Non ci ar­ren­dia­mo, ma chie­dia­mo una "buo­na scuo­la"

Il Gazzetino (Venezia) - - Borsa Mercati - La­vi­nia Ci­chel­la

Egre­gio si­gnor de Mi­ner­bi, ci ten­go a ri­spon­de­re al­la Sua let­te­ra pub­bli­ca­ta il 28 set­tem­bre ("Ca­ra La­vi­nia non ar­ren­der­ti se man­ca un prof") e a dir­le che ap­prez­zo mol­to le Sue pa­ro­le e le ac­cet­to co­me cri­ti­ca co­strut­ti­va. So­no con­sa­pe­vo­le che sia­mo noi gio­va­ni gli ar­te­fi­ci del no­stro fu­tu­ro, e sa­rà pro­prio gra­zie ai no­stri sfor­zi se riu­sci­rem­mo ad ar­ri­va­re in al­to, se riu­sci­rem­mo a rea­liz­za­re i no­stri obiet­ti­vi. Non so­no una ra­gaz­za che si ar­ren­de al­la pri­ma dif­fi­col­tà che in­con­tra nel­la sua stra­da, non è nel mio ca­rat­te­re. No, so­no la pri­ma ad im­pe­gnar­mi e a met­ter­ce­la tut­ta, com­pien­do sa­cri­fi­ci, che ma­ga­ri oggi mi pe­sa­no, ma che un do­ma­ni po­trò ve­de­re co­me un gra­di­no su­pe­ra­to del­la stra­da che co­sti­tui­rà il mio fu­tu­ro. Mi tro­vo co­stret­ta a ri­bat­te­re al­la Sua af­fer­ma­zio­ne che non è ve­ro che “la scuo­la ita­lia­na non è tut­ta un caos”. E co­me me la pen­sa­no an­che in­se­gnan­ti e stu­den­ti. For­se nel­la mia pre­ce­den­te let­te­ra so­no sta­ta un po’ pe­san­te, per­ché vo­le­vo che col­pis­se. E so­no ben fe­li­ce nel ve­de­re che il mio in­ten­to sia riu­sci­to. Non scri­ve­vo so­lo per me, che ho al­le spal­le una fa­mi­glia che mi so­stie­ne, ma mi so­no re­sa por­ta­vo­ce di tut­ti quei ra­gaz­zi che que­sta gran­de for­tu­na non ce l’han­no. Di tut­ti quei ra­gaz­zi che -per di­ver­si mo­ti­vi- non pos­so­no la­scia­re la pro­pria cit­tà per ini­zia­re un la­vo­ro. E non è giu­sto fa­re di tut­ta l’er­ba un fa­scio. La mia ge­ne­ra­zio­ne è spes­so e vo­len­tie­ri vi­sta co­me una ge­ne­ra­zio­ne pi­gra, che non si im­pe­gna ab­ba­stan­za e che pas­sa po­me­rig­gi in­te­ri in­col­la­ta al cel­lu­la­re. Ma c’è an­che una par­te di que­sta ge­ne­ra­zio­ne che non si ab­bat­te, che si im­pe­gna, che ri­ven­di­ca il di­rit­to al­lo stu­dio e che è con­sa­pe­vo­le di po­ter fa­re gran­di co­se. E in quan­to al­la que­stio­ne dell’au­toi­stru­zio­ne, è ve­ro, apren­do un com­pu­ter pos­sia­mo ave­re ac­ces­so a mi­lio­ni di in­for­ma­zio­ni, ma pen­so che una "buo­na" scuo­la, che aiu­ti a for­mar­ci in tut­ti gli aspet­ti, sia un com­ple­ta­men­to in­di­spen­sa­bi­le. P.S. Disguido o no, que­sta set­ti­ma­na la si­tua­zio­ne sco­la­sti­ca è peg­gio­ra­ta: al­tri prof se ne so­no an­da­ti la­scian­do­ci co­sì con al­tre ore bu­che.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.