La Le­ga: «Fran­ce­sca Guz­zon re­sta nel­la giun­ta Bru­gna­ro»

L’as­ses­so­re al Com­mer­cio si tro­va in una sco­mo­da po­si­zio­ne tra l’in­cu­di­ne e il mar­tel­lo Par­te­ci­pa al­le giun­te, ma le sue de­li­be­re so­no sta­te istrui­te dai di­ri­gen­ti in sua as­sen­za

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - Mi­che­le Ful­lin

«La Guz­zon è per me as­ses­so­re del Co­mu­ne di Ve­ne­zia e ri­ma­ne as­ses­so­re al Com­mer­cio».

«So­no ono­ra­to di sta­re in mag­gio­ran­za con la Le­ga, con le per­so­ne che so­no in giun­ta mi tro­vo be­nis­si­mo».

Il pri­mo è il segretario pro­vin­cia­le del Car­roc­cio Luigi Val­lot­to, il se­con­do è il sin­da­co Luigi Bru­gna­ro. So­no di­chia­ra­zio­ni fre­sche (di ie­ri il pri­mo, di no­ve gior­ni fa il se­con­do), che la­scia­no in­ten­de­re co­me nes­sun rim­pa­sto nel sen­so tec­ni­co del ter­mi­ne sia all’oriz­zon­te. Ma al­lo­ra co­me mai da tre­quat­tro me­si non ci so­no più de­li­be­re de­di­ca­te al Com­mer­cio (as­ses­so­ra­to fon­da­men­ta­le a Ve­ne­zia, al­me­no ne­gli ul­ti­mi trent’an­ni) e, se ci so­no, ven­go­no istrui­te e pre­sen­ta­te dai di­ri­gen­ti di set­to­re? Co­me mai, all’in­con­tro di gio­ve­dì scor­so con le ca­te­go­rie eco­no­mi­che sui mer­ca­ti­ni di Me­stre ha par­te­ci­pa­to l’as­ses­so­re Paola Mar, che ha de­le­ghe al Tu­ri­smo e al De­cen­tra­men­to? Per­ché le de­li­be­re sui Pia­ni­ni so­no sta­te pre­di­spo­ste da al­tri (pre­su­mi­bil­men­te dal­lo staff del sin­da­co) sen­za il suo in­ter­ven­to?

Guz­zon è sem­pre sta­ta al suo po­sto e ha par­te­ci­pa­to a tut­te le ul­ti­me riu­nio­ni di Giun­ta ec­cet­to una, fa­ta­li­tà quel­la in cui so­no sta­ti adot­ta­ti i Pia­ni­ni re­la­ti­vi all’oc­cu­pa­zio­ne di suo­lo pub­bli­co. La Le­ga so­stie­ne che la sua rap­pre­sen­tan­te non rie­sce ad in­ci­de­re sul­le scel­te dell’am­mi­ni­stra­zio­ne e am­bien­ti vi­ci­no al sin­da­co sus­sur­ra­no in­ve­ce che lei non sia pro­po­si­ti­va.

In­som­ma, un as­ses­so­re tra l’in­cu­di­ne e il mar­tel­lo del con­fron­to mu­sco­la­re tra la se­gre­te­ria del­la Le­ga e il pri­mo cit­ta­di­no. Un con­fron­to che è ini­zia­to me­si fa e si è ina­spri­to ol­tre­mo­do con il vo­to con­tra­rio del Car­roc­cio (in Con­si­glio e in Giun­ta) sul pa­re­re di me­ri­te­vo­lez­za per il Re­fe­ren­dum sul­la se­pa­ra­zio­ne tra Ve­ne­zia e Me­stre. Ma non si trat­ta so­lo di que­sto. Lo stes­so Val­lot­to, nell’in­ter­vi­sta al Gaz­zet­ti­no del 17 set­tem­bre, ave­va lan­cia­to una sor­ta di ul­ti­ma­tum a Bru­gna­ro: «I cit­ta­di­ni che han­no ri­po­sto fi­du­cia in noi so­no tan­ti (11mi­la) e ab­bia­mo il sa­cro­san­to do­ve­re di ave­re del­le ri­spo­ste. È evi­den­te che lo stal­lo non po­trà du­ra­re a lun­go».

In­som­ma, la ten­sio­ne sul­la ge­stio­ne po­li­ti­co-am­mi­ni­stra­ti­va da par­te del sin­da­co e del suo staff ri­stret­to c’è tut­ta, e non ri­guar­da so­lo la Le­ga. Non sa­rà sfug­gi­to (e ba­sta so­lo leg­ge­re le ul­ti­me de­li­be­re di giun­ta pub­bli­ca­te) che la Giun­ta ha ap­pro­va­to 14 de­li­be­re sui la­vo­ri pub­bli­ci in as­sen­za dell’as­ses­so­re Fran­ce­sca Zaccariotto. È nor­ma­le? Fi­no a po­co tem­po fa no. E non è det­to che i pros­si­mi gior­ni non ri­ser­vi­no in­te­res­san­ti svi­lup­pi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.