MA LA VIA PER IL TI­TO­LO È LUN­GA

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura&società - DI CLAU­DIO DE MIN

Ba­sta una Ju­ve an­co­ra po­co bril­lan­te e po­co flui­da, che si af­fi­da più al ta­len­to che ad una ri­co­no­sci­bi­le idea di gio­co, ba­sta una squa­dra con un cen­tro­cam­po un po’ scom­bi­na­to (e che ne­gli an­ni è an­da­to via via per­den­do in qua­li­tà e per­so­na­li­tà), or­fa­no non so­lo di Pog­ba e Mar­chi­sio ma an­che di chi do­ve­va ar­ri­va­re e non è ar­ri­va­to, ba­sta que­sta Ju­ve che an­che se vin­ce non sem­bra più co­sì gra­ni­ti­ca, si ac­cen­de a in­ter­mit­ten­za e avan­za a strap­pi, per pro­va­re una mi­ni­fu­ga. In­fat­ti, al 3-0 bian­co­ne­ro di Em­po­li (dop­piet­ta del Pi­pi­ta, sei gol in sta­gio­ne, co­sì, tan­to per gra­di­re), quar­ta par­ti­ta sen­za su­bi­re gol (e 12 all’at­ti­vo in die­ci gior­ni) fa ri­scon­tro l’im­prov­vi­so sci­vo­lo­ne del Na­po­li. Ir­re­si­sti­bi­le in ca­sa (chie­de­re al Ben­fi­ca), Sar­ri in­ciam­pa nel­la pri­ma scon­fit­ta che, som­ma­ta ai pa­reg­gi con Pe­sca­ra e Ge­noa, lan­cia la Ju­ve a più quat­tro e cer­ti­fi­ca le dif­fi­col­tà lon­ta­no dal San Pao­lo e gli im­prov­vi­si ca­li di ten­sio­ne con­tro le pic­co­le in tra­sfer­ta. Con un più 10 in clas­si­fi­ca ri­spet­to ad un an­no fa e le ri­va­li già die­tro (La­zio, Ro­ma e Mi­lan a me­no 5, In­ter ad­di­rit­tu­ra a me­no 7, Fio­ren­ti­na già scom­par­sa dai ra­dar), la Ju­ve sem­bre­reb­be in una bot­te di fer­ro, se­non­ché la qua­li­tà del gio­co la­scia an­co­ra a de­si­de­ra­re e ci vor­rà di più per te­ne­re a ba­da la concorrenza. Che cer­to non è d’ac­cia­io (ve­di i tre gol su­bi­ti dal Mi­lan, pri­ma dell’in­cre­di­bi­le ri­mon­ta, e ve­di la mon­ta­gna di pal­le-gol re­ci­pro­ca­men­te con­ces­se da Ro­ma e In­ter nel­lo spet­ta­co­la­re scon­tro di­ret­to di ie­ri) ma di si­cu­ro non si ras­se­gne­rà co­sì pre­sto al se­sto trion­fo bian­co­ne­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.