Il par­ro­co sco­mo­do: di­cia­mo sì a sa­cer­do­ti spo­sa­ti e don­ne-pre­te

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest - Al­vi­se Spe­ran­dio

La gen­te lo ama non so­lo per­ché nel­la sua vi­ta ha fat­to mol­to del be­ne, ma an­che per­ché non ha mai avu­to pe­li sul­la lin­gua, a co­sto di an­da­re con­tro­cor­ren­te e di­ven­ta­re sco­mo­do tra le ge­rar­chie ec­cle­sia­sti­che. Don Ar­man­do Tre­vi­siol, 87 an­ni, una vi­ta spe­sa per i po­ve­ri e gli an­zia­ni, ora si sen­te li­be­ro di met­te­re per iscrit­to una pro­po­sta che d'al­tra par­te rac­co­glie il pen­sie­ro di mol­ti: per­met­te­re ai pre­ti che lo vo­les­se­ro di spo­sar­si e apri­re il sa­cer­do­zio al­le don­ne.

Lo fa sull'ul­ti­mo nu­me­ro de «L'in­con­tro», il fo­glio set­ti­ma­na­le che ha fon­da­to una doz­zi­na di an­ni fa quan­do è an­da­to «in pen­sio­ne» (ri­go­ro­sa­men­te tra vir­go­let­te per­ché in real­tà la­vo­ra più di pri­ma) e che vie­ne di­stri­bui­to a Me­stre in 5 mi­la co­pie. E lo fa pren­den­do spun­to dal­la vi­cen­da che ri­guar­da don Mar­co Scar­pa, il par­ro­co ve­ne­zia­no di San Pan­ta­lon che il me­se scor­so ha la­scia­to la to­na­ca con una spie­ga­zio­ne uf­fi­cia­le co­mu­ni­ca­ta in chie­sa ai fe­de­li al ter­mi­ne del­la mes­sa do­me­ni­ca­le e poi po­sta­ta su Fa­ce­book in cui ha par­la­to di «un tem­po di so­spen­sio­ne per una ve­ri­fi­ca nell'am­bi­to dell'af­fet­ti­vi­tà», la­scian­do tra­spa­ri­re l'esi­sten­za di un le­ga­me sen­ti­men­ta­le. Il ca­so è sa­li­to al­la ri­bal­ta del­le cro­na­che na­zio­na­li. Ora don Tre­vi­siol, che don Scar­pa lo co­no­sce be­ne aven­do­lo avu­to per 11 an­ni co­me suo vi­ca­rio quand'era ar­ci­pre­te dei San­ti Ger­va­sio e Pro­ta­sio di Car­pe­ne­do, una del­le par­roc­chie più im­por­tan­ti del­la dio­ce­si che ha gui­da­to dal 1971 al 2005, ha fat­to sa­pe­re la sua. Co­glien­do l'oc­ca­sio­ne per spa­lan­ca­re la ri­fles­sio­ne su un te­ma, quel­lo del ma­tri­mo­nio dei pre­ti, che re­sta sem­pre vi­vo so­prat­tut­to in tem­pi di ri­du­zio­ne del­le vo­ca­zio­ni.

«Il mio con­tri­bu­to, di­scre­to, ri­spet­to­so, ma con­vin­to vuol es­se­re un pic­co­lo ap­por­to per af­fron­ta­re con più de­ci­sio­ne un an­sio­so pro­ble­ma che ap­pa­re ap­pe­so sul­le nu­vo­le e si te­me che pro­vo­chi un ca­ta­cli­sma qua­lo­ra lo si ca­las­se a ter­ra - scri­ve l'an­zia­no sa­cer­do­te - Io so­no del parere che pri­ma o do­po la lo­ro con­sa­cra­zio­ne i pre­ti pos­so­no ri­ma­ne­re li­be­ri nel­le lo­ro scel­te di re­sta­re ce­li­bi o spo­sar­si. Mi pa­re bel­lo, af­fa­sci­nan­te e op­por­tu­no che nel­la Chie­sa vi sia­no crea­tu­re che fac­cia­no la scel­ta di de­di­car­si cor­po e ani­ma ai fe­de­li da ce­li­bi. Pe­rò pen­so pu­re che non vi sia mo­ti­vo di al­cun ge­ne­re (per op­por­si, ndr) an­che se chi sce­glie di fa­re il pre­te, lo fac­cia pu­re da co­niu­ga­to. Tut­te le mo­ti­va­zio­ni con­tro que­sta te­si mi sem­bra­no an­ti­sto­ri­che e non re­li­gio­se».

Don Tre­vi­siol og­gi vi­ve in uno dei 400 ap­par­ta­men­ti per an­zia­ni au­to­suf­fi­cien­ti che ha rea­liz­za­to ne­gli ul­ti­mi 22 an­ni con i sei cen­tri in­ti­to­la­ti al­la me­mo­ria del suo mae­stro, quel mon­si­gnor Va­len­ti­no Vec­chi di cui fu vi­ca­rio nel duo­mo di Me­stre: da lì con­ti­nua a scri­ve­re al­la cit­tà. «Ag­giun­go con estre­ma fran­chez­za che è giun­to il tem­po che pu­re le don­ne nu­bi­li o co­niu­ga­te pos­sa­no fa­re la scel­ta di ser­vi­re Dio e il pros­si­mo all'in­ter­no del­la co­mu­ni­tà cri­stia­na eser­ci­tan­do il mi­ni­ste­ro sa­cer­do­ta­le. Gli ar­go­men­ti con­tro so­no per me fu­ti­li, ar­re­tra­ti e mi­ni­ma­men­te re­li­gio­si. Que­ste scel­te - con­ti­nua cam­bie­ran­no la si­tua­zio­ne pre­oc­cu­pan­te e pre­ca­ria del­le no­stre par­roc­chie, cree­ran­no di­scus­sio­ni e scon­tri, ma mi pa­re che que­sto non sia un pro­ble­ma. La leg­ge del­la vi­ta non è sta­ti­ci­tà, ma evo­lu­zio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.