LA STRA­GE

Vit­to­rio Vi­sen­tin nell’84 ster­mi­nò la sua fa­mi­glia e fi­nì in un ma­ni­co­mio

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità - Giu­sep­pe Pie­tro­bel­li

Per tren­ta­due an­ni è vis­su­ta ac­can­to all'as­sas­si­no del­le sue fi­glie. Il pro­prio ma­ri­to. Va­le­ria Dal Sas­so è una mo­glie straor­di­na­ria­men­te co­rag­gio­sa, una don­na in­na­mo­ra­ta all'in­ve­ro­si­mi­le e una ma­dre ca­pa­ce di un ge­sto di per­do­no eroi­co e dram­ma­ti­co, co­min­cia­to nell'al­ba tra­gi­ca del 7 mar­zo 1984, quan­do l'ex uf­fi­cia­le di ma­ri­na Vit­to­rio Vi­sen­tin ave­va di­strut­to in po­chi at­ti­mi tre gio­va­ni, in­di­fe­se, pic­co­le vi­te. La lo­ro fa­mi­glia. A col­pi di mar­tel­lo, di fer­ro da sti­ro e di mat­to­ne, ave­va dap­pri­ma in­fie­ri­to su di lei, che dor­mi­va in ca­me­ra ma­tri­mo­nia­le, fe­ren­do­la in mo­do gra­ve. Poi, re­so cie­co dal­la fol­lia, si era av­vi­ci­na­to ai let­ti­ni do­ve dor­mi­va­no Sa­ra, Cin­zia e Va­len­ti­na. La più gran­de ave­va 8 an­ni, la so­rel­li­na 5, l'ul­ti­ma ar­ri­va­ta un an­no ap­pe­na. Ave­va col­pi­to con una vio­len­za tre­men­da, per can­cel­la­re le per­so­ne che gli era­no più ca­re. Poi era fug­gi­to. Fuo­ri di sen­no, per una set­ti­ma­na ave­va va­ga­to per l'ita­lia, pri­ma che i ca­ra­bi­nie­ri lo ar­re­stas­se­ro, a po­chi chi­lo­me­tri da Vi­cen­za. “Avrei vo­lu­to che an­che lei fos­se mor­ta” ave­va det­to, al­lu­den­do al­la mo­glie ri­co­ve­ra­ta in ospe­da­le, pri­ma di chiu­der­si nel si­len­zio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.