In tre ore ben 140 vi­si­te Sal­va­to un ses­san­ten­ne

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - G.pra

Cen­to­qua­ran­ta elet­tro­car­dio­gram­mi in tre ore. La Gior­na­ta del cuo­re ie­ri mat­ti­na nell'ospe­da­le Ci­vi­le ha avu­to rit­mi fre­ne­ti­ci per il gran nu­me­ro di per­so­ne che dal­le 9 al­le 12 si so­no ri­vol­te all'am­bu­la­to­rio per l'esa­me sui pa­ra­me­tri vi­ta­li. Un con­trol­lo gra­tui­to pro­mos­so dall'as­so­cia­zio­ne "Ami­ci del Cuo­re" di Ve­ne­zia che si è re­so pos­si­bi­le, an­che que­st'an­no, gra­zie all'im­pe­gno vo­lon­ta­rio del pri­ma­rio del­la car­dio­lo­gia, Giu­sep­pe Gras­si, e del­la sua équi­pe di in­fer­mie­ri. Ri­spet­to agli an­ni scor­si, tra i pa­zien­ti che ri­chie­de­va­no l'ecg c'era­no an­che una de­ci­na di bam­bi­ni ac­com­pa­gna­ti dai ge­ni­to­ri: l'elet­tro­car­dio­gram­ma con l'ul­ti­ma nor­ma­ti­va na­zio­na­le è in­fat­ti di­ven­ta­to ne­ces­sa­rio per svol­ge­re l'at­ti­vi­tà spor­ti­va. E tra il via­vai di pa­zien­ti vo­lon­ta­ri c'è sta­to an­che un co­di­ce ros­so: un uo­mo sui 60 an­ni che non sta­va be­ne ed è sta­to ri­co­ve­ra­to nel re­par­to di Car­dio­lo­gia del Ci­vi­le per i do­vu­ti ac­cer­ta­men­ti. L'elet­tro­car­dio­gram­ma ha in­fat­ti ri­ve­la­to dei va­lo­ri car­dia­ci ano­ma­li che, se igno­ra­ti, avreb­be­ro po­tu­to peg­gio­ra­re.

«Sia­mo mol­to sod­di­sfat­ti - ha det­to il pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne Ami­ci del Cuo­re di Ve­ne­zia, Pie­tro Vol­pe - per l'ot­ti­ma riu­sci­ta del­la gior­na­ta che è an­che oc­ca­sio­ne di in­for­ma­zio­ne e sen­si­bi­liz­za­zio­ne sul­le pro­ble­ma­ti­che car­dio­lo­gi­che, ol­tre che per di­vul­ga­re le no­stre ini­zia­ti­ve, co­me le at­ti­vi­tà di nuo­to e pa­le­stra, e lo yo­ga del sor­ri­so».

E ie­ri, tra i 140 pa­zien­ti, in mol­ti han­no chie­sto di po­ter «met­te­re il cuo­re in cas­sa­for­te», cioè tra­sfe­ri­re gli esi­ti del lo­ro elet­tro­car­dio­gram­ma, uti­liz­zan­do il pro­gram­ma «Bancomheart». «Con il Ban­co­n­heart - ha spie­ga­to il dot­tor Gras­si - non so­lo ef­fet­tuia­mo l'ecg ma dia­mo ai cit­ta­di­ni la pos­si­bi­li­tà di aver­lo sem­pre a di­spo­si­zio­ne, in qual­sia­si luo­go gra­zie ad una con­nes­sio­ne in­ter­net». Per con­sen­ti­re ai cit­ta­di­ni di ave­re "in ta­sca" il pro­prio elet­tro­car­dio­gram­ma, è sta­ta con­se­gna­ta ie­ri ai pa­zien­ti la tes­se­ra Bancomheart con cui è pos­si­bi­le ac­ce­de­re ai pro­pri pa­ra­me­tri cli­ni­ci, la gran­de "Ban­ca del Cuo­re", cioè un enor­me re­gi­stro elet­tro­ni­co (una «cas­sa­for­te» vir­tua­le) per cu­sto­di­re l'elet­tro­car­dio­gram­ma, i va­lo­ri del­la pres­sio­ne ar­te­rio­sa e i da­ti cli­ni­ci più si­gni­fi­ca­ti­vi.

«La gior­na­ta del cuo­re - ha con­clu­so Gras­si - è un pic­co­lo even­to mol­to uti­le per i cit­ta­di­ni che ogni an­no par­te­ci­pa­no sem­pre più nu­me­ro­si. Rin­gra­zio la di­spo­ni­bi­li­tà de­gli in­fer­mie­ri che fuo­ri dall'ora­rio di ser­vi­zio han­no vo­lon­ta­ria­men­te re­so pos­si­bi­le que­sta gior­na­ta».

BANCOMHEART Mol­ti pa­zien­ti han­no in­se­ri­to i pro­pri va­lo­ri nel re­gi­stro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.