To­nut: «Emo­zio­na­to per gli ap­plau­si»

Ot­ti­mo la­vo­ro di De Raffaele La squa­dra ha rit­mo e ve­lo­ci­tà

Il Gazzetino (Venezia) - - Portogruaro - Gia­co­mo Gar­bi­sa

Buo­na la pri­ma dun­que... e non era fa­ci­lis­si­mo.

Can­tù, per quan­to la si voglia ac­co­sta­re ad un can­tie­re aper­to, rap­pre­sen­ta­va co­mun­que un ban­co di pro­va im­por­tan­te spe­cie per quan­to ri­guar­da le di­na­mi­che vi­ci­no al fer­ro do­ve i brian­zo­li so­no in­dub­bia­men­te mol­to at­trez­za­ti.

Non a ca­so la fi­si­ci­tà e l’atle­ti­smo di La­wal po­te­va­no crea­re dei pro­ble­mi al re­par­to "lun­ghi" oro­gra­na­ta e co­sì, al­me­no in par­te, è sta­to con il "be­stio­ne" can­tu­ri­no che in po­st bas­so (ma an­che fron­te a ca­ne­stro) ha avu­to vi­ta fa­ci­le.

A fi­ne par­ti­ta De Raffaele, che ol­tre ad es­se­re un buon tec­ni­co è an­che fur­bo, ha giu­sti­fi­ca­to lo spa­zio con­ces­so a La­wal in­qua­dran­do­lo co­me scel­ta vo­lu­ta­men­te tec­ni­ca.

In so­stan­za la Reyer avreb­be de­ci­so do­po il pri­mo quar­to di con­cen­tra­re gli aiu­ti più su­gli ester­ni can­tu­ri­ni che sui lun­ghi con­si­de­ra­te le al­te per­cen­tua­li fat­te re­gi­stra­re dai brian­zo­li sull’ar­co fi­no a quel mo­men­to.

Co­me di­re... se La­wal ci ha fat­to me­dia­men­te del ma­le è per­chè gliel’ab­bia­mo con­ces­so noi in pie­na co­scien­za.

In so­stan­za un mo­do ele­gan­te per tu­te­la­re Ha­gins che per chia­re ra­gio­ni fi­si­che non può e po­trà mai fa­re a spor­tel­la­te con La­wal e in ge­ne­ra­le con lun­ghi di quel ti­po.

Ed è per que­sto mo­ti­vo che la ve­ra chia­ve per far qua­dra­re i con­ti sot­to il pro­prio ca­ne­stro (i rim­bal­zi non c’en­tra­no) ri­sie­de più che al­tro nel­la qua­li­tà de­gli aiu­ti di Ort­ner (do­me­ni­ca fa­vo­lo­so) e di Ejim che a De­sio ha fat­to pe­rò fa­ti­ca a tro­va­re una sua di­men­sio­ne in cam­po.

Tan­tis­si­me in­ve­ce le note po­si­ti­ve a par­ti­re ov­via­men­te da Stefano To­nut che ha di­spu­ta­to la par­ti­ta per­fet­ta, un ve­ro gi­gan­te in cam­po a li­vel­lo tec­ni­co, di per­so­na­li­tà e di ma­tu­ri­tà. Fa stra­no dir­lo di un ra­gaz­zo di 22 an­ni ma il cam­po ha det­to que­sto. E, a pre­scin­de­re da ciò che To­nut ha fat­to o me­no l’al­tro ie­ri a De­sio, vien da cre­de­re e pen­sa­re che per l’az­zur­ro si sia­no spa­lan­ca­te le por­te per un fu­tu­ro im­por­tan­te... ma­ga­ri con­ti­nuan­do a te­ne­re un pro­fi­lo bas­so e a la­vo­ra­re du­ra­men­te.

E sic­co­me va da­to a Ce­sa­re quel che è di Ce­sa­re, non si può non ac­co­sta­re l’esplo­sio­ne del gio­va­ne az­zur­ro all’ot­ti­mo la­vo­ro e al­le scel­te ef­fet­tua­te da De Raffaele che con pa­zien­za e fi­du­cia è riu­sci­to a ti­rar fuo­ri da To­nut il me­glio.

E il coa­ch oro­gra­na­ta è sta­to di pa­ro­la an­che per quan­to ri­guar­da la nuo­va fi­lo­so­fia di gio­co ba­sa­ta sul rit­mo, sul­la ve­lo­ci­tà e sul­la ca­pa­ci­tà di crea­re spa­zi e op­por­tu­ni­tà in cam­po vi­sto che a De­sio la Reyer ha sfio­ra­to i 100 pun­ti.

Tut­to ciò gra­zie ai gar­ret­ti de­gli ester­ni (Hay­nes, Mc­gee e To­nut) che co­strin­go­no si­ste­ma­ti­ca­men­te le di­fe­se av­ver­sa­rie a la­vo­ra­re, a sbi­lan­ciar­si nel­le ro­ta­zio­ni e a con­ce­de­re al­la fi­ne un ti­ro me­dia­men­te ad al­ta per­cen­tua­le. Ciò che non è mai ac­ca­du­to la scor­sa sta­gio­ne con Green e Goss per ov­vi mo­ti­vi.

