LA PO­LI­TI­CA PU­NI­TA DAL GIUSTIZIALISMO

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - DI CAR­LO NORDIO

Tal­vol­ta il de­sti­no, di­ce­va un fi­lo­so­fo, rea­liz­za di­se­gni buo­ni ser­ven­do­si di stru­men­ti cat­ti­vi. La ca­du­ta - di fat­to la de­sti­tu­zio­ne – del pro­fes­sor Ma­ri­no dal­la ca­ri­ca di sin­da­co di Ro­ma, sa­rà an­che sta­ta una so­lu­zio­ne pro­pi­zia, vi­ste le dif­fi­col­tà (...)

(...) e il de­gra­do in cui ver­sa­va la Ca­pi­ta­le. Non­di­me­no è sta­ta con­se­gui­ta at­tra­ver­so il mez­zo im­pro­prio di un'in­da­gi­ne giu­di­zia­ria. Im­pro­prio, co­me ri­pe­tia­mo da tem­po, per va­ri mo­ti­vi: per­ché con­flig­ge con la pre­sun­zio­ne di in­no­cen­za; per­ché tra­sfe­ri­sce il po­te­re di con­trol­lo po­li­ti­co dall'elet­to­ra­to al­la ma­gi­stra­tu­ra; e in­fi­ne per­ché, a ben ve­de­re, co­strin­ge an­che que­st'ul­ti­ma ad as­su­mer­si re­spon­sa­bi­li­tà di cui fa­reb­be vo­len­tie­ri a me­no. L'iscri­zio­ne nel re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti e la con­se­guen­te in­for­ma­zio­ne di ga­ran­zia so­no, in­fat­ti, at­ti do­vu­ti e con­se­guo­no an­che a una sem­pli­ce de­nun­cia; co­sic­ché il de­sti­no di un sin­da­co, e ma­ga­ri di un mi­ni­stro e di un go­ver­no, pos­so­no di­pen­de­re, pri­ma an­co­ra che dall'ini­zia­ti­va di un pm, da quel­la di qual­che so­ler­te cit­ta­di­no. Non è so­lo pe­ri­co­lo­so. E' dan­na­ta­men­te stu­pi­do.

Ora il pro­fes­sor Ma­ri­no, as­sol­to con cla­mo­re, ha tut­te le ra­gio­ni per la­men­ta­re l'as­sur­di­tà di que­sto si­ste­ma. Il fat­to che i par­ti­ti suoi so­ste­ni­to­ri non ab­bia­no mai bril­la­to per ga­ran­ti­smo, nul­la to­glie all'evi­den­te in­giu­sti­zia di una estro­mis­sio­ne fon­da­ta sul mo­ti­vo spu­rio di un pro­ces­so pe­na­le. Tut­ta­via, te­mia­mo che la le­zio­ne ser­vi­rà a po­co: nell'at­tua­le de­bo­lez­za del­la po­li­ti­ca la ten­ta­zio­ne di far fuo­ri l'av­ver­sa­rio in­vo­can­do la ver­gi­ni­tà dei ca­ri­chi pen­den­ti è an­co­ra for­te e ra­di­ca­ta.

E' ve­ro che qual­co­sa sta cam­bian­do: ma sta cam­bian­do in mo­do am­bi­guo e in un con­te­sto as­sai dis­si­mi­le. Al­lu­dia­mo al­la vi­cen­da dell’as­ses­so­re Mu­ra­ro, per la qua­le, a dif­fe­ren­za del­le al­tre, la pre­sun­zio­ne di in­no­cen­za sem­bra fun­zio­na­re. Ep­pu­re la sua si­tua­zio­ne pro­ces­sua­le e po­li­ti­ca non è pa­ra­go­na­bi­le a quel­la dell'ex sin­da­co, e per va­rie ra­gio­ni. La pri­ma, che la Mu­ra­ro non ha avu­to un man­da­to elet­to­ra­le, e quin­di non de­ve ri­spon­de­re a che l'ha vo­ta­ta ma a chi l'ha no­mi­na­ta; la se­con­da, che Ma­ri­no è sta­to pro­ces­sa­to da pri­va­to cit­ta­di­no, men­tre lei è an­co­ra in ca­ri­ca, e quin­di teo­ri­ca­men­te a ri­schio di rei­te­ra­zio­ne del rea­to; la ter­za, e la più si­gni­fi­ca­ti­va, che il

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.