Fac­chin: «Ho fat­to una ca­vo­la­ta»

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia Sport -

POR­DE­NO­NE - (m.a.) Da­vi­de Fac­chin è da­van­ti a una te­le­ca­me­ra. Per que­sto de­ve con­te­ner­si, an­che se nel­le ma­ni avreb­be la vo­glia di spac­ca­re tut­to. Le stes­se ma­ni, per una vol­ta scia­gu­ra­te, che han­no la­scia­to pas­sa­re il de­stro fiac­co di Da­niel Se­men­za­to. Por­de­no­ne-ve­ne­zia è tut­ta lì, è un at­ti­mo, un er­ro­re che per tut­ta una sta­gio­ne pro­ba­bil­men­te non si ri­pe­te­rà. «Ho fat­to una ca­vo­la­ta - am­met­te can­di­da­men­te il por­tie­re che nel­la ri­pre­sa ha sal­va­to tre vol­te la por­ta la­gu­na­re - ed è inu­ti­le di­re al­tro. Il ruo­lo del por­tie­re è que­sto qui: ti dà tut­to e ti to­glie tut­to. Per for­tu­na già sa­ba­to si gio­ca di nuo­vo e c'è la pos­si­bi­li­tà di ri­far­si».

Ma Fac­chin non si dà pa­ce: «In set­ti­ma­na si può la­vo­ra­re po­co su que­ste co­se - spie­ga an­co­ra nel po­st-ga­ra - per­ché si trat­ta di ve­ri in­for­tu­ni. La pal­la mi è rim­bal­za­ta da­van­ti, an­che se non cer­co scu­se. È an­da­ta co­sì e ba­sta. È sta­ta una scon­fit­ta pe­san­tis­si­ma». Poi, for­se per la trop­pa rab­bia, lan­cia una stoc­ca­ta nei con­fron­ti di chi ha vin­to sul cam­po: «Non so co­me si pos­sa esul­ta­re do­po una vit­to­ria co­sì - di­ce ri­vol­gen­do­si al Por­de­no­ne - Ab­bia­mo do­mi­na­to e nel pri­mo tem­po non c'è sta­ta par­ti­ta».

In con­fe­ren­za ar­ri­va an­che Da­vi­de Mar­su­ra. Nel pri­mo tem­po ha ara­to la fa­scia. Il pro­dot­to del set­to­re gio­va­ni­le dell'udi­ne­se ha sbat­tu­to so­lo sul­la tra­ver­sa, sen­nò sta­rem­mo rac­con­tan­do un al­tro film: «Per tut­ta la pri­ma fra­zio­ne spie­ga - ab­bia­mo con­dot­to noi. An­che nel se­con­do tem­po non giu­di­co ma­le la squa­dra, an­zi. So­la­men­te ci sia­mo al­lun­ga­ti un po’, con­ce­den­do spa­zio al Por­de­no­ne. Era nor­ma­le. Pec­ca­to per quel gol su­bì­to, che non ci vo­le­va pro­prio. Non ab­bia­mo mai sof­fer­to più del do­vu­to e me­ri­ta­va­mo il van­tag­gio».

Chiu­su­ra de­di­ca­ta al jol­ly Vit­to­rio Fa­bris, spo­sta­to co­me un bi­ril­lo da In­za­ghi per tut­ta la par­ti­ta: «Il mio ruo­lo è un pò in­de­fi­ni­to - spie­ga - ho ini­zia­to da­van­ti e fi­ni­to die­tro, ma va be­ne co­sì. Nel­la ri­pre­sa do­ve­va­mo fa­re qual­co­sa di più, era nel­le no­stre pos­si­bi­li­tà. È un pec­ca­to, per­ché le al­tre ave­va­no pa­reg­gia­to e po­te­va­mo fa­re il pri­mo bu­co ve­ro in clas­si­fi­ca. È an­da­ta co­sì, ci te­ne­va­mo par­ti­co­lar­men­te: il Por­de­no­ne è un’av­ver­sa­ria per la te­sta del­la clas­si­fi­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.