La fer­ti­li­tà e il ri­spet­to di tem­pi e mo­di

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni -

For­se è stra­no par­la­re di due fer­ti­li­tà, ma non è det­to che sia so­lo stra­nez­za. Per qual­che set­ti­ma­na que­sto ter­mi­ne, pre­sen­ta­to all’in­gle­se, ha go­du­to di am­pia dif­fu­sio­ne, gra­zie an­che al ber­sa­glio cui ne sta­to fat­to con l’ac­cu­sa di uso im­pro­prio. Ma di qua­le fer­ti­li­tà si trat­ta­va? Quel­la ori­gi­na­ria del go­ver­no mi­ran­te ad in­for­ma­re sui ri­schi sa­ni­ta­ri che de­ter­mi­na­ti com­por­ta­men­ti pos­so­no ave­re in re­la­zio­ne al­la fer­ti­li­tà uma­na, o quel­la del­la con­te­sta­zio­ne che la de­nun­cia­va per in­va­den­za del­le li­be­re scel­te e di­rit­ti del­la don­na? A con­tor­no del­la que­stio­ne, so­no emer­si pri­ma il pro­ble­ma de­mo­gra­fi­co, an­che se mon­co del­la co­no­scen­za del­la fa­se di pre­ci­pi­zio cui si tro­va, poi quel­lo so­cioe­co­no­mi­co mo­ti­va­to dal­le dif­fi­col­tà rea­li del ren­de­re frut­tuo­sa la fer­ti­li­tà. Il con­tra­sto fra im­pe­di­men­to e pro­fi­cua fer­ti­li­tà mi con­du­ce al­la cul­tu­ra con­ta­di­na, lad­do­ve an­che nel ter­re­no più fer­ti­le, per ot­te­ne­re pro­dot­to ed am­pia re­sa, de­vo­no es­se­re ri­spet­ta­ti tem­pi e mo­di per l’ara­tu­ra, se­mi­na, con­ci­ma­zio­ne, ir­ri­ga­zio­ne e rac­col­to. L’in­se­gna­men­to che ne de­ri­va da chi col­ti­va il ter­re­no, è che le re­go­le non rien­tra­no nel cam­po del­la li­be­ra scel­ta e, po­trem­mo di­re, pre­ten­do­no ri­spet­to. Ad esem­pio, il col­ti­va­to­re non rin­via la se­mi­na a da­ta da de­sti­nar­si, co­me pu­re non la evi­ta per il ti­mo­re del­la gran­di­ne. Sa be­ne in­fat­ti che il suo ope­ra­re non è per l’og­gi, ma per il do­ma­ni, ver­so il qua­le o guar­da con fi­du­cia o si av­via al­la mi­se­ria. Il sa­per guar­da­re avan­ti, ol­tre l’og­gi, ci ri­guar­da in pie­no, im­po­nen­do­ci il ri­spet­to di tem­pi e mo­di vol­ti ad in­flui­re di­ret­ta­men­te su scel­te e sti­li di vi­ta, sul be­nes­se­re fi­si­co, mo­ra­le e spi­ri­tua­le. Il sa­per guar­da­re avan­ti por­ta la so­cie­tà tut­ta ed ognu­no di noi, a ri­co­no­scer­ci co­me fi­gli del­la na­tu­ra e del­la sua fer­ti­li­tà, per cui ad ac­co­glie­re con gio­ia la vi­ta ri­get­tan­do i per­cor­si che la ac­ce­che­reb­be­ro. È un gio­co di re­spon­sa­bi­li­tà per ogni cit­ta­di­no, uo­mo o don­na, che vin­co­la al ri­spet­to del­la fer­ti­li­tà pri­ma, a quel­lo del na­sce­re poi. Ec­co­ci dun­que al­la do­man­da: era giu­sto pro­por­re ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni la que­stio­ne fer­ti­li­tà? Di­rei, per il bla-bla che ne è se­gui­to, cer­ta­men­te sì, com­pro­va­to dal fat­to che ad­di­rit­tu­ra un sin­da­ca­to co­me la Cgil è in­ter­ve­nu­to sul te­ma evi­den­zian­do­ne una pos­si­bi­le so­lu­zio­ne con il ri­cor­so all’abor­to. Ma di qua­le fer­ti­li­tà si trat­ta, quel­la dell’es­se­re fer­ti­le o quel­la re­sa fe­con­da che è già vi­ta? Quel­la aper­ta al fu­tu­ro o quel­la di­sprez­za­ta ed in­ter­rot­ta all’og­gi? Ri­chia­man­do­ci al gio­co del­la na­tu­ra, an­che la fer­ti­li­tà dun­que ha di­rit­to al suo po­sto, un po­sto pub­bli­ca­men­te ri­co­no­sciu­to, pri­vo di am­bi­gui­tà e co­lo­ri­tu­re, ben di­stin­to da quel­lo osan­na­to del­la ste­ri­li­tà che po­trem­mo de­fi­ni­re au­to­stra­da di ma­les­se­re e mi­se­ria.

Fran­co Tre­vi­san

Pre­si­den­te Fe­der­vi­ta Fvg

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.