«Mi­gran­ti, in Ve­ne­to al­tri 1.350»

Il go­ver­na­to­re Za­ia: è un ve­ro as­se­dio, la re­gio­ne ne ha ac­col­ti già qua­si 30mi­la. «Pa­laz­zo Chi­gi ci ascol­ti»

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest - A. Bu.

TRE­VI­SO - Strut­tu­re al col­las­so, pro­te­ste dei cit­ta­di­ni, ron­de di re­si­den­ti, pre­fet­ti che si ve­do­no sfug­gi­re la si­tua­zio­ne di ma­no e pre­ti che con­ti­nua­no ad in­vi­ta­re a non la­sciar­si an­da­re ad at­teg­gia­men­ti e com­por­ta­men­ti raz­zi­sti.

Il Ve­ne­to sta di­ven­tan­do una ve­ra e pro­pria bom­ba ad oro­lo­ge­ria. Ba­sta cam­mi­na­re tra le vie di una qual­sia­si cit­tà o pae­se tra Ve­ro­na e Bel­lu­no, tra le cal­li di Ve­ne­zia o i por­ti­ci di Tre­vi­so, ma an­che ad Aba­no o nell’hin­ter­land pa­do­va­no: ad ogni an­go­lo c’è qual­che gio­va­ne che chie­de un po’ di sol­di ma che non sem­pre ac­cet­ta gli ven­ga of­fer­to qual­co­sa da man­gia­re. Vo­glio­no al­tro, de­na­ro? La­vo­ro? An­dar­se­ne da que­sta Ita­lia che da so­gno si è tra­sfor­ma­ta in in­cu­bo?

Ma in­tan­to i numeri, quel­li uf­fi­cia­li e quel­li "co­per­ti" so­no lì a ricordare e ag­gior­na­re una con­ta­bi­li­tà del­la di­spe­ra­zio­ne sem­pre me­no ge­sti­bi­le.

Se ne è fat­to por­ta­vo­ce, an­co­ra una vol­ta, il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne del Ve­ne­to, Lu­ca Za­ia. In mo­do ta­glien­te, co­me è uso.

«La ge­stio­ne dell’im­mi­gra­zio­ne in Ita­lia è al col­las­so: so­lo ie­ri al­tri sei­mi­la sbar­chi; e in Ve­ne­to numeri che nes­su­no vuo­le si sap­pia­no: ri­spet­to agli 11.587 mi­gran­ti im­po­sti dal Go­ver­no al 4 ago­sto scor­so, sia­mo pas­sa­ti a 13.289 al 12 set­tem­bre, 1.702 in più in un so­lo me­se. Da 26.102 ar­ri­va­ti ad ago­sto a 28.072 al 12 set­tem­bre, dei qua­li 16.135 spa­ri­ti nel nul­la, co­me fan­ta­smi e se­con­do Ro­ma ne ar­ri­ve­ran­no pre­sto al­tri 1.353».

A Tre­vi­so, so­lo po­chi gior­ni fa il pre­fet­to Lau­ra Le­ga, ha mi­nac­cia­to san­zio­ni e prov­ve­di­men­ti se si do­ves­se­ro ri­pe­te­re le pro­te­ste di piaz­za in­sce­na­te dai mi­gran­ti che con­te­sta­va­no le lun­gag­gi­ni bu­ro­cra­ti­che per il ri­la­scio dei per­mes­si. Un mo­ti­vo in più per Za­ia di lan­cia­re una ve­ra e pro­pria de­nun­cia che è an­che po­li­ti­ca.

In Ve­ne­to, di­ce Za­ia, c’è «una si­tua­zio­ne im­mi­gra­to­ria che, se non è apo­ca­lit­ti­ca, po­co ci man­ca, an­che per­ché, sen­za in­ter­ven­ti ur­gen­ti e dra­sti­ci, col pas­sa­re del tem­po po­trà an­da­re so­lo peg­gio». E ci­ta il ca­so di Aba­no «La più gran­de zo­na ter­ma­le d’ita­lia, do­ve gli al­ber­ga­to­ri chie­do­no di es­se­re ri­ce­vu­ti dal mi­ni­stro com­pe­ten­te che li snob­ba» ma an­che «i sin­da­ci che ven­go­no la­scia­ti con il ce­ri­no in ma­no; un sin­da­ca­to di po­li­zia che de­nun­cia "spre­chi" di agen­ti as­se­gna­ti a se­gui­re ac­com­pa­gna­men­ti e ri­co­no­sci­men­ti di mi­gran­ti e quin­di tol­ti dal la­vo­ro di con­tra­sto al­la cri­mi­na­li­tà; l’eu­ro­pa che al­za mu­ri e l’ita­lia che sem­pli­ce­men­te aspet­ta im­po­ten­te l’ar­ri­vo di al­tri bar­co­ni. Il pun­to di non ri­tor­no è vi­ci­no, se già non è sta­to su­pe­ra­to».

Per que­sto, ri­ba­di­sce uno Za­ia pre­oc­cu­pa­to che par­la di as­se­dio, «È ur­gen­tis­si­mo che il Go­ver­no dia ascol­to al­le ri­chie­ste che, con i col­le­ghi Ma­ro­ni e To­ti, ab­bia­mo formalizzato nell’ac­cor­do di Genova, a co­min­cia­re da un in­con­tro con le Re­gio­ni, da espul­sio­ni im­me­dia­te per co­lo­ro che non ot­ten­go­no lo sta­tus di ri­fu­gia­to, con re­la­ti­vo ri­pri­sti­no del rea­to di im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na per chi non è in pos­ses­so dei re­qui­si­ti ne­ces­sa­ri. E poi oc­cor­re or­ga­niz­za­re un’ac­co­glien­za in Nor­da­fri­ca, do­ve cu­ra­re i ma­la­ti, as­si­ste­re i bi­so­gno­si crean­do cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e re­spin­ge­re al­la fon­te tut­ti gli al­tri. A pa­ro­le tut­ti d’ac­cor­do, ma nes­su­no fa nien­te e que­sto è gra­vis­si­mo».

«L’eu­ro­pa al­za

mu­ri, noi aspet­tia­mo al­tri bar­co­ni»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.