Da ri­ve­de­re in­fi­ne Pe­ric, Bra­mos e so­prat­tut­to Fil­loy, for­se il più in dif­fi­col­tà. Un esor­dio col bot­to, ri­fi­lan­do qua­si un «cen­tel­lo» in tra­sfer­ta a Can­tù e ba­gnan­do con un suc­ces­so la pri­ma co­me, in cin­que pre­ce­den­ti dal ri­tor­no in A, era ca­pi­ta­to so­lo ad Avel­li­no nel 2014-2015.

Il 99-92 del Pa­la­de­sio è sta­ta la vit­to­ria del grup­po, con quat­tro oro­gra­na­ta in dop­pia ci­fra, ma è sta­ta so­prat­tut­to la «par­ti­ta» di Stefano To­nut. Una pre­sta­zio­ne mon­stre per il 22en­ne oro­gra­na­ta, chiu­sa a 26 pun­ti con 6/7 da due, 4/5 da tre, 6 fal­li su­bi­ti, 4 as­si­st e un 35 di va­lu­ta­zio­ne che lo ha elet­to Mvp del­la pri­ma gior­na­ta.

«È ve­ro, do­me­ni­ca so­no usci­to tra gli ap­plau­si, mi so­no emo­zio­na­to e mi ha fat­to mol­to pia­ce­re. Pa­pà Alberto ha gio­ca­to a Can­tù, io so­no na­to là ed era una par­ti­ta spe­cia­le an­che per que­sto» con­fes­sa il nu­me­ro 7, do­me­ni­ca al li­mi­te del­la per­fe­zio­ne.

«Nes­sun se­gre­to, cer­ca­vo so­lo di aiu­ta­re la squa­dra a vin­ce­re. Mi ren­de­vo con­to che era una gior­na­ta po­si­ti­va al ti­ro, ma pen­sa­vo so­lo a man­te­ne­re il pia­no ga­ra. Oggi è un al­tro gior­no, già si pen­sa a Ca­po d'or­lan­do».

Prag­ma­ti­co e coi pie­di per ter­ra To­nut, cre­sciu­to a Trie­ste in A2 do­ve si è con­qui­sta­to l'eti­chet­ta di ta­len­to e sboc­cia­to in A nel­la par­te fi­na­le del­la scor­sa sta­gio­ne, che gli ha aper­to le por­te del­la Na­zio­na­le per il pre olim­pi­co.

«La Na­zio­na­le è sta­ta im­por­tan­te, mi ha per­mes­so di ave­re con­ti­nui­tà an­che in esta­te. Lì si im­pa­ra an­che so­lo guar­dan­do i com­pa­gni, al­le­nar­si con lo­ro aiu­ta a mi­glio­ra­re e au­men­ta la fi­du­cia nei pro­pri mez­zi».

E l'esor­dio con Can­tù ha con­fer­ma­to le am­bi­zio­ni del­la Reyer, re­du­ce da due se­mi­fi­na­li scu­det­to. «La vit­to­ria è una con­fer­ma che stia­mo cre­scen­do, an­che se era so­lo la pri­ma e il cam­mi­no è lun­go. Una ga­ra dif­fi­ci­le, il fat­to­re am­bien­ta­le là in­ci­de mol­to, espu­gna­re quel cam­po sa­rà dif­fi­ci­le per tut­ti. Un bel se­gna­le aver vin­to fuo­ri ca­sa no­no­stan­te 92 pun­ti su­bi­ti, dob­bia­mo in­cas­sar­ne mol­ti me­no ma aver fat­to un'ot­ti­ma par­ti­ta of­fen­si­va ci dà ul­te­rio­re fi­du­cia».

Per la ta­len­tuo­sa guar­dia («la­vo­ro per mi­glio­ra­re co­me guar­dia pu­ra, po­treb­be di­ven­ta­re il mio ruo­lo per il pre­sen­te e il fu­tu­ro, si­gni­fi­ca aiu­ta­re il play co­me al Pa­la­de­sio an­che in si­tua­zio­ni di pres­sing») ora cre­sce­ran­no at­ten­zio­ni e pres­sio­ne.

«So­no mi­glio­ra­to e me ne ren­do con­to, ha gran­de im­por­tan­za la fi­du­cia di so­cie­tà, coa­ch e com­pa­gni. Ma an­che il di­ver­ti­men­to che tro­vo ogni vol­ta che en­tro in cam­po. Mi per­met­te di gio­ca­re se­re­na­men­te e ge­sti­re con me­no an­sie gli er­ro­ri. Ave­re an­co­ra più at­ten­zio­ni è pia­ce­vo­le ma non ci pen­so. Uno de­gli obiet­ti­vi sa­rà cer­ca­re di es­se­re il più co­stan­te pos­si­bi­le du­ran­te la sta­gio­ne».

In­tan­to la cre­sci­ta pas­sa dal la­vo­ro quo­ti­dia­no in pa­le­stra.

«Sia­mo una squa­dra con­cre­ta, un grup­po coe­so e uni­to. Il gio­ca­to­re con cui ho più equi­li­brio in que­sto mo­men­to è Hay­nes, atle­ti­co e forte fi­si­ca­men­te. Gio­can­do da play è un van­tag­gio per­ché bat­te spes­so l'uo­mo e crea per gli al­tri. Al­le­nar­si con­tro Mc­gee inol­tre è fan­ta­sti­co per­ché è un su­per atle­ta e un gran gio­ca­to­re, mi aiu­ta mol­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.