Tut­to è na­to da un fi­lo per bian­che­ria che fa­ce­va trop­po ru­mo­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia -

ver­ba­le di in­fra­zio­ne. «Già nel 2008 ab­bia­mo pro­to­col­la­to una let­te­re al Co­mu­ne - con­ti­nua De Fi­lip­po - se­gna­lan­do che qui ave­va­mo col­lo­ca­to le pian­te: non ci è sta­to mai ri­spo­sto. È ve­ro, i va­si so­no su suo­lo pub­bli­co, ma qui non c'è pas­sag­gio, per­ché la cor­te è chiu­sa e ci vi­via­mo so­lo noi. So­no ve­nu­to ad abi­ta­re qui nel 1978 e la si­tua­zio­ne era pes­si­ma, con la cor­te in for­te de­gra­do. Len­ta­men­te e con l'aiu­to de­gli al­tri re­si­den­ti la ve­ge­ta­zio­ne è cre­sciu­ta ab­bel­len­do il luo­go, tan­to che al­cu­ne gui­de tu­ri­sti­che por­ta­no i lo­ro clien­ti a ve­de­re e a fo­to­gra­fa­re la cor­te. Di es­sa ha par­la­to an­che una scrit­tri­ce te­de­sca che vi­ve qui, spe­cia­liz­za­ta in sto­ria dell'ar­te. An­che lei cu­ra quo­ti­dia­na­men­te fio­ri, pian­te e ar­bu­sti».

«Se c'è qual­co­sa da spen­de­re, pa­ghia­mo tut­ti, mi han­no ga­ran­ti­to su­bi­to i vi­ci­ni. Que­sto è il lo­ro amo­re per la ve­ge­ta­zio­ne che han­no do­po an­no ab­bia­mo al­lo­ca­to, con il pos­si­bi­le spi­ri­to crea­ti­vo. An­zi, qual­che re­si­den­te nel­la zo­na ci af­fi­da le pian­te che tie­ne all'aper­to, sia quan­do va in va­can­za che per pre­ser­va­re le ra­di­ci dall'ac­qua al­ta, quan­do c'è al­ta ma­rea, del­la qua­le la cor­te è esen­te».

T.car.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.