Guzzon e gli al­tri, i no­di del­la Giun­ta Bru­gna­ro

I ruo­li di Zac­ca­riot­to e D’este, le fi­bril­la­zio­ni dei par­ti­ti Il sin­da­co non com­men­ta, ma de­ve rias­se­sta­re la squa­dra

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano - Mi­che­le Ful­lin

Nes­su­na pos­si­bi­li­tà di ri­pen­sa­men­to per l’as­ses­so­ra al Com­mer­cio Fran­ce­sca Guzzon, che mar­te­dì se­ra con una mail di po­che pa­ro­le in­di­riz­za­ta al sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro ha ras­se­gna­to le di­mis­sio­ni. La co­mu­ni­ca­zio­ne è sta­ta da lei pro­to­col­la­ta ie­ri mat­ti­na e quin­di, an­che for­mal­men­te l’am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le ha un as­ses­so­re in me­no nel bel mez­zo di un mo­men­to di ten­sio­ne con la Le­ga, par­ti­to che fa par­te dell’al­lean­za e al­la qua­le la Guzzon fa ca­po.

«Di­mis­sio­ni? No, par­lia­mo d’al­tro, dai». Il sin­da­co pre­fe­ri­sce in que­sto mo­men­to evi­ta­re ogni commento, pub­bli­co ma an­che con i suoi non si è sbi­lan­cia­to più di tan­to, se non per di­re che gli è di­spia­ciu­to ma che il pro­ble­ma non era con lui. Bru­gna­ro ha poi ri­cor­da­to di aver­ne par­la­to an­che con i re­fe­ren­ti del Car­roc­cio, con­cor­di nel trat­ta­re la que­stio­ne di­mis­sio­ni li­qui­dan­do­la con i mo­ti­vi per­so­na­li e di es­se­re pron­to a da­re la ter­za chan­ce al­la Le­ga, con l’in­di­ca­zio­ne di un nuo­vo as­ses­so­re. An­zi di una nuo­va as­ses­so­ra, per­ché le quo­te ro­sa de­vo­no es­se­re ri­spet­ta­te an­che se non c’è scrit­to da nes­su­na par­te che il re­fe­ra­to al Com­mer­cio de­ve es­se­re di per­ti­nen­za del Car­roc­cio. An­zi, l’ad­dio di Guzzon po­treb­be l’oc­ca­sio­ne per una re­di­stri­bu­zio­ne del­le de­le­ghe a li­vel­lo ge­ne­ra­le. Ma que­sto do­po la me­tà del­la pros­si­ma set­ti­ma­na, dal mo­men­to che sa­ba­to Bru­gna­ro vo­le­rà a New York, do­ve è sta­to in­vi­ta­to per il Co­lum­bus Day dal sin­da­co Bill De Bla­sio at­tra­ver­so la re­cen­te vi­si­ta del Fi­re com­mis­sio­ner Da­niel Ni­gro, già eroe dell’11 set­tem­bre co­me co­man­dan­te dei vi­gi­li del fuo­co.

Si è tor­na­to a par­la­re an­che di av­vi­cen­da­men­ti, poi­ché il sin­da­co con­ti­nua a mal di­ge­ri­re la pre­sen­za in giun­ta di un rap­pre­sen­tan­te del­la li­sta di Gia­nan­ge­lo Bel­la­ti, con il qua­le si so­no rot­ti i rap­por­ti al mo­men­to del bal­lot­tag­gio. Il no­me di Gior­gio D’este, as­ses­so­re al­la Si­cu­rez­za (che pe­ral­tro sem­bra stia fa­cen­do un buon la­vo­ro) è sta­to sul­la boc­ca de­gli ad­det­ti ai la­vo­ri per mol­ti me­si, fa­cen­do pre­sa­gi­re un im­mi­nen­te rim­pa­sto, che non si è mai ve­ri­fi­ca­to. Ci so­no poi nel­la com­pa­gi­ne di mag­gio­ran­za per­so­ne che scal­pi­ta­no, par­ti­ti che vor­reb­be­ro con­ta­re di più, men­tre si at­ten­de an­co­ra di ca­pi­re il per­ché di tut­te quel­le de­li­be­re sui La­vo­ri pub­bli­ci ap­pro­va­te in as­sen­za dell’as­ses­so­ra Fran­ce­sca Zac­ca­riot­to, pre­sen­te co­me al­lea­to al­le ele­zio­ni con la li­sta "Ve­ne­zia Do­ma­ni".

Quel­lo che è cer­to è che nes­su­no in Giun­ta sem­bra strac­ciar­si le ve­sti per l’usci­ta del­la Guzzon. Lei, tut­ta­via, non ci sta a ve­de­re li­qui­da­te le sue di­mis­sio­ni co­me un fat­to pri­va­to del ti­po "po­ve­ri­na, non ce la fa­ce­va più".

«Non è una que­stio­ne per­so­na­le - pre­ci­sa - an­che se que­sta si­tua­zio­ne ne­gli ul­ti­mi me­si è sta­ta mol­to pe­san­te per me. Io so­no usci­ta, lo ri­ba­di­sco, per­ché

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.