Via lo stri­scio­ne per Re­ge­ni, bu­fe­ra sul Co­mu­ne di Trie­ste

Il sin­da­co Di­piaz­za stac­ca la scrit­ta dal­la fac­cia­ta del mu­ni­ci­pio: «Mi so­no tol­to il den­te ca­ria­to e non ci so­no più po­le­mi­che». Ser­rac­chia­ni: «Ge­sto che non aiu­ta la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà, ci ri­pen­si»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

«Non ce l’ave­vo con la pe­ti­zio­ne per la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà, ma con l’uso po­li­ti­co che è sta­to fat­to»

giu­sti­zia per Giu­lio re­stas­se in quel po­sto d’ono­re per Trie­ste. An­zi iro­niz­za­va, Di­piaz­za, sull’as­sen­za di ana­lo­go stri­scio­ne sul bla­so­na­to Pa­laz­zo del Lloyd che s’af­fac­cia sul­la me­de­si­ma piaz­za e che ospi­ta la Pre­si­den­za del­la Re­gio­ne.

Ma ie­ri la con­no­ta­zio­ne "po­li­ti­ca", dal suo pun­to di vi­sta, ha rag­giun­to vet­te su­pre­me, vi­sto che il quo­ti­dia­no cit­ta­di­no "Il Pic­co­lo" ha pub­bli­ca­to una pri­ma pa­gi­na qua­si in­te­ra­men­te oc­cu­pa­ta da quel­la gial­la in­vo­ca­zio­ne di giu­sti­zia per Re­ge­ni. Di­piaz­za l’ha pre­so co­me un man­ro­ve­scio. Ed è pas­sa­to a vie di fat­to. «In que­sto mo­men­to con tut­ti i pro­ble­mi che ab­bia­mo nel Pae­se, con tut­ti i pro­ble­mi di oc­cu­pa­zio­ne per i gio­va­ni che ho in cit­tà, se de­vo oc­cu­par­mi di que­ste co­se...», ha ab­boz­za­to ai mi­cro­fo­ni di Ra­dio 24. Ma non ha le­si­na­to pa­ro­le di­ret­te: «Que­sta mat­ti­na mi so­no al­za­to, ho vi­sto il gior­na­le e ho det­to: be­ne, co­sì lo tol­go, co­sì mi so­no tol­to il den­te ca­ria­to e non ci so­no più po­le­mi­che». Il sin­da­co, per il ve­ro, ha pun­tua­liz­za­to su­bi­to che il "den­te ca­ria­to" non è la pe­ti­zio­ne di ve­ri­tà ben­sì l’uso po­li­ti­co che se n’è fat­to. Al­me­no a Trie­ste. Ha riaf­fer­ma­to ogni so­li­da­rie­tà al­la fa­mi­glia Re­ge­ni e del pa­ri la ri­chie­sta che chi ha uc­ci­so Giu­lio sia per­se­gui­to.

Ac­qua sul fuo­co che pro­vie­ne dal fron­te di si­ni­stra: «Ci so­no bat­ta­glie do­ve, ac­can­to al­le azio­ni isti­tu­zio­na­li e di­plo­ma­ti­che, con­ta­no an­che i sim­bo­li in cui si ri­co­no­sco­no in­te­re co­mu­ni­tà», scri­ve su Fa­ce­book la pre­si­den­te del Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia De­bo­ra Ser­rac­chia­ni. «Ge­sti che ali­men­ta­no po­le­mi­che non aiu­ta­no a tro­va­re la ve­ri­tà ag­giun­ge - Per­ciò il mio au­spi­cio è che il Co­mu­ne de­ci­da di ri­pen­sa­re la sua de­ci­sio­ne, ri­ma­nen­do as­sie­me al­le al­tre Isti­tu­zio­ni che ren­do­no vi­si­bi­le la so­li­da­rie­tà al­la fa­mi­glia Re­ge­ni». Gian­ni Cu­per­lo, trie­sti­no, lea­der del­la mi­no­ran­za nel Pd di cui Ser­rac­chia­ni è vi­ce­se­gre­ta­ria, ar­ri­va a pro­por­re che al­la Bar­co­la­na tut­ti si pre­sen­ti­no con le fo­to di Re­ge­ni.

TRIE­STE La fac­cia­ta del mu­ni­ci­pio cit­ta­di­no con lo stri­scio­ne con la scrit­ta "Ve­ri­tà per Giu­lio Re­ge­ni" , pri­ma del­la ri­mo­zio­ne vo­lu­ta dal sin­da­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.