«Non è que­sto il San Do­nà che vo­glio»

Il Gazzetino (Venezia) - - Calcio - Da­vi­de De Bor­to­li

«Non è il San Do­nà che vo­glio». È lo sfo­go del pre­si­den­te bian­co­ce­le­ste Ivan Si­ci­liot­to. Pa­ro­le che suo­na­no co­me un cam­pa­nel­lo d'al­lar­me per i bian­co­ce­le­sti. Nel­la quar­ta gior­na­ta di cam­pio­na­to il San Do­nà si tro­va a 6 pun­ti con una vit­to­ria e tre pa­reg­gi, di cui l'ul­ti­mo nell'an­ti­ci­po di sa­ba­to scor­so con­tro l'union Pro Mo­glia­no (1-1).

«Non è il San Do­nà che vo­glio nel­la con­ti­nui­tà di gio­co e per co­me si è pre­sen­ta­to - pre­ci­sa Si­ci­liot­to- Bi­so­gna cam­bia­re com­por­ta­men­to se vo­glia­mo di­re la no­stra in cam­pio­na­to, al­tri­men­ti ri­schia­mo di non es­se­re pro­ta­go­ni­sti. Ma le pre­mes­se era­no di­ver­se. Ab­bia­mo pas­sa­to lo scor­so an­no a rin­cor­re­re e sap­pia­mo che non va sem­pre be­ne». De­lu­den­te l'ul­ti­ma ga­ra. «Non mi è pia­ciu­to l'ap­proc­cio e la men­ta­li­tà dei ra­gaz­zi: trop­po suf­fi­cien­te - con­fer­ma Con tut­to il ri­spet­to per il Mo­glia­no ab­bia­mo gio­ca­to in mo­do che lo­ro ri­sul­tas­se­ro mi­glio­ri ma si trat­ta­va di una squa­dra al­la no­stra por­ta­ta. Fin dall'ini­zio del­la par­ti­ta ho vi­sto dif­fi­col­tà det­ta­te dall'at­teg­gia­men­to del San Do­nà, più che dall'av­ver­sa­rio, so­prat­tut­to quan­do ab­bia­mo re­ga­la­to pal­la con trop­pa fa­ci­li­tà, sia­mo sta­ti vuo­ti e in­con­clu­den­ti». Sil­ci­liot­to sot­to­li­nea che la cri­ti­ca non ri­guar­da il ri­sul­ta­to. «Mi po­treb­be star be­ne aver fat­to 6 pun­ti se gli av­ver­sa­ri fos­se­ro sta­ti più for­ti, ci aves­se­ro te­nu­to te­sta e se aves­si­mo lot­ta­to su ogni pal­lo­ne. Non chie­do di vin­ce­re tut­te le par­ti­te ma di an­da­re in cam­po con l'at­teg­gia­men­to giu­sto. Al­la squa­dra non man­ca nul­la dal pun­to di vi­sta or­ga­niz­za­ti­vo, per que­sto non è giu­sti­fi­ca­bi­le». La so­cie­tà non met­te in di­scus­sio­ne l'im­pe­gno del tec­ni­co Ste­fa­no An­dret­ta. «Do­po lo scor­so an­no la fi­du­cia per An­dret­ta è mas­si­ma - con­ti­nua il pre­si­den­te - Non fac­cio l'al­le­na­to­re, non par­lo di ruo­li e mo­du­li ma va­lu­to vo­glia e de­ter­mi­na­zio­ne dei ra­gaz­zi. Nel­le al­tre ga­re la pre­sta­zio­ne è sta­ta con­vin­cen­te con­tro l'union QDP (4-0), ci sta il pa­ri an­che a San Po­lo, can­di­da­ta ai ver­ti­ci del cam­pio­na­to, do­ve ci sia­mo pre­sen­ta­ti con del­le de­fe­zio­ni. Ci po­te­va sta­re il pa­ri per­si­no con­tro il Ner­ve­sa, an­che se non è sta­ta una bel­la ga­ra ma quan­do ab­bia­mo la pos­si­bi­li­tà di vin­ce­re non va be­ne but­ta­re i pun­ti in mo­do inu­ti­le». Il San Do­nà tor­na in cam­po in tra­sfer­ta do­me­ni­ca 9 ot­to­bre con­tro l'istra­na.

SAN DO­NÀ Un al­tro pa­reg­gio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.