L’iro­nia di Me­stri­ner sul sit-in con­tro Ve­ri­tas E Bru­gna­ro con­di­vi­de

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre Marcon -

Cos'han­no in co­mu­ne l'inceneritore e la pa­sta­sciut­ta? L'ac­co­sta­men­to è sen­za dub­bio sin­go­la­re e ie­ri ha te­nu­to ban­co ali­men­tan­do una po­le­mi­ca già cal­dis­si­ma. Quel­la le­ga­ta al­la pre­sun­ta aper­tu­ra di un nuo­vo im­pian­to che bru­cia ri­fiu­ti, pro­get­to poi esclu­so uf­fi­cial­men­te gio­ve­dì mat­ti­na al ter­mi­ne dell'as­sem­blea dei so­ci Ve­ri­tas. "L'inceneritore di Fu­si­na e la pa­sta­sciut­ta" è in­fat­ti il ti­to­lo scel­to dal sin­da­co di Scor­zé Gio­van­ni Bat­ti­sta Me­stri­ner per un lun­go in­ter­ven­to pub­bli­ca­to su Fa­ce­book e poi con­di­vi­so a sua vol­ta da Lui­gi Bru­gna­ro sui pro­pri pro­fi­li Fb e Twit­ter. Un det­ta­glio non di po­co con­to, con­si­de­ran­do che il pri­mo cit­ta­di­no di Ve­ne­zia pub­bli­ca­men­te non ave­va mai det­to mez­za pa­ro­la su que­sto ar­go­men­to.

Il po­st di Me­stri­ner chia­ma in cau­sa il pre­si­den­te del­la Mu­ni­ci­pa­li­tà di Mar­ghe­ra Gian­fran­co Bet­tin, de­fi­nen­do­lo co­lui che gio­ve­dì mat­ti­na «ani­ma­va una qua­ran­ti­na di per­so­ne, po­che e ac­ciac­ca­te dall'età e dal­le in­tem­pe­rie del­la vi­ta». Pec­ca­to pe­rò che Bet­tin non ab­bia af­fat­to pre­so par­te al sit-in fuo­ri dal­la se­de Ve­ri­tas: «Ero al­la fe­sta del­la Po­li­zia con Bru­gna­ro e tut­te le al­tre isti­tu­zio­ni. Mi avrà scam­bia­to per un'al­tra per­so­na» ha rac­con­ta­to ie­ri l'ex as­ses­so­re. Me­stri­ner ha pun­to i ma­ni­fe­stan­ti («Il de­si­de­rio di com­bat­te­re con­tro il cat­ti­vo inceneritore ha pre­val­so per­fi­no sul­la sua as­sen­za: se non c'è l'inceneritore, bi­so­gna in­ven­tar­lo») e poi ha iro­niz­za­to: «La riu­nio­ne dei sin­da­ci si è pro­trat­ta fi­no al­le 13.30, ma al­le 11.30 si è udi­to pro­ve­ni­re da fuo­ri un as­sor­dan­te si­len­zio. Era qua­si mez­zo­gior­no e l'avan­guar­dia ri­vo­lu­zio­na­ria ave­va fa­me. Un ap­pel­lo a Ve­ri­tas: le pros­si­me de­ci­sio­ni im­por­tan­ti ven­ga­no pre­se nel tar­do po­me­rig­gio o di pri­ma mat­ti­na. Al­tri­men­ti ai vi­gi­lan­ti al­la Bet­tin, se a mez­zo­gior­no han­no la pa­sta­sciut­ta da pre­pa­ra­re, può sfug­gi­re qual­co­sa di quan­to de­ci­so».

Pron­ta la re­pli­ca del­lo stes­so Bet­tin: «Quel­la di Me­stri­ner è una bou­ta­de per fa­re un po’ di spi­ri­to, ma man­ca di ri­spet­to a tut­ti quel­li che per es­ser­ci han­no pre­so ore di per­mes­so la­vo­ra­ti­vo. La pre­oc­cu­pa­zio­ne di quel­la gen­te era fon­da­ta: si ba­sa­va su quan­to det­to da una fon­te isti­tu­zio­na­le co­me il sin­da­co di Mi­ra, mi­ca su chiac­chie­re da bar». E la scel­ta di Bru­gna­ro di con­di­vi­de­re quel po­st su Fa­ce­book e Twit­ter? «Pro­ba­bil­men­te con­di­vi­de il pen­sie­ro con­cre­to di Me­stri­ner, più che gli aspet­ti iro­ni­ci di con­tor­no. Ma con­ti­nuo a pen­sa­re che fos­se giu­sto es­se­re lì a ma­ni­fe­sta­re. Per chie­de­re chia­rez­za».

PRO­TE­STA Il sit-in al­la se­de di Ve­ri­tas

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.