L’ita­lia re­si­ste al­la Spa­gna

Fu­rie ros­se in van­tag­gio su li­scio di Buf­fon, ri­spon­de De Ros­si all’82’ su ri­go­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport - Car­lo Re­pet­to

Un'ita­lia dal cuo­re gran­de ac­ciuf­fa nel fi­na­le il pa­reg­gio con­tro la Spa­gna, do­mi­na­tri­ce nel 1˚ tem­po ma ca­la­ta do­po un'ora di gio­co e gra­zia­ta da al­cu­ne de­ci­sio­ni dell'ar­bi­tro che le ri­spar­mia due espul­sio­ni. L'1-1 fi­na­le sta for­se un po' stret­to agli ospi­ti ma pre­mia la rea­zio­ne de­gli az­zur­ri do­po lo svan­tag­gio, pro­vo­ca­to da un in­so­li­to er­ro­re di Buf­fon.

Ven­tu­ra schie­ra l'esor­dien­te Ro­ma­gno­li nel ter­zet­to di­fen­si­vo al po­sto del­lo squa­li­fi­ca­to Chiel­li­ni e Mon­to­li­vo mez­za­la, nel­le Fu­rie ros­se l’esclu­so ec­cel­len­te è l’ex bian­co­ne­ro Mo­ra­ta, ap­plau­di­to dal pub­bli­co del­lo Ju­ven­tus Sta­dium che non ha di­men­ti­ca­to il suo bien­nio con la Si­gno­ra. Al suo po­sto gio­ca Die­go Co­sta che in­gag­gia fin dai pri­mi mi­nu­ti un duello sen­za esclu­sio­ne di col­pi con Bo­nuc­ci, sta­zio­nan­do sta­bil­men­te nel­la me­ta­cam­po az­zur­ra co­me qua­si tut­ti i suoi com­pa­gni. Il da­to sul pos­ses­so pal­la del 1˚ tem­po a fa­vo­re de­gli spa­gno­li (70%) non spie­ga a suf­fi­cien­za il do­mi­nio de­gli ospi­ti che met­to­no al­le cor­de i ra­gaz­zi di Ven­tu­ra, in dif­fi­col­tà quan­do de­vo­no co­strui­re. In un cen­tro­cam­po schiac­cia­to, l'uni­co a te­ne­re la po­si­zio­ne è De Ros­si, pre­mia­to da Ue­fa e Fe­der­cal­cio pri­ma del cal­cio d'ini­zio per aver su­pe­ra­to le 100 pre­sen­ze in az­zur­ro.

Il pri­mo pe­ri­co­lo per Buf­fon ar­ri­va all'11' con Inie­sta che sfug­ge a Flo­ren­zi e im­pe­gna col si­ni­stro il no­stro por­tie­re. Poi ci pro­va­no lo stes­so Sil­va e Pi­qué che al 19' col­pi­sce di te­sta un cross Inie­sta e sfio­ra il pa­lo. So­lo nel fi­na­le di fra­zio­ne si co­min­cia­no a ve­de­re gli az­zur­ri, con un ten­ta­ti­vo di fu­ga di Eder da un an­go­lo per la Spa­gna e uno spun­to an­co­ra dell'ita­lo-bra­si­lia­no, il cui cross per Bo­na­ven­tu­ra è in­ter­cet­ta­to da De Gea.

Do­po l'in­ter­val­lo ri­pren­de la sin­fo­nia del­la for­ma­zio­ne di Lo­pe­te­gui e al 10' ar­ri­va pur­trop­po la stecca che non t'aspet­ti: a pren­der­la è Buf­fon, usci­to a vuo­to sul lan­cio di Bu­sque­ts a be­ne­fi­cio di Vi­to­lo, per il qua­le è un gio­co da ra­gaz­zi de­po­si­ta­re il pal­lo­ne nel­la por­ta in­cu­sto­di­ta. A quel pun­to c'è una rea­zio­ne d'or­go­glio de­gli az­zur­ri e l'in­gres­so di Im­mo­bi­le al po­sto di Pel­lè dà più vi­va­ci­tà all'at­tac­co. Sor­pre­sa dal ri­sve­glio ita­lia­no, la Spa­gna perde si­cu­rez­za e a me­tà ri­pre­sa vie­ne gra­zia­ta dall'ar­bi­tro che non estrae il 2˚ gial­lo a Die­go Co­sta: già am­mo­ni­to per una ma­na­ta a Bo­nuc­ci, il cen­tra­van­ti al­lon­ta­na vo­lon­ta­ria­men­te il pal­lo­ne a gio­co fer­mo ca­van­do­se­la con un ri­chia­mo ver­ba­le e Lo­pe­te­gui, ca­pi­ta l'an­ti­fo­na, lo so­sti­tui­sce con Mo­ra­ta. La brut­ta serata di Bry­ch con­ti­nua a 8 mi­nu­ti dal ter­mi­ne in oc­ca­sio­ne dell'azio­ne del ri­go­re, ini­zial­men­te non con­ces­so all'ita­lia no­no­stan­te il net­to fal­lo in area di Ser­gio Ra­mos su Eder: il te­de­sco tor­na sui suoi pas­si so­lo do­po la se­gna­la­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.