«Ste­fa­no è sta­to mo­struo­so Lo spa­zio a La­wal? Una scel­ta»

Il Gazzetino (Venezia) - - Basket -

È sod­di­sfat­to Wal­ter De Raf­fae­le, e non po­treb­be es­se­re di­ver­sa­men­te. La Reyer ha vin­to e con­vin­to a De­sio con­tro una Can­tù par­sa an­co­ra lon­ta­na dal­la for­ma mi­glio­re. Ma ciò, na­tu­ral­men­te, non in­fi­cia la bel­la pre­sta­zio­ne dei la­gu­na­ri. «So­no con­ten­to del­la vit­to­ria, per­ché ini­zia­re con un suc­ces­so un cam­pio­na­to equi­li­bra­to fa cer­to un bell'ef­fet­to - esor­di­sce il tec­ni­co oro­gra­na­ta - ed ag­giun­go che que­sto cam­po sa­rà dif­fi­ci­le da espu­gna­re per tut­te le al­tre squa­dre».

Scin­de i due vol­ti del­la par­ti­ta. «Ini­zio dif­fi­ci­le, poi, nel se­con­do quar­to ab­bia­mo ge­sti­to e gio­ca­to me­glio. Si­cu­ra­men­te ab­bia­mo con­ces­so qual­co­sa di più a La­wal sot­to ca­ne­stro ma è sta­ta una scel­ta no­stra per­ché vo­le­va­mo de­di­ca­re mag­gior at­ten­zio­ne agli ester­ni».

Il di­scor­so si spo­sta su Ste­fa­no To­nut au­to­re di una pre­sta­zio­ne mon­stre. «Ha gio­ca­to una par­ti­ta mo­struo­sa, im­pres­sio­nan­te - con­ti­nua De Raf­fae­le con dei nu­me­ri che par­la­no per lui. Par­lia­mo di 26 pun­ti, 31 di va­lu­ta­zio­ne, ha una ma­tu­ri­tà im­pres­sio­nan­te (si ri­pe­te ndc), straor­di­na­ria sot­to ogni pun­to di vi­sta. Gra­zie a lui ab­bia­mo di­ver­se scel­te nel­le so­lu­zio­ni, lui ha gli oc­chi pun­ta­ti su di sè, lo sa, e cer­ca di fa­re sem­pre il me­glio».

Ha umil­tà... «Sì, è un ra­gaz­zo che si cu­ra ed ha umil­tà. È mol­to bra­vo da que­sto pun­to di vi­sta». Tor­na sul mat­ch, il coa­ch ve­ne­to. «Ab­bia­mo fat­to del­le scel­te pre­ci­se, scel­te tat­ti­che, e la co­sa è an­da­ta a no­stro van­tag­gio. Sa­pe­va­mo di do­ver co­pri­re gli ester­ni e di la­scia­re cam­po e spa­zio a La­wal, po­te­va es­se­re un ri­schio ma sia­mo riu­sci­ti ad ot­te­ne­re il mas­si­mo da que­sto ti­po di so­lu­zio­ne». La sua squa­dra è an­da­ta co­me un tre­no in cor­sa. «Vo­le­va­mo vin­ce­re chio­sa il coa­ch - per­ché chi ben co­min­cia è a me­tà dell'ope­ra». Ul­ti­ma bat­tu­ta su Can­tù. «L'ho già det­to e ri­pe­to: non sa­ran­no tan­te le squa­dre che ver­ran­no a vin­ce­re qui a De­sio». Non so­no tan­te nem­me­no quel­le squa­dre che pos­so­no di­spor­re di Ste­fa­no To­nut. Non ma­le dav­ve­ro co­me av­vio, per Ve­ne­zia. (a. mob.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.