«Aiu­ta­te­mi a met­te­re un fio­re sul­la tom­ba»

Il Gazzetino (Venezia) - - Martellago s.mariadisala spinea - Se­re­nel­la Bet­tin

Se­gue e cu­ra amo­re­vol­men­te il ma­ri­to ma­la­to per 38 an­ni, poi lui muo­re e ora lei non può nem­me­no met­te­re un fio­re sul­la tom­ba. È il 26 ago­sto scor­so. Ge­lin­do An­dreel­lo muo­re a 87 an­ni. La sua vo­lon­tà è quel­la di es­se­re mes­so a "ri­po­sa­re" non a ter­ra ma in un lo­cu­lo nel ci­mi­te­ro di Cal­ta­na. Co­sì la sua tom­ba vie­ne col­lo­ca­ta nel­la quin­ta ri­ga par­ten­do dal bas­so, a cir­ca tre me­tri di al­tez­za. Una po­si­zio­ne sco­mo­da per chi si tro­va a do­ver­la rag­giun­ge­re. La ve­do­va, che ha 85 an­ni, sof­fre di ar­tro­si e di pro­ble­mi di deam­bu­la­zio­ne: ha una pro­te­si all'an­ca e due er­nie al­la schie­na. Ar­ri­va­re fi­no in ci­ma per met­te­re un maz­zo di fiori o pog­gia­re la ma­no sul­la fo­to del ma­ri­to, ri­sul­ta dun­que mol­to dif­fi­ci­le. L’an­zia­na do­vreb­be sa­li­re sul­la sca­la mo­bi­le di fer­ro, con i fiori in ma­no, ri­schian­do di per­de­re l'equi­li­brio. Ma an­che una vol­ta ar­ri­va­ta in ci­ma (co­me si ve­de nel­la fo­to) non riu­sci­reb­be co­mun­que a rag­giun­ge­re il lo­cu­lo a cau­sa del­la di­stan­za che se­pa­ra la la­pi­de dall'ul­ti­mo gra­di­no del­la sca­la. La ve­do­va as­sie­me al­la fi­glia si è ri­vol­ta al Co­mu­ne, chie­den­do di po­ter spo­sta­re la tom­ba al pri­mo o al se­con­do li­vel­lo. «Il di­ri­gen­te pre­po­sto - di­ce la fi­glia - ha det­to che la nor­ma­ti­va (Re­go­la­men­to po­li­zia ci­mi­te­ria­le ndr) sta­bi­li­sce che so­lo chi ha il 74% di in­va­li­di­tà può ave­re la pos­si­bi­li­tà di ot­te­ne­re uno spo­sta­men­to». La ve­do­va, sep­pur con pro­ble­mi, pre­sen­ta una in­va­li­di­tà in­fe­rio­re. «Ol­tre al do­lo­re del­la per­di­ta del com­pa­gno di una vi­ta - di­ce la fi­glia - mia ma­dre si ve­de ne­ga­ta la pos­si­bi­li­tà di por­ta­re un fio­re a mio pa­dre o di ac­ca­rez­zar­ne la tom­ba». La fi­glia si è ri­vol­ta al sin­da­co Ni­co­la Fra­go­me­ni. «Ci ha det­to che si ri­ser­va di par­la­re con i di­ri­gen­ti - di­ce ma noi fa­mi­lia­ri ci chie­dia­mo, quel re­go­la­men­to ri­spet­ta le nor­me di si­cu­rez­za? Far sa­li­re una per­so­na an­zia­na su quel­la sca­la è si­cu­ro?». Il sin­da­co ri­spon­de: «Pur­trop­po chi ha fat­to il re­go­la­men­to non ha te­nu­to con­to che i ci­mi­te­ri so­no fre­quen­ta­ti più da an­zia­ni che da gio­va­ni. Ho det­to al­la si­gno­ra che in­ten­do mo­di­fi­ca­re la nor­ma­ti­va ma ci so­no dei pas­sag­gi da ri­spet­ta­re, de­vo at­ten­de­re il Con­si­glio co­mu­na­le e ho sa­pu­to que­sta co­sa so­lo cin­que gior­ni fa».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.