te giu­ste in li­nea teo­ri­ca, che sem­bra­no fat­te ap­po­sta per i la­dri. E che il gio­co tra guar­die e la­dri sia de­sti­na­to a con­ti­nua­re lo te­sti­mo­nia il fat­to che le bor­seg­gia­tri­ci – 100 per cen­to don­ne a par­te ra­ris­si­mi ca­si – han­no an­che pre­so ca­sa de­fi­ni­ti­va­men­te a Me­stre. Si so­no piaz­za­te in­fat­ti in un bed and break­fa­st ge­sti­to da ci­ne­si di fron­te al­la sta­zio­ne fer­ro­via­ria di via Pia­ve e da lì par­to­no ogni mat­ti­na per Ve­ne­zia. Si piaz­za­no agli im­bar­ca­de­ri, quel­li più af­fol­la­ti, e fan­no stra­ge di bor­set­te e por­ta­fo­gli. Viag­gia­no in grup­po, 6-7 per vol­ta, fi­si­ca­men­te qua­si oc­cu­pa­no il pon­ti­le e i grup­pi si ri­co­sti­tui­sco­no ogni vol­ta che ven­go­no sman­tel­la­ti dal­le For­ze dell’or­di­ne. Nel 2015 i Vi­gi­li ur­ba­ni del­la squa­dra co­man­da­ta da Gian­ni Fran­zoi han­no ar­re­sta­to o de­nun­cia­to 68 per­so­ne, tut­te don­ne. Di que­ste ben 58 so­no Rom e 23 di que­ste pro­ven­go­no dal­la zo­na di Ro­ma, che con­ti­nua a fun­zio­na­re co­me zo­na di smi­sta­men­to prin­ci­pe, as­sie­me a Mi­la­no. Le bor­seg­gia­tri­ci so­no di una tren­ti­na di cit­tà e si di­vi­do­no tra Rial­to - pon­te e pon­ti­le – Cal­le Val­la­res­so e sta­zio­ne. Una mez­za doz­zi­na di lo­ro – età me­dia sui vent’an­ni, ma mol­tis­si­me, pa­ri a un ter­zo del to­ta­le, so­no mi­no­ren­ni – ha pre­so al­log­gio al­la sta­zio­ne di Me­stre in que­sto B&B, se­gno evi­den­te che so­no in­ten­zio­na­te a met­te­re ra­di­ci e a non mol­la­re l’os­so di Ve­ne­zia, che con­ti­nua a es­se­re pie­no di pol­pa. Mar­co Ago­sti­ni ri­ba­di­sce che il pro­ble­ma, più an­co­ra dell’or­ga­ni­co - che pu­re è un pro­ble­ma se­rio - è da­to dai bu­chi le­gi­sla­ti­vi. Per­ché è ve­ro che le bor­seg­gia­tri­ci ven­go­no ar­re­sta­te, è ve­ro che ven­go­no pro­ces­sa­te e con­dan­na­te, ma se an­che por­ta­te al con­fi­ne, su­bi­to do­po rien­tra­no in Ita­lia. In­som­ma Mar­co Ago­sti­ni, men­tre ri­cor­da che i 300 Vi­gi­li ur­ba­ni di Ve­ne­zia non pos­so­no fa­re mi­ra­co­li, chie­de che si met­ta ma­no al­le leg­gi e al­le nor­me che im­pe­di­sco­no di fat­to che que­ste don­ne sia­no pu­ni­te. «Pri­ma o do­po an­che quel­la con­dan­na­ta a 42 an­ni di car­ce­re, sa­rà co­stret­ta ad an­da­re den­tro, ma in­tan­to con­ti­nua a far­si bef­fe di tut­to e di tut­ti».

E in­tan­to le bor­seg­gia­tri­ci pre­se con il por­ta­fo­glio in ma­no so­no ol­tre 30 an­che que­st’an­no.

CO­MAN­DAN­TE

Ago­sti­ni al ver­ti­ce dei vi­gi­li

ur­ba­ni: «La leg­ge non ci aiu­ta, ser­ve una svol­ta»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.