Li­te sul "bu­co" Ora re­pli­ca Bet­tin: «Pro­ce­du­ra av­via­ta con la giun­ta Or­so­ni»

Il Gazzetino (Venezia) - - Lido -

(l.m.) A chi ascri­ve­re il me­ri­to del­la chiu­su­ra del Pa­la­bu­co del Li­do? Un in­ter­ro­ga­ti­vo che con­ti­nua a far "li­ti­ga­re" la po­li­ti­ca cit­ta­di­na, tra rap­pre­sen­tan­ti del­la pre­ce­den­te am­mi­ni­stra­zio­ne e com­po­nen­ti del­la nuo­va giun­ta. Ora nel di­bat­ti­to si in­se­ri­sce la vo­ce di Gian­fron­co Bet­tin, at­tua­le pre­si­den­te del­la mu­ni­ci­pa­li­tà di Mar­ghe­ra, nel­la pre­ce­den­te am­mi­ni­stra­zio­ne as­ses­so­re all'am­bien­te del­la giun­ta Or­so­ni.

Bet­tin ri­co­no­sce al­la giun­ta Bru­gna­ro il me­ri­to di aver chiu­so la vo­ra­gi­ne in lun­go­ma­re Mar­co­ni, ma al tem­po stes­so ri­ven­di­ca che la pro­ce­du­ra, ar­ri­va­ta ad un pri­mo ri­sul­ta­to nel lu­glio scor­so, in real­tà è ini­zia­ta as­sai pri­ma. «Ar­ri­va­re al ri­sul­ta­to at­tua­le - scri­ve Gian­fran­co Bet­tin - è sta­to pos­si­bi­le so­lo gra­zie a un lun­go e dif­fi­ci­le la­vo­ro ini­zia­to al­me­no dal 2011, quan­do, do­po aver ana­liz­za­to at­ten­ta­men­te la si­tua­zio­ne ere­di­ta­ta dal fal­li­men­to del pro­get­to del co­sid­det­to "sas­so", si è co­min­cia­to a pro­get­ta­re e a rea­liz­za­re con­cre­ta­men­te l'al­ter­na­ti­va. Non c'era un sem­pli­ce "bu­co": c'era una vo­ra­gi­ne pie­na di amian­to. Do­po ana­li­si ac­cu­ra­te, si è de­fi­ni­to il mo­do in cui ope­ra­re. Si è pre­di­spo­sto un im­pian­to di rac­col­ta e pre-trat­ta­men­to del­le ter­re di sca­vo, co­sì smal­ten­do­le e crean­do le con­di­zio­ni per co­pri­re fi­nal­men­te il "bu­co"». Bet­tin, in un co­mu­ni­ca­to, at­tac­ca gli as­ses­so­ri Zuin e Ro­mor, do­po la pre­sa di po­si­zio­ne di que­sti ul­ti­mi ave­va­no "smen­ti­to" Fer­raz­zi. «Zuin e Ro­mor si osti­na­no a ne­ga­re ciò che non è ne­ga­bi­le - pro­se­gue Bet­tin - cioè il la­vo­ro svol­to dal­la pre­ce­den­te am­mi­ni­stra­zio­ne. Vo­glio­no, giu­sta­men­te, va­lo­riz­za­re il ruo­lo del­la giun­ta Bru­gna­ro, ma non do­vreb­be­ro ne­ga­re quan­to fat­to in pre­ce­den­za». La con­clu­sio­ne dell'ex as­ses­so­re è chia­ra. «È giu­sto ri­cor­da­re il ruo­lo del­la pre­ce­den­te am­mi­ni­stra­zio­ne si leg­ge nel­la no­ta di Bet­tin - non so­lo per ri­ven­di­ca­re il la­vo­ro svol­to da più am­mi­ni­stra­zio­ni, ma per sot­to­li­nea­re che a Ve­ne­zia non si fan­no mai mi­ra­co­li».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.