Ven­tu­ra, esa­me Spa­gna «Ma non è de­ci­si­va»

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

FI­REN­ZE - C'è la Spa­gna che in­com­be ma an­che un Ma­rio Ba­lo­tel­li che si sta ri­pren­den­do la sce­na. Giam­pie­ro Ven­tu­ra pe­rò non si scom­po­ne, an­zi si di­ce pron­to al­la sfi­da con quel­la che de­fi­ni­sce «la na­zio­na­le più forte del no­stro gi­ro­ne, ma non è una ga­ra de­ci­si­va, so­lo mol­to im­por­tan­te». E pron­to an­che ad apri­re un do­ma­ni le por­te all'at­tac­can­te che si sta ri­lan­cian­do a Niz­za. Cer­to, non ba­sta­no po­che par­ti­te gio­ca­te e qual­che gol pe­rò «co­me dis­si già il pri­mo gior­no non si di­scu­to­no le sue qua­li­tà tec­ni­che ma tut­to il re­sto. Io pe­rò non ho pre­clu­sio­ni di al­cun ti­po ver­so nes­su­no. Ho man­da­to a Ma­rio la pre-con­vo­ca­zio­ne - pro­se­gue il ct - per­ché lui ha ri­pre­so a gio­ca­re e a se­gna­re, ora pe­rò bi­so­gna da­re a tut­to que­sto con­ti­nui­tà». I pen­sie­ri di Ven­tu­ra pe­rò guar­da­no an­che al­tro­ve. A ini­zia­re ov­via­men­te dal mat­ch con la Spa­gna di gio­ve­dì a Torino al­lo Sta­dium: «So­no si­cu­ro che ci so­ster­rà co­me fa con la Ju­ve in ogni par­ti­ta. Quan­do ho in­con­tra­to Bar­za­gli per la pri­ma vol­ta in az­zur­ro gli ho det­to "per for­tu­na che que­sta vol­ta stai dal­la mia par­te". Ec­co, mi aspet­to che gio­ve­dì lo sia an­che tut­to lo Sta­dium».

La Spa­gna è più di un te­st per la sua Ita­lia: «Una sfi­da im­por­tan­te, ma non de­ci­si­va, ci so­no tan­te al­tre par­ti­te. È una Spa­gna che per giun­ta è di­ver­sa da quel­la vi­sta agli Eu­ro­pei: Lo­pe­te­gui, che sti­mo mol­to, ha por­ta­to adre­na­li­na e ne ha cam­bia­to il mo­do di sta­re in cam­po. Pe­rò se l'ita­lia gio­ca al 99% nul­la ci è pre­clu­so». Non man­ca­no pe­rò gli in­top­pi per il ct par­ten­do dal­la squa­li­fi­ca di Chiel­li­ni. Toc­che­rà quin­di ad uno tra Og­bon­na, Asto­ri e Ro­ma­gno­li, se pe­rò que­st'ul­ti­mo smal­ti­rà la bot­ta al­la co­scia ri­me­dia­ta sa­ba­to: ie­ri il di­fen­so­re, do­po gli esa­mi, non si è al­le­na­to e re­sta mo­ni­to­ra­to co­me pu­re l'ac­ciac­ca­to Ver­rat­ti, tan­to che con la Spa­gna do­vreb­be toc­ca­re a De Ros­si. «Se i due so­no com­ple­men­ta­ri? Nel no­stro con­te­sto so­no al­ter­na­ti­ve» ri­spon­de il ct, ot­ti­mi­sta su Pel­lé: l'at­tac­can­te ha un do­lo­re al­la ca­vi­glia ma si è al­le­na­to re­go­lar­men­te in grup­po.

Ven­tu­ra poi si sof­fer­ma su Flo­ren­zi («Il suo pro­ble­ma è che fa trop­pi ruo­li») e fa ca­pi­re che ad ora l'ita­lia con­ti­nue­rà a gio­ca­re con il 3-5-2 po­ten­do con­ta­re sull'af­fi­da­bi­li­tà del­la di­fe­sa ju­ven­ti­na. Que­sto si­gni­fi­ca che gli ester­ni al­la Be­rar­di do­vran­no an­co­ra at­ten­de­re co­sì co­me l'ap­pli­ca­zio­ne, in que­sta Na­zio­na­le, del mo­du­lo 4-2-4 che da sem­pre pia­ce a Ven­tu­ra.

ESU­BE­RAN­TE Su­pe­rma­rio ver­so la "gra­zia"

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.