"In piaz­za co­me una vol­ta" Do­ma­ni se­ra l’even­to: so­no at­te­se 2mi­la per­so­ne

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Raf­fae­le Ro­sa

Mol­to di più che una rim­pa­tria­ta. «Ri­tro­via­mo­ci in piaz­za co­me una vol­ta», la reu­nion or­ga­niz­za­ta via Fa­ce­book per do­ma­ni se­ra, ve­ner­dì 7 ot­to­bre, in piaz­za Fer­ret­to po­treb­be di­ven­ta­re un se­gna­le im­por­tan­te del­la Me­stre che rea­gi­sce e vuo­le ri­vi­ve­re i tem­pi in cui la cit­tà era un pun­to di ri­fe­ri­men­to del gla­mour, dei bei ne­go­zi an­che per chi ar­ri­va­va dal­le pe­ri­fe­rie.

Il ten­ta­ti­vo, na­to qua­si per gio­co e di­ven­ta­to virale gra­zie ai so­cial net­work por­ta la re­gia di Ro­ber­to Ve­ne­ran­do, den­ti­sta me­stri­no, clas­se '64. Uno di quel­li che ha vis­su­to la piaz­za ne­gli an­ni '70 e '80 co­me pun­to di ri­fe­ri­men­to per tro­var­si con gli ami­ci, per be­re lo spri­tz, per am­mi­ra­re le ra­gaz­ze e per fa­re an­che quel­lo che al­lo­ra non era an­co­ra lo shop­ping. In­som­ma, era uno dei tan­ti al­tri gio­va­ni me­stri­ni di al­lo­ra per cui an­da­re in piaz­za era una ten­den­za, un mo­do di es­se­re, un'abi­tu­di­ne, un ap­pun­ta­men­to im­man­ca­bi­le.

«È tut­to co­sì in­cre­di­bi­le ma sor­pren­den­te­men­te ve­ro - ri­ve­la Ve­ne­ran­do - Più di ogni al­tra co­sa mi pia­ce la spon­ta­nei­tà con cui tan­ta, tan­tis­si­ma gen­te, ha con­fer­ma­to di vo­ler par­te­ci­pa­re a que­sta ini­zia­ti­va. Non è un even­to, non è uno spet­ta­co­lo, non è una co­sa co­strui­ta. In que­ste set­ti­ma­ne, da quan­do cioè ho lan­cia­to l'idea su fa­ce­book quel­lo che mi ha più stu­pi­to so­no le im­ma­gi­ni. Le tan­te fo­to che mol­ti me­stri­ni, gio­va­ni di quel­le ge­ne­ra­zio­ni, an­co­ra con­ser­va­no ed han­no po­sta­to. Un pa­tri­mo­nio sto­ri­co da non di­sper­de­re. E pro­prio una mo­stra fo­to­gra­fi­ca al­le 17 in Cor­te Le­gren­zi or­ga­niz­za­ta dall'as­so­cia­zio­ne Me­stre Mia fa­rà da pro­lo­go al «Ri­tro­via­mo­ci in piaz­za co­me una vol­ta».

In piaz­za dun­que ma non con le au­to, i bus, le au­to e le mo­to par­cheg­gia­te a la­to, do­ve l'ap­pun­ta­men­to ce lo si da­va al­la mat­ti­na a scuo­la o chia­man­do­si con il te­le­fo­no di ca­sa. Tan­ti vol­ti, tan­ti ri­cor­di, che han­no sca­te­na­to quat­tro ge­ne­ra­zio­ni: da quel­le de­gli an­ni '60 a quel­le de­gli an­ni '90: «Il bar Sport sa­rà il no­stro pun­to di ri­fe­ri­men­to e quel­lo da cui dal­le 19, ma for­se an­che un po’ pri­ma, par­ti­rà la mu­si­ca, quel­la di quei tem­pi, gra­zie ad un im­pian­to di am­pli­fi­ca­zio­ne e a dei mi­cro­fo­ni e con l'aiu­to di al­cu­ni dj che han­no fat­to la sto­ria di quell'epo­ca spie­ga an­co­ra Ve­ne­ran­do Poi qual­cu­no sa­li­rà su un pal­chet­to e rac­con­te­rà qual­co­sa. Ber­re­mo lo spri­tz tut­ti as­sie­me e fa­re­mo del­le gran­di chiac­chie­re. Se ve­ra­men­te ar­ri­ve­ran­no tut­te le per­so­ne che si so­no "pre­no­ta­te" po­trem­mo an­che rag­giun­ge­re quo­ta 2mi­la. So per cer­to che ci sa­ran­no dei «Ciao» e qual­che «Ve­spa» in espo­si­zio­ne. Poi dal­le 21 a mez­za­not­te si bal­le­rà, co­me in una gran­de di­sco­te­ca. E ci sa­rà da di­ver­tir­si».

Un se­gna­le, que­sta reu­nion spon­ta­nea, di una Me­stre che vi­ve e vuo­le an­co­ra vi­ve­re in cen­tro. «Qual­cu­no mi ha det­to che vuo­le par­te­ci­pa­re an­che il sin­da­co Bru­gna­ro con la mo­glie. Se ar­ri­ve­rà sa­rà il ben­ve­nu­to».

PIAZ­ZA FER­RET­TO I "gio­va­ni di una vol­ta" in­ten­do­no

riem­pi­re nuo­va­men­te il

cen­tro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.