PA­DO­VA

Via li­be­ra dal Tri­bu­na­le di sor­ve­glian­za: il pa­dri­no è ri­co­ve­ra­to a Par­ma

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità - Mar­co Al­di­ghie­ri

É ar­ri­va­ta la sen­ten­za del tri­bu­na­le di sor­ve­glian­za: Giu­sep­pe Sal­va­to­re Rii­na, 39 an­ni, po­trà an­da­re a tro­va­re il pa­dre To­tò, il ca­po dei ca­pi, nel car­ce­re di Par­ma. Il di­spo­si­ti­vo è da­ta­to quat­tro ot­to­bre e vie­ne do­po il re­spon­so ne­ga­ti­vo di giu­gno in­cas­sa­to da Rii­na ju­nior dal ma­gi­stra­to di sor­ve­glian­za. Ma il fi­glio del boss, re­si­den­te a Pa­do­va dal 14 apri­le del 2012 e in re­gi­me di li­ber­tà vi­gi­la­ta, ha pre­sen­ta­to ricorso at­tra­ver­so il suo le­ga­le Fran­ce­sca Ca­sa­rot­to di Vi­cen­za e ha vin­to. Co­sì nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne an­drà a fa­re vi­si­ta al pa­pà. Gli è con­sen­ti­ta una so­la ora al me­se.

Ma per qua­le mo­ti­vo il tri­bu­na­le di sor­ve­glian­za di Ve­ne­zia ha da­to ra­gio­ne a Rii­na? In pri­mo luo­go, non esi­sto­no pre­scri­zio­ni nel re­gi­me di 41 bis, il car­ce­re du­ro al qua­le è sot­to­po­sto To­tò Rii­na, che im­pe­di­sca­no gli in­con­tri con i fa­mi­lia­ri. Poi, "Sal­vuc­cio" è l’uni­co dell’in­te­ra fa­mi­glia Rii­na che non ve­de il pa­dre boss da quat­tor­di­ci an­ni. Ma quel­lo che ha in­flui­to di più sul­la de­ci­sio­ne dei giu­di­ci è il gra­ve sta­to di sa­lu­te in cui ver­sa l’ex nu­me­ro uno del­la ma­fia. Per cui han­no tro­va­to giu­sto che il fi­glio pos­sa an­da­re a tro­var­lo.

Sul fat­to che "Sal­vuc­cio" si re­chi in car­ce­re dal ge­ni­to­re, po­li­zia e pro­cu­ra ge­ne­ra­le ave­va­no sol­le­va­to la pre­oc­cu­pa­zio­ne che l’in­con­tro po­tes­se es­se­re vei­co­lo di mes­sag­gi mafiosi tra pa­dre e fi­glio. Per que­sto mo­ti­vo il ma­gi­stra­to di sor­ve­glian­za ave­va ne­ga­to a Giu­sep­pe Sal­va­to­re la pos­si­bi­li­tà di po­ter in­con­tra­re il pa­dre. Ma ora il Tri­bu­na­le ha sot­to­li­nea­to, nel­la sua mo­ti­va­zio­ne, co­me i col­lo­qui in re­gi­me di 41 bis sia­no tal­men­te blin­da­ti da ga­ran­ti­re la si­cu­rez­za ed evi­ta­re il pas­sag­gio di mes­sag­gi. In pra­ti­ca il fi­glio ve­drà il ge­ni­to­re at­tra­ver­so un ve­tro, po­trà par­lar­gli so­lo uti­liz­zan­do un te­le­fo­no-ci­to­fo­no, l’in­te­ro in­con­tro sa­rà re­gi­stra­to da te­le­ca­me­re e mi­cro­fo­ni, e in­fi­ne un

L’IN­CHIE­STA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.