Ta­co­pi­na: «Pec­ca­to, ab­bia­mo gio­ca­to be­ne»

Il Gazzetino (Venezia) - - Veneziasport - Marco De Laz­za­ri

«Mar­su­ra bra­vo, con­ti­nua co­sì, la pros­si­ma vol­ta pe­rò il pal­lo­ne cal­cia­lo un po’ sot­to la tra­ver­sa!».

Scher­za, ge­sti­co­la, ab­brac­cia e bat­te il cin­que a tut­ti.

Il pri­mo ko e la di­sce­sa dal pri­mo al se­con­do po­sto del suo Ve­ne­zia non han­no tol­to il buo­nu­mo­re a Joe Ta­co­pi­na.

Ie­ri po­me­rig­gio il pre­si­den­te la­gu­na­re, ap­pe­na at­ter­ra­to da­gli Sta­tes, si è su­bi­to re­ca­to al Ta­lier­cio per ca­ri­ca­re gli aran­cio­ne­ro­ver­di che sa­ba­to cer­che­ran­no il ri­scat­to nel big mat­ch con la Sam­be­ne­det­te­se al Pen­zo (ore 16.30).

«Ra­gaz­zi, nes­sun dram­ma, non è suc­ces­so nien­te, lo 0-1 di Por­de­no­ne non mi ha toc­ca­to per­ché è im­pos­si­bi­le vin­ce­re sem­pre - la fi­lo­so­fia dell'av­vo­ca­to new­yor­ke­se -. Poi ab­bia­mo gio­ca­to be­ne per buo­na par­te del­la ga­ra, quan­do riu­sci­re­mo a far­lo per 90' non ci sa­rà sto­ria. È nor­ma­le fa­ti­ca­re e non bi­so­gna pre­oc­cu­par­si, ba­sta in­si­ste­re nel la­vo­ro».

Pri­ma che gli sia po­sta la do­man­da, Ta­co­pi­na an­ti­ci­pa tut­ti.

«Già, set­te gol in set­te par­ti­te so­no po­chi, pe­rò ab­bia­mo in­cas­sa­to so­lo tre re­ti e que­sto da­to è mol­to più im­por­tan­te. Ades­so Do­miz­zi ha qual­che pro­ble­ma, ci man­ca­va­no Bal­dan­zed­du e Ga­ro­fa­lo, quan­do sa­ran­no tut­ti a po­sto la di­fe­sa sa­rà an­cor più un mu­ro. E co­mun­que gli at­tac­can­ti per se­gna­re di più ci so­no, è una que­stio­ne di amal­ga­ma, di abi­tu­di­ne a gio­ca­re in­sie­me. An­che per que­sto In­za­ghi sta va­lu­tan­do il mo­du­lo mi­glio­re per far ren­de­re tut­ti al top».

Oggi, non pri­ma di col­le­gar­si con Sky dal Ta­lier­cio, vo­le­rà a Londra per la due-gior­ni del «The sport bu­si­ness sum­mit» or­ga­niz­za­to dal Chel­sea a Stam­ford Brid­ge. Un mee­ting che se­gna il pri­mo com­plean­no del­la pre­si­den­za Ta­co­pi­na.

«Un bi­lan­cio? È sta­to un an­no straor­di­na­rio, ave­vo gran­di aspet­ta­ti­ve ma non pen­sa­vo di in­stau­ra­re un fee­ling co­sì «ener­ge­ti­co» con la cit­tà e con la gen­te. Ab­bia­mo co­strui­to tut­to da ze­ro, sia­mo tor­na­ti in Le­ga Pro, ora la­vo­ria­mo per la se­rie B e at­tor­no a noi c'è una gran­dis­si­ma at­ten­zio­ne me­dia­ti­ca. In Ita­lia e all'este­ro tut­ti vo­glio­no sa­pe­re, non di Ta­co­pi­na, In­za­ghi o Pe­ri­net­ti, ma di Ve­ne­zia e del Ve­ne­zia. Mi au­gu­ro di con­ti­nua­re co­sì an­co­ra per tan­ti e tan­ti an­ni».

Dai ti­fo­si ar­ri­va­no se­gna­li di ri­sve­glio al Pen­zo.

«La co­sa che più mi fa pia­ce­re è que­sta, per stra­da mi ha fer­ma­to un ti­fo­so an­zia­no che mi ha rin­gra­zia­to di­cen­do­si nuo­va­men­te or­go­glio­so del Ve­ne­zia. Que­sto è uno dei no­stri obiet­ti­vi, chia­ra­men­te non ci aspet­ta­va­mo «tut­to e su­bi­to», pe­rò ho gran­de la fi­du­cia che la gen­te sen­ta il de­si­de­rio dei co­lo­ri aran­cio­ne­ro­ver­di».

Tut­ta­via il Ve­ne­zia non ha tut­to­ra uno spon­sor sul­la ma­glia.

«È co­me sul fron­te sta­dio, ogni gior­no ab­bia­mo con­tat­ti e fac­cia­mo pas­si in avan­ti. La ma­glia è il no­stro bi­gliet­to da visita, non è una que­stio­ne di sol­di né vo­glio un mar­chio qua­lun­que, ma un part­ner che cre­da e voglia cre­sce­re con noi. Pri­ma o poi tro­ve­re­mo il no­me giu­sto».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.