«Non ave­vo ag­gan­ci in fa­col­tà ora in­ve­ce sia­mo pa­ga­ti be­ne»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

SIN­GA­PO­RE - Han­no po­co più di trent'an­ni, lau­rea in bio­lo­gia mo­le­co­la­re in Ita­lia, dot­to­ra­to in Ger­ma­nia e un pro­get­to di ri­cer­ca sul­le cel­lu­le tu­mo­ra­li all'uni­ver­si­tà di Sin­ga­po­re: Giu­lia Var­sa­no e Yu­ri Fro­si so­no due tra le cen­ti­na­ia di mi­glia­ia di gio­va­ni che han­no la­scia­to il no­stro Pae­se per cer­ca­re una pro­spet­ti­va e sen­za do­ver chie­de­re fa­vo­ri nell'uni­ver­si­tà ita­lia­na.

«Mi so­no lau­rea­ta nel 2009 - spie­ga Giu­lia, 32 an­ni - e ho fat­to do­man­da per il dot­to­ra­to in Ger­ma­nia ad Hei­del­berg, all'em­bl (La­bo­ra­to­ri eu­ro­pei di bio­lo­gia mo­le­co­la­re). Ave­vo fat­to la te­si all'ospe­da­le Re­gi­na Ele­na a Roma ma non ave­vo nes­sun ag­gan­cio all'uni­ver­si­tà. Yu­ri mi ha rag­giun­to 9 me­si do­po, la­vo­ra­va al Re­gi­na Ele­na con un con­trat­to a un an­no sen­za nes­su­na pro­spet­ti­va di as­sun­zio­ne».

«Do­po quat­tro an­ni di Ger­ma­nia - pro­se­gue Giu­lia - ho avu­to un'of­fer­ta per l'uni­ver­si­tà di Sin­ga­po­re».

«Mi oc­cu­po di ri­cer­ca di ba­se, stu­dio il mec­ca­ni­smo per cui una cel­lu­la re­go­la le sue di­men­sio­ni (non di­ven­ta gi­gan­te o non ri­ma­ne pic­co­lis­si­ma), mi pa­ga­no mol­to be­ne. Yu­ri fa ri­cer­ca ap­pli­ca­ta per nuo­vi far­ma­ci an­ti tu­mo­ra­li. An­che lui vie­ne pa­ga­to mol­to ri­spet­to agli stan­dard ita­lia­ni».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.