Rim­bor­si, pro­sciol­to an­che il le­ghi­sta Co­ta

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

TO­RI­NO - Le sue "mu­tan­de ver­di", che era­no poi dei ba­na­li bo­xer da spiag­gia, era­no di­ven­ta­te il sim­bo­lo del­la tra­co­tan­za spen­dac­cio­na dei po­li­ti­ci pie­mon­te­si. Più an­co­ra del to­saer­ba mes­so a rim­bor­so da un con­si­glie­re re­gio­na­le. Più an­co­ra di "Sex­plo­ra­tion", pic­can­te li­bric­ci­no ac­qui­sta­to da una gio­va­ne pa­sio­na­ria del cen­tro­de­stra (epi­so­dio pe­ral­tro en­tra­to so­lo di stra­fo­ro nel pro­ces­so). Ro­ber­to Co­ta, ex go­ver­na­to­re le­ghi­sta del Piemonte, ie­ri è sta­to as­sol­to dall'ac­cu­sa di pe­cu­la­to. E ades­so di­ce che le "mu­tan­de ver­di" so­no sta­te «una fal­si­tà ti­ra­ta fuo­ri da chi vo­le­va but­tar­mi giù e pur­trop­po ci è riu­sci­to con una ope­ra­zio­ne di pa­laz­zo».

In au­la Co­ta ha do­vu­to ri­spon­de­re di spe­se per un to­ta­le di 25.000 eu­ro: ma l'esbor­so che ave­va fat­to brec­cia nell'im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo, fi­no a pro­vo­ca­re quel­lo che lui stes­so ha de­fi­ni­to «uno tsu­na­mi di ila­ri­tà de­gra­dan­te», era di po­chi spic­cio­li e si ri­fe­ri­va a un pa­io di pre­sun­te mu­tan­de ki­wi (co­lo­re tra­sfor­ma­to dal­la vul­ga­ta in ver­de-le­ga) com­pe­ra­te du­ran­te una tra­sfer­ta ne­gli Sta­ti Uni­ti. An­co­ra ie­ri, il pre­mier Ren­zi ci ave­va scher­za­to so­pra. «Per­den­do l'oc­ca­sio­ne di sta­re zit­to - è la re­pli­ca Avreb­be do­vu­to mo­stra­re una sen­si­bi­li­tà isti­tu­zio­na­le che non ha...».

«So­no sta­to fat­to og­get­to di at­tac­chi igno­bi­li - è il com­men­to po­st-sen­ten­za di Co­ta - e ho sof­fer­to tan­to, ma ho fat­to be­ne ad ave­re fi­du­cia per­ché qual­co­sa nel­le isti­tu­zio­ni fun­zio­na». Nes­sun at­tac­co al­la ma­gi­stra­tu­ra da par­te di Co­ta, il qua­le, do­po aver la­scia­to la pol­tro­na di piaz­za Ca­stel­lo nel 2014, ha co­min­cia­to «pra­ti­ca­men­te da ze­ro» la pro­fes­sio­ne di av­vo­ca­to. Al pro­ces­so l'ex pre­si­den­te ha spie­ga­to che la "pez­za" re­la­ti­va ai bo­xer «fu mes­sa a rim­bor­so per er­ro­re». Ades­so Co­ta in­cas­sa il so­ste­gno e la so­li­da­rie­tà dei mag­gio­ren­ti del suo par­ti­to (Sal­vi­ni, Ma­ro­ni, Cal­de­ro­li) e di tan­ti po­li­ti­ci non so­lo di cen­tro­de­stra, ra­di­ca­li e fram­men­ti del Pd com­pre­si. Al­cu­ni in­vi­ta­no Ren­zi a «scu­sar­si» ma il com­men­to più ru­span­te vie­ne da Mau­ri­zio Lu­pi, de­pu­ta­to di Ap: «In mu­tan­de do­vreb­be­ro an­da­re in gi­ro tut­ti quel­li che han­no lo di­leg­gia­to gra­tui­ta­men­te e sen­za pro­ve». Spa­zio an­che al­le ana­li­si po­li­ti­che. La giun­ta Co­ta cad­de nel 2014 per col­pa dei pa­stic­ci elet­to­ra­li pro­vo­ca­ti da un con­si­glie­re di un'al­tra li­sta, Mi­che­le Gio­vi­ne (Pen­sio­na­ti per Co­ta), ie­ri con­dan­na­to a tre an­ni e die­ci me­si nel pro­ces­so per i rim­bor­si, ma il pre­sti­gio del go­ver­na­to­re era or­mai da me­si an­nac­qua­to dal­le po­le­mi­che sui bo­xer.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.