Non c’era il dot­to­re, nien­te vi­si­te ai cie­chi

Per due an­ni il ser­vi­zio è ri­ma­sto so­spe­so, so­lo ora po­trà ri­pren­de­re con l’ar­ri­vo di uno spe­cia­li­sta

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano -

(vmc) Do­po due an­ni d'inat­ti­vi­tà per man­can­za di me­di­ci e am­bu­la­to­ri de­di­ca­ti, en­tro fi­ne me­se l'inps pro­vin­cia­le ri­pren­de­rà gli ac­cer­ta­men­ti per ce­ci­tà. Le domande ac­cu­mu­la­te e all'esa­me del­la com­mis­sio­ne com­pe­ten­te so­no cir­ca 200. E ie­ri, Be­nia­mi­no Fer­ra­ri, di­ret­to­re Inps per il Ve­ne­zia­no, ha an­nun­cia­to che «fi­nal­men­te, gra­zie all'ap­por­to di un me­di­co spe­cia­liz­za­to, que­sta po­trà ri­pren­de­re a pie­no rit­mo la sua at­ti­vi­tà e smal­ti­re ra­pi­da­men­te tut­te le pra­ti­che ar­re­tra­te». Per l'inps, la par­ti­ta non ve­den­ti è sta­ta per lun­go tem­po un ve­ro e pro­prio tor­men­to­ne, cau­sa d'im­ba­raz­zo e all'ori­gi­ne di non po­che la­men­te­le. «Da due an­ni uno spe­cia­li­sta per gli ac­cer­ta­men­ti non lo ave­va­mo e nem­me­no riu­sci­va­mo a tro­var­lo. Ov­via­men­te, non po­te­va­mo cer­to pro­gram­ma­re vi­si­te e ac­cer­ta­men­ti me­di­ci in sua as­sen­za - ha ag­giun­to il di­ret­to­re - Ora, in­ve­ce, il pro­ble­ma è ri­sol­to. Co­me quel­lo non me­no fon­da­men­ta­le de­gli am­bu­la­to­ri. Per Ve­ne­zia ne apri­re­mo uno a Marghera, gra­zie a un'in­te­sa rag­giun­ta con l'inail che ha mes­so a di­spo­si­zio­ne lo­ca­li ade­gua­ti. Per co­pri­re il Ve­ne­to Orien­ta­le, in­ve­ce, ci stia­mo ac­cor­dan­do con l'asl di San Do­nà di Pia­ve». Nel­la me­de­si­ma oc­ca­sio­ne, Fer­ra­ri ha snoc­cio­la­to i da­ti ine­ren­ti il per­so­na­le Inps. Tra di­re­zio­ne pro­vin­cia­le e agen­zie ter­ri­to­ria­li, pas­sa­to da 352 a 320 uni­tà fra il 31 gen­na­io 2015 e il pri­mo ago­sto 2016 (me­no 9,9%), e a li­vel­lo di di­ri­gen­ti e pro­fes­sio­ni­sti ca­la­to da 12 a 10 per­so­ne nel­lo stes­so ar­co tem­po­ra­le (me­no 16,67%). «I numeri so­no quel­li che so­no, ma la qua­li­tà del ser­vi­zio non peg­gio­ra. An­zi, re­gi­stria­mo da­ti di pro­du­zio­ne mi­glio­ri, no­no­stan­te l'evi­den­te ca­ren­za di per­so­na­le - ha pre­ci­sa­to il di­ret­to­re - Dun­que, fin qui, tut­to be­ne. Ma so­lo gra­zie al­la pro­fes­sio­na­li­tà e al­lo spi­ri­to di ser­vi­zio dei di­pen­den­ti ri­ma­sti. Tan­to che c'è da chie­der­si fi­no a quan­do sa­re­mo nel­le con­di­zio­ni di reg­ge­re at­ti­vi­tà ispet­ti­ve e d'ac­cer­ta­men­to e rit­mi di la­vo­ro sem­pre più im­pe­gna­ti­vi, se non do­ves­se­ro per­ve­ni­re ri­spo­ste ade­gua­te da chi di do­ve­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.