Gio­co d’az­zar­do, Co­mu­ne "stra­bi­co"

Pd e Li­sta Cas­son at­tac­ca­no: «Gi­ro di vi­te su slot e sa­le scom­mes­se, ma poi si pro­muo­ve il Ca­si­nò»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Me­lo­dy Fu­sa­ro Mar­co Do­ri

«Il Co­mu­ne fa la guer­ra al­le slot ma non fa una pie­ga se il Ca­si­nò si pro­muo­ve». L'os­ser­va­zio­ne, che tor­na di fre­quen­te tra i ba­ri­sti e i ta­bac­cai del­la cit­tà co­stret­ti a spe­gne­re le slot machine al­le 19.30, tro­ve­rà ri­spo­sta in Con­si­glio co­mu­na­le. A chie­de­re chia­ri­men­ti, con un'in­ter­ro­ga­zio­ne ur­gen­te, è il ca­po­grup­po del Pd An­drea Fer­raz­zi, in­sie­me ad al­tri con­si­glie­ri di Pd e li­sta Cas­son, Mo­ni­ca Sam­bo, Ni­co­la Pel­li­ca­ni e Gio­van­ni Pe­liz­za­to.

Sot­to pro­ces­so non c'è, in que­sto ca­so, il nuo­vo re­go­la­men­to che ri­du­ce l'ora­rio di ac­cen­sio­ne del­le «mac­chi­net­te», ob­bli­gan­do gli eser­cen­ti a spe­gner­le in pau­sa pran­zo e do­po le 19.30 (due ore do­po per chi vi­ve di so­lo gio­co). No­vi­tà che è sta­ta ac­col­ta con fa­vo­re una­ni­me in com­mis­sio­ne. La cri­ti­ca, al con­tra­rio, è pro­prio per il trat­ta­men­to "ri­ser­va­to" al Ca­si­nò a cui, pur aven­do le slot machine, non può es­se­re im­po­sto al­cun li­mi­te. «Men­tre stia­mo col­la­bo­ran­do con la mag­gio­ran­za per fa­re una ve­ra e pro­pria guer­ra con­tro le sa­le slot nel­la no­stra cit­tà, che so­no una ve­ra e pro­pria scia­gu­ra dal pun­to di vi­sta del­la di­pen­den­za da gio­co, del­la si­cu­rez­za ur­ba­na e del de­co­ro - spie­ga Fer­raz­zi -, ri­sul­ta che il Ca­si­nò del Co­mu­ne at­ti­vi ini­zia­ti­ve che spin­go­no al gio­co d'az­zar­do an­che i gio­va­nis­si­mi. Dob­bia­mo usci­re da que­sta schi­zo­fre­nia e bloc­ca­re il gio­co d'az­zar­do a pre­scin­de­re dal luo­go in cui vie­ne svol­to».

Nell'in­ter­ro­ga­zio­ne si fa ri­fe­ri­men­to ai «Gio­ve­dì sot­to le stel­le» or­ga­niz­za­ti per tut­ta l'esta­te a Cà Ven­dra­min Ca­ler­gi. Con la for­mu­la dell'in­gres­so gra­tui­to e Dj set nel giar­di­no, con­ti­nua il Pd, «al­le se­ra­te han­no par­te­ci­pa­to cen­ti­na­ia di gio­va­nis­si­mi, an­che ap­pe­na di­ciot­ten­ni, ai qua­li sa­reb­be sta­to con­se­gna­to un get­to­ne tic­ket da 10 eu­ro da spen­de­re ai ta­vo­li da gio­co e al­le slot». «Una ca­te­go­ria a ri­schio per il pro­ble­ma del gio­co pa­to­lo­gi­co», se­con­do i con­si­glie­ri che ora chie­do­no all'am­mi­ni­stra­zio­ne se non si sen­ta in do­ve­re di bloc­ca­re si­mi­li ini­zia­ti­ve in fu­tu­ro. E di «stra­bi­smo» nell'azio­ne del­la giun­ta par­la­no an­che gli eser­cen­ti del­la cit­tà.

Ma il pun­to di vi­sta di par­ten­za è, chia­ra­men­te, quel­lo op­po­sto. «Si gioi­sce se il Ca­si­nò au­men­ta gli ac­ces­si men­tre a noi fan­no spe­gne­re le mac­chi­net­te al­le set­te di se­ra - ac­cu­sa un ba­ri­sta di Mar­ghe­ra -. Non è co­sì che si pro­teg­go­no le per­so­ne dal­le lu­do­pa­tie, per­ché or­mai il gio­co è ovun­que, an­che on­li­ne, e ba­sta un te­le­fo­ni­no».

L'as­ses­so­re Ven­tu­ri­ni, che ha la­vo­ra­to al re­go­la­men­to, ave­va in­fat­ti spie­ga­to che il Ca­si­nò ri­spon­de a una nor­ma­ti­va di­ver­sa, a li­vel­lo na­zio­na­le, e che quin­di non può rien­tra­re nel­le re­stri­zio­ni pre­vi­ste dal Co­mu­ne. Ma ave­va an­che spie­ga­to che nei ca­si­nò è già pre­vi­sto un con­trol­lo agli ac­ces­si, tra­mi­te do­cu­men­to di iden­ti­tà. Si­ste­ma che esclu­de le per­so­ne se­gui­te per pro­ble­mi di lu­do­pa­tia. Ma chi sa­rà co­stret­to a spe­gne­re le slot, ri­schian­do di per­de­re qual­che «buon clien­te» del­la se­ra, con­ti­nua a par­la­re di due pe­si e due mi­su­re: «Il con­trol­lo de­gli ac­ces­si al Ca­si­nò? Le lu­do­pa­tie ri­co­no­sciu­te so­no so­lo una par­te dei ca­si rea­li. E poi se si par­la di pre­ven­zio­ne non si può non ri­co­no­sce­re che non ba­sta la­scia­re fuo­ri chi è già in cu­ra. Or­mai si gio­ca ovun­que, chi vuo­le può usci­re dal co­mu­ne o ac­cen­de­re il com­pu­ter, co­sì non si fa al­tro che fa­vo­ri­re al­cu­ne sa­le ri­spet­to al­le al­tre».

In­tan­to, ie­ri in Con­si­glio co­mu­na­le, è sta­to rin­via­to il vo­to sul nuo­vo re­go­la­men­to co­mu­na­le già pas­sa­to lu­ne­dì in com­mis­sio­ne.

L’AP­PUN­TA­MEN­TO

SLOT Clien­ti in una sa­la

slot: fan­no di­scu­te­re i li­mi­ti im­po­sti dal

Co­mu­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.