Vil­lal­ta rac­con­ta la scuo­la tra me­mo­ria ed emo­zio­ni

Per i pro­fes­so­ri la fe­li­ci­tà è so­prav­vi­ve­re al­le ri­for­me e al­la bu­ro­cra­zia, ga­ran­ti­re se­re­ni­tà agli stu­den­ti, riu­sci­re a for­ma­re co­scien­ze e ac­cen­de­re spe­ran­ze

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura&società - DI NICOLETTA CANAZZA

Al­le 8.10, ogni gior­no, la scuo­la ri­co­min­cia esat­ta­men­te co­me ie­ri e co­me ri­co­min­ce­rà do­ma­ni. Un eser­ci­to si­len­zio­so che pro­ce­de so­sti­tuen­do ogni an­no le per­di­te, ri­com­pat­tan­do i re­par­ti, di­fen­den­do il fron­te in­cer­to del­le aspi­ra­zio­ni e del­le pau­re di tut­ti. E' il ve­ro eser­ci­to de­gli im­mor­ta­li, per­chè in­se­gnan­ti e alun­ni – sot­to re­gi­mi e si­ste­mi di istru­zio­ne di­ver­si – ogni gior­no per­pe­tua­no l'ap­pel­lo del­le ge­ne­ra­zio­ni e so­sten­go­no il fron­te del­la me­mo­ria, del­la tra­smis­sio­ne del sa­pe­re e del suo de­si­de­rio». Bi­so­gna ar­ri­va­re in fon­do al nuo­vo ro­man­zo di Gian Ma­rio Vil­lal­ta per tro­va­re il fi­lo di quell'emo­zio­ne che grat­ta in fon­do a tut­to il li­bro e non si ca­pi­sce cos'è. Co­me quan­do si guar­da un aqui­lo­ne e ci si chie­de co­me fa a sta­re su, chi lo ma­no­vra e, pe­rò, "guar­da quan­to bra­vo è. In­ve­ce io..." Per­chè a scuo­la ci sia­mo sta­ti tut­ti, per­chè la scuo­la è un luo­go del­la me­mo­ria, an­zi, è il luo­go del­le me­mo­rie più pro­fon­de, quel­le che la­vo­ra­no sot­to, nel be­ne e nel ma­le e fi­ni­sco­no a go­ver­na­re tut­ta una vi­ta. La scuo­la dun­que. Non una “scuo­la del­la fe­li­ci­tà”, dal ti­to­lo del ro­man­zo, ma il luo­go do­ve ogni gior­no si com­bat­te per la so­prav­vi­ven­za, tra cir­co­la­ri, ri­for­me, pras­si, bu­ro­cra­zia, pic­co­lez­ze. Da una par­te i pro­fes­so­ri, as­se­dia­ti dal con­ti­nuo as­sal­to del­le scar­tof­fie, an­che di­gi­ta­li, e sem­pre più di­sar­ma­ti nel­la gran­de bat­ta­glia di for­ma­re co­scien­ze, ac­cen­de­re spe­ran­ze, ri­co­no­sce­re ta­len­ti e aspi­ra­zio­ni. I pro­fes­so­ri sem­pre ugua­li, co­me il pro­ta­go­ni­sta del li­bro che ha per­so la fi­du­cia nell'in­can­to del suo la­vo­ro, e a cui gli stu­den­ti “ta­glia­no vi­vi i pan­ni ad­dos­so”, im­pie­to­si nei lo­ro giu­di­zi. Poi gli stu­den­ti, che han­no sem­pre la stes­sa età, l'ado­le­scen­za, che guar­da­no i gran­di e cer­ca­no di sal­var­si nell'ami­ci­zia, do­ve ba­sta un po­st su Fa­ce­book a rom­pe­re il fra­gi­le equi­li­brio, do­ve le fa­mi­glie so­no an­ni lu­ce di­ver­se da quel­le di qual­che de­cen­nio pri­mo da cui era­no usci­ti gli stes­si do­cen­ti, con ge­ni­to­ri ora co­sì “mo­der­ni”, e di­spo­ni­bi­li e com­pren­si­vi al li­mi­te del pa­ra­dos­so (a che ser­ve scap­pa­re di ca­sa se nes­su­no se ne ac­cor­ge?, si chie­de il do­cen­te di fron­te al ge­sto “estre­mo” di una stu­den­tes­sa che tor­na a ca­sa da so­la) per far pre­ci­pi­ta­re tut­to. La scuo­la, ap­pun­to. Si sen­te che Vil­lal­ta co­no­sce il mec­ca­ni­smo “da den­tro”, e si di­ver­te. Si sen­te che è il suo ter­re­no, che i clas­si­ci so­no il suo giar­di­no. Che que­gli stu­den­ti so­no più vi­ci­ni di qual­sia­si in­ven­zio­ne. Co­sì vi­ci­ni, che avrem­mo po­tu­to es­se­re noi. An­zi, pro­ba­bil­men­te lo sia­mo sta­ti.

«D'al­tra par­te la scuo­la è co­sì: dram­mi per­so­na­li e scia­gu­re mon­dia­li, mor­ti, na­sci­te, se­pa­ra­zio­ni (...), non spo­sta­no di un mi­nu­to il cam­pa­nel­lo del­la pri­ma ora»

Scuo­la di

fe­li­ci­tà Gian Ma­rio

Vil­lal­ta Ed. Mon­da­do­ri

18 eu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.