Bef­fa­to Ro­sa, al Lom­bar­dia trion­fa Cha­ves

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport - Bru­no Ta­vo­sa­nis

Die­go Ro­sa non è riu­sci­to a trat­te­ne­re le la­cri­me ap­pe­na ta­glia­to il tra­guar­do di Bergamo. Il ven­ti­set­ten­ne dell'asta­na ha vi­sto sfug­gi­re la più im­por­tan­te vit­to­ria del­la car­rie­ra a po­chi me­tri dal­la stri­scio­ne d'ar­ri­vo, bef­fa­to dal co­lom­bia­no Este­ban Cha­ves, che da fa­vo­ri­to ha con­qui­sta­to il Gi­ro di Lom­bar­dia, ul­ti­ma "Clas­si­ca Mo­nu­men­to" del­la sta­gio­ne.

Ro­sa è sta­to gran­de pro­ta­go­ni­sta lun­go i du­ris­si­mi 240 km del­la cor­sa, cor­ren­do pri­ma in ap­pog­gio a Fa­bio Aru e poi, una vol­ta ap­pu­ra­to che ne ave­va di più del suo ca­pi­ta­no, ha avu­to il via li­be­ra per an­da­re all'in­se­gui­men­to del trio sgan­cia­to­si sul Sel­vi­no, com­po­sto da Cha­ves, dal con­na­zio­na­le Uran e dal fran­ce­se Bar­det. Ro­sa è sta­to bra­vis­si­mo ad ag­gan­cia­re i fug­gi­ti­vi e poi si è gio­ca­to tut­to in vo­la­ta, par­ten­do ai 400 me­tri e ve­nen­do bef­fa­to da Cha­ves a die­ci me­tri dal tra­guar­do, con Uran ter­zo, men­tre Bar­det ave­va mol­la­to sul­lo strap­po di Bergamo Al­ta. «Ci ave­vo cre­du­to dav­ve­ro so­spi­ra Ro­sa - Ini­zial­men­te mi so­no mes­so a di­spo­si­zio­ne di Aru, poi ho vi­sto che la gam­ba gi­ra­va ed al­lo­ra me la so­no gio­ca­ta. Sa­pe­vo che Cha­ves era più for­te in vo­la­ta, co­sì ho pro­va­to ad an­ti­ci­par­lo, ma al­la fi­ne ha avu­to ra­gio­ne lui».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.