DEU­TSCHE BANK

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni -

Inol­tre, fi­no a po­chi an­ni fa, la Deu­tsche era la Ger­ma­nia stes­sa: al­la sua azio­ne si de­ve la rior­ga­niz­za­zio­ne dell'ap­pa­ra­to pro­dut­ti­vo te­de­sco e gran par­te del­la sta­bi­li­tà dei suoi de­li­ca­ti equi­li­bri. Ne­gli ul­ti­mi due de­cen­ni l'oriz­zon­te di que­sta gran­de ban­ca si è pro­gres­si­va­men­te al­lar­ga­to a li­vel­lo glo­ba­le e, an­che se ri­ma­ne uno dei pi­la­stri fon­da­men­ta­li dell'eco­no­mia te­de­sca, es­sa con­ta qua­si la me­tà dei suoi di­pen­den­ti e la mag­gio­ran­za dei suoi af­fa­ri al di fuo­ri del­la Ger­ma­nia.

I suoi prin­ci­pa­li con­cor­ren­ti so­no le gran­di ban­che ame­ri­ca­ne. Nel nuo­vo qua­dro con­cor­ren­zia­le la Deu­tsche ha adot­ta­to le stes­se stra­te­gie di que­sti suoi più di­ret­ti con­cor­ren­ti e, se­guen­do l'evo­lu­zio­ne del­la fi­nan­za mon­dia­le, si è pro­gres­si­va­men­te ca­ri­ca­ta di "de­ri­va­ti" ed al­tri com­ples­si pro­dot­ti fi­nan­zia­ri, la cui va­lu­ta­zio­ne è estre­ma­men­te com­ples­sa an­che da par­te del­le au­to­ri­tà di vi­gi­lan­za. Ti­to­li dai qua­li, for­se a cau­sa del suo pro­vin­cia­li­smo, il si­ste­ma ita­lia­no si era man­te­nu­to di­stan­te. Per cui ap­pa­ri­va a mol­ti os­ser­va­to­ri più sa­no de­gli al­tri.

Quan­do, ar­ri­va­ta la cri­si fi­nan­zia­ria, i pro­ble­mi del­la va­lu­ta­zio­ne di que­sti ti­to­li so­no giun­ti al pet­ti­ne con lo scia­gu­ra­to crol­lo del­la Le­he­man, il go­ver­no ame­ri­ca­no è cor­so pron­ta­men­te ai ri­pa­ri e ha gui­da­to e con­cre­ta­men­te aiu­ta­to la rior­ga­niz­za­zio­ne del suo si­ste­ma ban­ca­rio men­tre l'eu­ro­pa ha pro­lun­ga­to le pro­prie in­cer­tez­ze, adot­tan­do re­go­la­men­ti com­pli­ca­ti e di dif­fi­ci­le in­ter­pre­ta­zio­ne. Con il pro­gre­di­re del­la re­ces­sio­ne l'ana­li­si del­le de­bo­lez­ze eu­ro­pee si è con­cen­tra­ta so­prat­tut­to sui cre­di­ti dub­bi o ine­si­gi­bi­li, col­pen­do in par­ti­co­lar mo­do il si­ste­ma ban­ca­rio ita­lia­no, in­de­bo­li­to non so­lo dal­la cri­si dell'edi­li­zia ma an­che dal crol­lo del PIL, dal­la chiu­su­ra di qua­si un quar­to del suo ap­pa­ra­to pro­dut­ti­vo e da una ca­du­ta dei pro­fit­ti e de­gli in­ve­sti­men­ti sen­za pre­ce­den­ti.

Ne­gli ul­ti­mi me­si la de­bo­lez­za dell'eco­no­mia e i bas­si tas­si di in­te­res­se han­no fat­to ar­ri­va­re al pet­ti­ne an­che i no­di dei de­ri­va­ti e de­gli al­tri ti­to­li tos­si­ci, ri­guar­do ai qua­li il si­ste­ma eu­ro­peo non ave­va mes­so in at­to i mas­sic­ci in­ter­ven­ti adot­ta­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.