Al Fon­te­go, tra stu­po­re e no­stal­gia

Aper­tu­ra in sor­di­na, poi le pri­me co­de per ac­ce­de­re al­la ma­gni­fi­ca ter­raz­za

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Gior­gia Pra­do­lin

Un'aper­tu­ra in sor­di­na, se­gui­ta dall'ar­ri­vo in mas­sa dei vi­si­ta­to­ri e dal­le co­de per ac­ce­de­re al­la ter­raz­za. So­no le 9.30 di ie­ri quan­do le por­te a ve­tri luc­ci­can­ti del Fon­te­go dei Te­de­schi, og­gi "T Fon­da­co", si apro­no ai ci­vi­ci 5350 e 5351 da­van­ti ad una ven­ti­na di vi­si­ta­to­ri, per­lo­più ve­ne­zia­ni cu­rio­si di ve­de­re com'è sta­to re­stau­ra­to l'ex pa­laz­zo del­le po­ste cen­tra­li. Un'aper­tu­ra sen­za res­sa nel nuo­vo tem­pio del lus­so: in stra­da so­no più gli agen­ti del­le for­ze dell'or­di­ne e chi en­tra vie­ne ac­col­to da ca­lo­ro­si "ben­ve­nu­ti" del per­so­na­le agli in­gres­si.

Se­gue lo stu­po­re, il co­lo­re, un ini­zia­le di­so­rien­ta­men­to: «sa­lia­mo ai pia­ni o an­dia­mo a ve­de­re l'atrio?». Sfi­la­no le bon­tà ita­lia­ne e i pro­dot­ti ve­ne­zia­ni: nel "ground floor" il Du­ca D'ao­sta e i bi­scot­ti Bet­ti­na, il pro­sec­co di Car­tiz­ze, la cioc­co­la­ta Ma­ja­ni, le in­ci­sio­ni dell'ar­ti­gia­no ve­ne­zia­no Fran­ce­sco Pa­van, i ve­tri di Mu­ra­no Ve­ni­ni. Si sa­le ai pia­ni su­pe­rio­ri con le "grif­fe" di mo­da, la gio­iel­le­ria e l'oro­lo­ge­ria fi­no al­la pro­fu­me­ria. Una ras­se­gna di bou­ti­ques che si sno­da­no lun­go i por­ti­ci dei pia­ni, di­vi­si da sca­le mo­bi­li ros­so ve­ne­zia­no con ba­glio­ri do­ra­ti. E qua­si non si sa do­ve ri­vol­ge­re lo sguar­do, co­sa ini­zia­re a guar­da­re. Nell'enor­me atrio i vi­si­ta­to­ri al­za­no il na­so per con­ta­re men­tal­men­te i pia­ni, am­mi­ra­re il vec­chio oro­lo­gio re­stau­ra­to e gli af­fre­schi con le in­ci­sio­ni del Cin­que­cen­to, con­tem­plan­do l'in­ter­ven­to dell'ar­chi­star Rem Koo­hlaas. È il mo­men­to del­la no­stal­gia, per­ché al pia­no ter­ra, nel vec­chio pa­laz­zo del­le po­ste cen­tra­li, più di qual­cu­no ri­cor­da co­me ve­ni­va­no smi­sta­ti i pac­chi del­la cit­tà do­po es­ser sta­ti sca­ri­ca­ti dal­la por­ta d'ac­qua che si af­fac­cia sul Ca­nal Gran­de, quel­la che d'ora in poi sa­rà l'in­gres­so dei clien­ti più fa­col­to­si che giun­go­no con i ta­xi.

A po­ca di­stan­za la ve­ra da poz­zo, ri­por­ta­ta al­la sua au­ten­ti­ca bel­lez­za, do­ve ar­ri­va­va­no le lun­ghe co­de dei ve­ne­zia­ni con bol­let­te e rac­co­man­da­te. Nes­su­no ha me­mo­ria di aver mai mes­so pie­de nel­le zo­ne più al­te dell'edi­fi­cio o sul­la ter­raz­za che guar­da all'in­te­ra cit­tà. E so­no in mol­ti a di­ri­ger­si di­ret­ta­men­te lì, la­scian­do il tour dei ne­go­zi ad un se­con­do mo­men­to, sa­len­do di­ret­ta­men­te al quar­to pia­no e pas­san­do per il "ve­le­ro", il nuo­vo sof­fit­to in tra­ma di ve­tro che cu­sto­di­sce la mo­stra "Un­der wa­ter" di Fa­bri­zio Ples­si, con mu­si­che di sot­to­fon­do. Qual­che sca­li­no in più e si ac­ce­de ad una del­le al­ta­ne più bel­le di Ve­ne­zia, con vi­sta so­pra al pon­te di Rial­to e l'er­ba­ria, al­le spal­le il cam­pa­ni­le di San Mar­co e la Ba­si­li­ca che ie­ri mat­ti­na si pre­sen­ta­va­no av­vol­ti nel­la neb­bia. Vol­tan­do­si si può scor­ge­re la ba­si­li­ca dei San­tis­si­mi Gio­van­ni e Pao­lo, pro­se­gui­re con lo sguar­do fi­no all'iso­la di San Mi­che­le. È sta­ta que­sta l'at­tra­zio­ne più get­to­na­ta del pa­laz­zo, ie­ri. Ma l'al­ta­na è ri­ma­sta a li­be­ro ac­ces­so so­lo nel­le pri­me ore: poi, con l'in­cre­men­to dei vi­si­ta­to­ri, è sta­ta po­sta sot­to pre­no­ta­zio­ne gra­tui­ta ma ob­bli­ga­to­ria (con un nu­me­ro mas­si­mo di 80 in­gres­si con­tem­po­ra­nei) e chi vo­le­va met­ter­si in co­da per il col­po d'oc­chio stre­pi­to­so do­ve­va pas­sa­re per le cas­se al pia­no ter­ra.

So­no cir­ca le 11 quan­do nel pa­laz­zo en­tra il pri­mo grup­po di tu­ri­sti orien­ta­li e la gui­da, mu­ni­ta di om­brel­li­no co­lo­ra­to, rac­con­ta al­cu­ni cen­ni sto­ri­ci dell'ope­ra ar­chi­tet­to­ni­ca, scio­glien­do le ri­ghe per la­sciar­li cor­re­re nei ne­go­zi con: «Ave­te un'ora di tem­po, ci ri­ve­dia­mo qui».

FO­TO E SOR­RI­SI A de­stra un sel­fie

di una com­mes­sa con le ami­che

giun­te a tro­var­la.

So­pra un grup­po di tu­ri­sti orien­ta­li giun­ti per la vi­si­ta gui­da­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.