Fol­lia Vet­tel, trion­fo Red Bull

Il Gazzetino (Venezia) - - Rugby - Gior­gio Ur­si­ci­no

Il pi­lo­ta Fer­ra­ri cen­tra Ro­sberg

in par­ten­za: è su­bi­to fuo­ri

La SF16-H è sta­ta una de­lu­sio­ne ma, in que­st’an­na­ta da in­cu­bo, la for­tu­na cer­to non ha aiu­ta­to. Quan­do tut­to gi­ra stor­to an­che le cer­tez­ze van­no in fu­mo. E a Se­pang, an­co­ra una vol­ta, Se­ba­stian Vet­tel non ha da­to il suo toc­co pre­mium all’ar­ma­ta di Ma­ra­nel­lo, met­ten­do in cam­po la gui­da di un quat­tro vol­te cam­pio­ne del mon­do. Co­me in più oc­ca­sio­ni era ac­ca­du­to nel cor­so del 2016, il te­de­sco è scat­ta­to con i ner­vi a fior di pel­le e ha con­clu­so la sua ga­lop­pa­ta all’in­gres­so del­la pri­ma cur­va, con la so­spen­sio­ne an­te­rio­re si­ni­stra fra­cas­sa­ta. Co­me se non ba­stas­se il pa­ta­trac ma­le­se, Seb a fi­ne ga­ra è sta­to chia­ma­to dai com­mis­sa­ri che chia­ra­men­te lo han­no in­col­pa­to di aver gui­da­to mal­de­stra­men­te pe­na­liz­zan­do­lo di tre po­si­zio­ni sul­la gri­glia del Gp del Giap­po­ne in pro­gram­ma do­me­ni­ca pros­si­ma a Su­zu­ka. E, in un fi­na­le di cam­pio­na­to in cui le mo­no­po­sto da bat­te­re so­no di­ven­ta­te 4, la cor­sa nip­po­ni­ca sem­bra com­pro­mes­sa an­co­ra pri­ma di co­min­cia­re. Per il mo­ra­le del Ca­val­li­no è una brut­ta bot­ta poi­ché Ar­ri­va­be­ne e la sua trup­pa han­no do­vu­to vi­ve­re una gior­na­ta ama­ra non so­lo per col­pa del­la Ros­sa.

Ad am­pli­fi­ca­re il di­sa­stro cau­sa­to da Vet­tel ci si è mes­sa in­vo­lon­ta­ria­men­te la Mer­ce­des che do­mi­na abi­tual­men­te, men­tre a Se­pang ha da­to via li­be­ra al­la Red Bull che ha mes­so a se­gno una mi­ci­dia­le dop­piet­ta con con­se­guen­ze pe­san­ti in clas­si­fi­ca mon­dia­le. La Stel­la di Ha­mil­ton è sta­ta tra­di­ta dal mo­to­re men­tre sta­va do­mi­nan­do a po­co più di 10 gi­ri dal­la fi­ne, quel­la di Ro­sberg è sta­ta cen­tra­ta in par­ten­za dal­la ma­no­vra di Se­ba­stian e, do­po una ga­gliar­da ri­mon­ta, non è an­da­ta ol­tre il ter­zo gra­di­no del po­dio. La Mer­ce­des ha do­vu­to rin­via­re le fe­ste per il ti­to­lo Co­strut­to­ri, men­tre Ni­co ha au­men­ta­to il suo van­tag­gio in clas­si­fi­ca por­tan­do­lo a ben 23 pun­ti su Ha­mil­ton, a so­lo 5 ga­re al ter­mi­ne. Al te­de­sco del­la ca­sa di Stoc­car­da ba­ste­rà ar­ri­va­re una so­la vol­ta da­van­ti al com­pa­gno.

La Fer­ra­ri ed i fer­ra­ri­sti, in­ve­ce, ve­do­no al­lon­ta­nar­si la pos­si­bi­li­tà di con­fer­mar­si "se­con­da for­za", la ter­za de­lu­sio­ne dell’an­no do­po quel­la di non ave­re lot­ta­to per il Mon­dia­le e di aver vin­to me­no del 2015 (fi­no­ra nem­me­no una ga­ra). Nel­la gra­dua­to­ria ri­ser­va­ta ai Co­strut­to­ri ora la Red Bull ha 46 pun­ti di mar­gi­ne e Ki­mi e Se­ba­stian so­no stac­ca­ti ri­spet­ti­va­men­te di ol­tre 40 e più di 50 pun­ti da Ric­ciar­do che ha con­qui­sta­to il Gp di Ma­le­sia pre­ce­den­do il com­pa­gno di squa­dra Ver­stap­pen. I due al­fie­ri di Ma­ra­nel­lo do­vran­no guar­dar­si le spal­le dal gio­va­ne Max che li brac­ca a po­chi pun­ti di di­stan­za no­no­stan­te ab­bia di­spu­ta­to le pri­me ga­re con la To­ro Ros­so e ora di­spo­ne di una Red Bull tor­na­ta spa­zia­le. Il ba­by fe­no­me­no ad un cer­to pun­to sem­bra­va ave­re la cor­sa in pu­gno poi­ché era in scia al com­pa­gno, ma ave­va gom­me più fre­sche gra­zie ad una so­sta in più e dai box ave­va­no in­vi­ta­to Ric­ciar­do a la­sciar­gli stra­da. Poi è sal­ta­to il mo­to­re a Ha­mil­ton e non c’è sta­ta più ne­ces­si­tà di da­re or­di­ni di scu­de­ria.

Al via Se­ba­stian non era scat­ta­to ma­le ma non era il ca­so di but­tar­si all’in­ter­no di Ver­stap­pen ar­ri­van­do lun­go. Max si è te­nu­to lar­go evi­tan­do la col­li­sio­ne, Ni­co era già in cur­va ed è sta­to cen­tra­to in pie­no dal­la Ros­sa che ha avu­to la peg­gio. Se pri­ma del­la par­ten­za qual­cu­no dei fer­ra­ri­sti ave­va so­gni di glo­ria al tra­guar­do i rim­pian­ti si so­no af­fie­vo­li­ti per­ché, an­che con Vet­tel in cam­po, sa­reb­be sta­to dif­fi­ci­le da­re fa­sti­dio al­le Mer­ce­des ed an­che al­le Red Bull.

Ki­mi ha fat­to un’al­tra ga­ra ano­ni­ma sen­za im­pen­sie­ri­re i raz­zi di Newey e fa­cen­do­si ri­mon­ta­re an­che da Ro­sberg che si era ri­tro­va­to ul­ti­mo. Il fin­lan­de­se ha cor­so gli ul­ti­mi gi­ri con la Fer­ra­ri un po’ dan­neg­gia­ta per un con­tat­to con Ni­co che lo ha sver­ni­cia­to nel sor­pas­so (il te­de­sco è sta­to pe­na­liz­za­to di 10 se­con­di, ma non ha per­so la po­si­zio­ne), ma nem­me­no pri­ma ave­va fat­to fa­vil­le. Sul tra­guar­do è ar­ri­va­to stac­ca­to di qua­si mez­zo mi­nu­to dal vin­ci­to­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.