Ba­las­so e l’iden­ti­tà: «Esi­sto­no mil­le Ve­ne­ti ma nes­su­no è il mio»

PRE­MIO MA­SI Il co­mi­co ri­fiu­ta ogni clas­si­fi­ca­zio­ne: «È un er­ro­re ade­guar­si all’uni­co pen­sie­ro do­mi­nan­te»

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura&società - Ser­gio Fri­go

VE­RO­NA - Al Pre­mio Ma­si per la Ci­vil­tà Ve­ne­ta so­no... spor­ti­vi: do­po aver pre­mia­to uno co­me An­drea Zan­zot­to, che ri­ce­ven­do le sue bot­ti­glie di pre­gia­to Ama­ro­ne nel 2003 dis­se (scher­zan­do, ma non se ne ac­cor­se nes­su­no) di es­se­re aste­mio, e aver re­pli­ca­to l’an­no scor­so un aste­mio ve­ro co­me Car­lo Ro­vel­li, do­ve­va ca­pi­ta­re pri­ma o poi un pre­mia­to a cui non po­tes­se fre­gar­gli di me­no del­la pro­pria iden­ti­tà re­gio­na­le. É av­ve­nu­to l’al­tra se­ra al Tea­tro Fi­lar­mo­ni­co con Na­ta­li­no Ba­las­so, che ha det­to, pa­pa­le pa­pa­le, di non sen­tir­si iden­ti­co nem­me­no a se stes­so, fi­gu­rar­si («mi spia­ce per lui») a Lu­ca Za­ia.

Che fos­se que­sta la sua po­si­zio­ne lo si era ca­pi­to be­ne, d’al­tra par­te, già nell’in­ter­vi­sta da cui è sta­to trat­to il vi­deo pro­iet­ta­to du­ran­te la ce­ri­mo­nia. An­che se ri­co­no­sce che la sua ma­tri­ce cul­tu­ra­le è ve­ne­ta, in par­ti­co­la­re la Com­me­dia dell’ar­te, quan­do l’in­ter­vi­sta­to­re gli chie­de co­sa si­gni­fi­ca per lui es­se­re un ar­ti­sta ve­ne­to, l’ar­ti­sta (che è na­to ad Adria ma da quan­do ave­va vent’an­ni - ora ne ha 55 - vi­ve in Emi­lia Ro­ma­gna) ri­spon­de co­sì: «Non ne ho la mi­ni­ma idea, an­che se non ti pia­ce que­sta ri­spo­sta. Io non ho idea one­sta­men­te di co­sa sia es­se­re un ar­ti­sta ve­ne­to, per­ché non ri­ten­go che og­gi ci sia una scuo­la ve­ne­ta dell'ar­te. Cre­do che og­gi ci sia, for­se, qual­che scuo­la re­gio­na­le, ma il Ve­ne­to ha avu­to una gran­de scuo­la di co­mi­ci­tà che si è esau­ri­ta pri­ma del '900, do­po di che c'è sta­to qual­che ex­ploit, qual­che co­mi­co bra­vis­si­mo, tra i mi­glio­ri d'ita­lia, tra cui me, pe­rò non c'è sta­ta una scuo­la ve­ne­ta che ha pro­se­gui­to».

An­dreb­be re­cu­pe­ra­ta que­sta tra­di­zio­ne? in­si­ste l’in­ter­vi­sta­to­re?

«Io non so se esi­sto­no tra­di­zio­ni che van­no re­cu­pe­ra­te - è la ri­spo­sta di Ba­las­so - Io cre­do che la tra­di­zio­ne sia una co­sa che si tra­du­ce, si tra­di­sce e si tra­man­da. E la tra­di­zio­ne ha sen­so quan­do vi­ve. Quan­do una vi­ta vie­ne im­po­sta, è ar­ti­fi­cia­le, cre­do che pos­sa ave­re suc­ces­so co­me no: ri­da­re la vi­ta a dei cor­pi mor­ti si­gni­fi­ca da­re vi­ta a dei Fran­ken­stein. Si­cu­ra­men­te esi­sto­no co­se che ven­go­no tra­man­da­te, quin­di del­le tra­di­zio­ni esi­sto­no già e non c'è bi­so­gno di re­cu­pe­rar­le. Pe­rò sia­mo nell'era dei so­cial, di in­ter­net e del­la te­le­vi­sio­ne, e qui la tra­di­zio­ne di­ven­ta tra­di­men­to».

E sul­le di­ver­si­tà che coe­si­sto­no (o si scon­tra­no) all’in­ter­no del­la no­stra re­gio­ne, ag­giun­ge: «Esi­sto­no mil­le Ve­ne­ti: un Ve­ne­to con­ta­di­no ad esem­pio che è spa­ri­to e che si è tra­sfor­ma­to in un Ve­ne­to dell'im­pren­di­to­ria agri­co­la; un Ve­ne­to dell'ipo­cri­sia, mol­to do­mi­nan­te, cre­do. Il Ve­ne­to dell'ipo­cri­sia re­li­gio­sa, po­li­ti­ca, am­mi­ni­stra­ti­va. Pe­rò esi­ste an­che un Ve­ne­to del­la so­li­da­rie­tà. Non dob­bia­mo di­men­ti­ca­re che il Ve­ne­to è la pri­ma re­gio­ne in Ita­lia per as­so­cia­zio­ni di so­li­da­rie­tà. Può es­se­re che que­sto de­ri­vi da un sen­so di col­pa, do­vun­que ci sia so­li­da­rie­tà può es­ser­ci un sen­so di col­pa. Ma non pos­sia­mo na­scon­der­ci che le sfac­cet­ta­tu­re di una ter­ri­to­ria­li­tà so­no sem­pre tan­tis­si­me ed è sem­pre un er­ro­re iden­ti­fi­car­le con un uni­co pen­sie­ro do­mi­nan­te».

Per­so­nal­men­te, ri­cor­dan­do i suoi film con Car­lo Maz­za­cu­ra­ti, di­ce di «ap­par­te­ne­re a un Ve­ne­to piut­to­sto idea­le, che c'è nel­la mia me­mo­ria e che non esi­ste più». E ag­giun­ge an­che che a suo pa­re­re «non esi­ste nem­me­no la lin­gua ve­ne­ta, esi­sto­no mol­te lin­gue ve­ne­te, e mi spia­ce dir­lo per­ché la Re­gio­ne ha da­to tan­ti sol­di per in­se­gna­re que­sta lin­gua che non esi­ste. Ades­so noi di­cia­mo "la te­le­vi­siòn, la ma­chi­na, el gior­nal"... usia­mo le pa­ro­le dell'ita­lia­no tron­can­do la fi­ne, pen­san­do che quel­lo sia la lin­gua ve­ne­ta, ma quel­lo non è al­tro che la lin­gua ita­lia­na ve­ne­tiz­za­ta».

Un fu­sti­ga­to­re del­la sua re­gio­ne, dun­que? «Mac­chè, io non mi ve­do co­me ta­le. Io so­no uno che non rie­sce a tol­le­ra­re l'ipo­cri­sia e quin­di se ve­do una co­sa la di­co, non pos­so far­ne a me­no».

«An­che la no­stra scuo­la di co­mi­ci­tà

si è esau­ri­ta pri­ma del ’900» «Re­cu­pe­ra­re le tra­di­zio­ni? Ri­schia­mo un bis di Fran­ken­stein»

IL PRE­MIO Na­ta­li­no Ba­las­so fir­ma la bot­te di Ama­ro­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.