Mie­le non è in­da­ga­to, «ma è me­glio che si di­met­ta»

Il Gazzetino (Venezia) - - Miranese -

MAR­TEL­LA­GO - Da­vi­de Mie­le non è in­da­ga­to, ma gli av­ver­sa­ri po­li­ti­ci e non so­lo ini­zia­no a chie­der­ne la te­sta. Ie­ri Gia­co­mo Nor­dio, il le­ga­le del segretario e con­si­glie­re co­mu­na­le del Pd ac­cu­sa­to da Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li di am­mi­ni­stra­re una pa­gi­na Fb do­ve al­tri avreb­be­ro in­se­ri­to con­te­nu­ti pe­do­por­no­gra­fi­ci, ha ve­ri­fi­ca­to in Tri­bu­na­le i ca­ri­chi pen­den­ti del suo clien­te, ri­sul­ta­to "pu­li­to". «Ora ho la con­fer­ma, non è sta­to aper­to al­cun fa­sci­co­lo su quan­to ap­par­so nel­la pa­gi­na Fb del­la Lu­ca­rel­li: ne ero cer­to, ho la co­scien­za a po­sto» ha det­to Mie­le, che per ora è sta­to so­spe­so dal Pd e che ri­man­da ogni de­ci­sio­ne sul suo fu­tu­ro do­po il chia­ri­men­to con la Com­mis­sio­ne di Ga­ran­zia. Ora c'è chi ne chie­de aper­ta­men­te le di­mis­sio­ni. «Va stig­ma­tiz­za­ta la in­coe­ren­za po­li­ti­ca del segretario del Pd, che da un la­to scri­ve nel­la sua pa­gi­na Fb di es­se­re por­ta­to­re dei nuo­vi bi­so­gni in un par­ti­to at­ten­to al­le don­ne, dall'al­tro è re­spon­sa­bi­le di una pa­gi­na Fb il cui so­lo ti­to­lo espri­me ses­si­smo ma­sche­ra­to da hu­mour di si­ni­stra. Va­lu­ti se con­ti­nua­re il suo in­ca­ri­co», di­ce il le­ghi­sta Alberto Fer­ri. E Re­na­to Anoè, la cui can­di­da­tu­ra per la se­gre­te­ria del­la se­zio­ne Pd nel 2013 fu re­spin­ta, in­cal­za: «Il segretario di un par­ti­to de­ve evi­ta­re com­por­ta­men­ti im­ba­raz­zan­ti per le per­so­ne che rap­pre­sen­ta. An­che so­lo la de­no­mi­na­zio­ne del­la pa­gi­na Fb da lui am­mi­ni­stra­ta avreb­be do­vu­to in­dur­lo a ri­nun­cia­re al suo ruo­lo. Be­ne ha fat­to il segretario me­tro­po­li­ta­no a so­spen­der­lo e se fos­si Mie­le non avrei aspet­ta­to que­sta ini­zia­ti­va e mi sa­rei su­bi­to di­mes­so». (n.der)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.