Bo­nuc­ci apre a Ba­lo: «È ma­tu­ra­to»

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

FIRENZE - Pri­ma la com­mo­zio­ne di un pa­dre da­van­ti al­la ma­lat­tia che nei me­si scor­si ha col­pi­to il fi­glio più pic­co­lo, Mat­teo, due an­ni ap­pe­na. Poi il rug­gi­to del guer­rie­ro che da an­ni gui­da la di­fe­sa del­la Ju­ve e del­la Na­zio­na­le e aspet­ta di sfi­da­re do­ma­ni la Spa­gna di Morata e Inie­sta spe­ran­do di bat­ter­la co­me è sta­to ai re­cen­ti Eu­ro­pei. Leo­nar­do Bo­nuc­ci si con­fer­ma pro­ta­go­ni­sta, in cam­po e fuo­ri.

L'az­zur­ro ha rac­con­ta­to, co­me mai fat­to fi­no­ra, dei due me­si dif­fi­ci­li vis­su­ti da lui e dal­la sua fa­mi­glia «ma al­la fi­ne ne so­no usci­to più for­te gra­zie a Mat­teo, all'al­tro mio fi­glio e a mia mo­glie. Il cal­cio è im­por­tan­te ma lo è di più quel che ac­ca­de nel­la vi­ta, ho ca­pi­to più che mai qua­li so­no le co­se che con­ta­no per dav­ve­ro, mol­to più di un pas­sag­gio sba­glia­to». Si è com­mos­so Bo­nuc­ci, gli oc­chi lu­ci­di, la vo­ce in­cri­na­ta. Poi ha la­scia­to lo spa­zio al­la sfi­da al­lo Sta­dium «che mi tra­smet­te sem­pre tan­ta ener­gia. Af­fron­tia­mo la favorita, lo era an­che in Fran­cia ma poi la bat­tem­mo e il pen­sie­ro mi ga­sa tan­to. Cer­to, ora è una na­zio­na­le di­ver­sa, ha cam­bia­to ct, vor­rà ri­scat­tar­si, gio­che­rà una ga­ra of­fen­si­va con pre­sun­zio­ne ma an­che con ri­spet­to. Noi al­lo­ra do­vre­mo da­re di più di quan­to fat­to in Israe­le».

Af­fron­ta­re la Spa­gna si­gni­fi­ca an­che sfi­da­re l'ami­co Morata: «In po­chi an­ni di­ven­te­rà tra i più for­ti al mon­do». Con Barzagli e a Buf­fon gui­de­rà an­co­ra la di­fe­sa az­zur­ra co­me suc­ce­de nel­la Ju­ve, man­che­rà so­lo Chiel­li­ni per squa­li­fi­ca, al suo po­sto ci sa­rà il gio­va­ne Ro­ma­gno­li che Bo­nuc­ci pro­muo­ve a pie­ni vo­ti: «In­sie­me a Ru­ga­ni rap­pre­sen­ta il fio­re all'oc­chiel­lo del­la di­fe­sa del­la Na­zio­na­le del fu­tu­ro». Una Na­zio­na­le che po­treb­be ac­co­glie­re di nuo­vo Ba­lo­tel­li: «Le por­te so­no sem­pre aper­te e Ma­rio con quel che ha det­to di re­cen­te sta ini­zian­do a pen­sa­re co­me un adul­to. Ora de­ve mo­stra­re di ave­re ma­tu­ri­tà e umil­tà in cam­po e fuo­ri. Il Ba­lo­tel­li del­le "ba­lo­tel­la­te" non ser­ve: sia­mo cre­sciu­ti as­sie­me, da pic­co­li lo pren­de­vo sot­to brac­cio, gli tap­pa­vo la boc­ca, lo con­so­la­vo, gli ho sem­pre vo­lu­to be­ne. Se ca­pi­sce co­me com­por­tar­si per di­ven­ta­re im­por­tan­te in un grup­po non ve­do per­ché, con­si­de­ran­do le sue qua­li­tà tec­ni­che, non deb­ba tor­na­re». Chiu­su­ra con qual­che rim­pian­to le­ga­to ai re­cen­ti Eu­ro­pei: «Avrem­mo do­vu­to la­vo­ra­re me­glio sui ri­go­ri, non li aves­si­mo con­si­de­ra­ti scon­ta­ti con la Ger­ma­nia for­se sa­reb­be fi­ni­ta di­ver­sa­men­te". Ora pe­rò c'è da ma­ta­re la Spa­gna.

COM­MO­ZIO­NE «Mio fi­glio mi ha fat­to

ca­pi­re tan­te co­se»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.