Al­la La­fert è già fe­sta gran­de

Il Gazzetino (Venezia) - - Veneziasport - Mi­che­le Sa­lin

È sta­to un esor­dio con fe­sta gran­de per la La­fert San Do­nà che ha ce­le­bra­to la sa­gra cit­ta­di­na del­la Ma­don­na del Ro­sa­rio con una so­no­ra af­fer­ma­zio­ne sul Mo­glia­no, 23-20 al ter­mi­ne di una ga­ra che ha vi­sto i san­do­na­te­si più de­ter­mi­nan­ti or­ga­niz­za­ti e pim­pan­ti.

«Sì ce la sia­mo me­ri­ta­ta, cre­do che non si pos­sa di­re il con­tra­rio - af­fer­ma il ds Pao­lo Dar­to­ra do­po il mat­ch gio­ca­to al Pa­ci­fi­ci - In di­fe­sa ci sia­mo com­por­ta­ti mol­to be­ne, tan­to da to­glie­re spa­zi e pal­lo­ni ai no­stri av­ver­sa­ri fi­no dall'ini­zio; ab­bia­mo as­si­mi­la­to po­si­ti­va­men­te le nuo­ve re­go­le sul gio­co del­la mi­schia, che se in­ter­pre­ta­te cor­ret­ta­men­te con­fe­ri­sco­no ve­lo­ci­tà e rit­mo mag­gio­ri al­la ga­ra».

Qual­che ce­di­men­to c'è sta­to in av­vio di ri­pre­sa e nel fi­na­le. «Le me­te de­gli av­ver­sa­ri so­no na­te in buo­na per­cen­tua­le da no­stri er­ro­ri, sia col­let­ti­vi nel­la co­per­tu­ra dei var­chi, sia in­di­vi­dua­li nel­la ge­stio­ne dell'ova­le» pro­se­gue il di­ri­gen­te ri­fe­ren­do­si in par­ti­co­la­re all'in­ter­cet­to che è co­sta­to a San Do­nà la pri­ma me­ta mo­glia­ne­se. Un ri­sul­ta­to dav­ve­ro ot­ti­mo quel­lo rac­col­to dal­la squa­dra al­le­na­ta da Za­ne An­sell, se si con­si­de­ra la pre­sen­za di ben quat­tor­di­ci nuo­vi ele­men­ti nel­la ro­sa-gio­ca­to­ri, e di esor­dien­ti o qua­si co­me Cuz­zo­lin, Ce­glie, Dal Sie jr, D'ami­co, lo stes­so Schia­bel.

È tut­to frut­to del­la pre­pa­ra­zio­ne pre­sta­gio­na­le e del­la nuo­va scuo­la di An­sell? «Cre­do che si sia crea­to tra i gio­ca­to­ri un am­bien­te fa­vo­re­vo­le, al di là dei ri­svol­ti tec­ni­ci o tat­ti­ci tra­smes­si dai tec­ni­ci - ri­spon­de Dar­to­ra ab­bia­mo evi­ta­to di crea­re ec­ces­si­ve pressioni da fuo­ri, con l'esi­to di re­spon­sa­bi­liz­za­re lo spo­glia­to­io da sè e di fa­re na­sce­re un cli­ma se­re­no, pu­re in un con­te­sto di com­pe­ti­zio­ne ago­ni­sti­ca».

Da par­te del Mo­glia­no in­ve­ce ci so­no an­co­ra mol­ti ele­men­ti da re­gi­stra­re, a par­ti­re dall'amal­ga­ma tra mol­ti nuo­vi e dall'ap­pren­di­men­to dei con­cet­ti por­ta­ti avan­ti dal­la nuo­va gui­da tec­ni­ca. An­che in ca­sa mo­glia­ne­se, co­me in quel­la san­do­na­te­se, i mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to so­no no­te­vo­li, in un mo­men­to del­la sta­gio­ne che ri­sen­te an­co­ra del­la re­cen­te pau­sa esti­va.

Ma da quan­to vi­sto in cam­po, la La­fert San Do­nà si pre­sen­ta ai na­stri di par­ten­za con un ro­dag­gio già più avan­za­to, che è ora da ri-ve­ri­fi­ca­re sa­ba­to nel­la tra­sfer­ta a ca­sa dei cam­piop­ni d'ita­lia del­la Rug­by Ro­vi­go al­la seconda gior­na­ta di Ec­cel­len­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.