Ca­do­no per 300 me­tri due mor­ti sul Cer­vi­no

So­no il pre­si­den­te del­le Guide e il di­ret­to­re del­la Scuo­la di sci Al­pi­ni­sti esper­ti, tra­di­ti da un ap­pi­glio o da una sca­ri­ca di sas­si

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità -

CERVINIA (AOSTA) - Un vo­lo di 300 me­tri e poi un ton­fo in mez­zo al­le roc­ce che nes­su­no ha po­tu­to sen­ti­re. Ge­rard Ot­ta­vio e Joel Dea­noz so­no mor­ti gio­ve­dì men­tre sca­la­va­no il Cer­vi­no, la mon­ta­gna di ca­sa per en­tram­bi. Il pri­mo (39 an­ni) era il pre­si­den­te del­le guide al­pi­ne, il se­con­do (36) era il di­ret­to­re del­la scuo­la di sci. So­no pre­ci­pi­ta­ti nel vuo­to men­tre sa­li­va­no la via Def­feyes sul­la pa­re­te sud, una del­le più im­pe­gna­ti­ve del­la Gran Bec­ca.

Era­no par­ti­ti all'al­ba per un'ascen­sio­ne che ave­va­no pia­ni­fi­ca­to da tem­po, scru­tan­do per gior­ni la mon­ta­gna con il bi­no­co­lo e leg­gen­do le re­la­zio­ni dei po­chi (sei o set­te) che fi­no­ra so­no riu­sci­ti a com­ple­ta­re l'iti­ne­ra­rio, aper­to nel 1942.

Han­no la­scia­to il ri­fu­gio Du­ca de­gli Abruz­zi e si so­no di­ret­ti sot­to la pa­re­te sud, per in­fi­lar­si nel ca­na­lo­ne che poi sbu­ca su una ri­pi­da cre­sta. L'in­ci­den­te è av­ve­nu­to pro­ba­bil­men­te ver­so mez­zo­gior­no, quan­do era­no a due ter­zi del­la sa­li­ta, a cir­ca 3.900-3.800 me­tri di quo­ta. Pro­ce­de­va­no le­ga­ti 'in con­ser­va', a 4-5 me­tri uno dall'al­tro. Im­pos­si­bi­le de­ter­mi­na­re le cau­se del­la ca­du­ta: for­se un ap­pi­glio che ha ce­du­to, for­se una sca­ri­ca di sas­si.

Gli sca­la­to­ri so­no sta­ti 'strap­pa­ti' dal­le roc­ce e so­no ca­du­ti al­la ba­se del­la pa­re­te. L'al­lar­me è scat­ta­to in se­ra­ta quan­do la mo­glie di Ot­ta­vio ha se­gna­la­to il 'man­ca­to rien­tro'.

«Ab­bia­mo os­ser­va­to la mon­ta­gna a lun­go, nel­la not­te, cer­can­do un se­gno del­la lo­ro pre­sen­za. Nien­te. Poi al­le pri­me ore del mat­ti­no ab­bia­mo fat­to un sor­vo­lo con l'eli­cot­te­ro e ab­bia­mo vi­sto i cor­pi» rac­con­ta Lu­cio Truc­co, re­spon­sa­bi­le del soc­cor­so al­pi­no val­do­sta­no nel­la zo­na. Le sal­me so­no sta­te tra­spor­ta­te all'obi­to­rio di Aosta. Le in­da­gi­ni so­no af­fi­da­te al­la guar­dia di fi­nan­za di Cervinia.

Ot­ta­vio e Dea­noz era­no due sca­la­to­ri esper­ti e pre­pa­ra­ti. Le con­di­zio­ni del­la mon­ta­gna in que­sti gior­ni so­no ot­ti­ma­li, an­che se è ri­sa­pu­to che le vie sul Cer­vi­no so­no 'pe­ri­co­lo­se' per la fria­bi­li­tà del­la roc­cia. «È una tra­ge­dia che col­pi­sce nel pro­fon­do tut­ta la no­stra co­mu­ni­tà, ci sen­tia­mo tra­di­ti dal Cer­vi­no, una mon­ta­gna che amia­mo pro­fon­da­men­te» si sfo­ga il sin­da­co di Val­tour­nen­che, De­bo­ra Ca­ma­schel­la. Per il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne, Augusto Rol­lan­din, si trat­ta di «un ter­ri­bi­le lut­to».

Tra gli al­pi­ni­sti che aspet­ta­no no­ti­zie da­van­ti al­lo cha­let del­le guide del Cer­vi­no c'è an­che Her­vé Bar­mas­se, 'stel­la' dell'al­pi­ni­smo in­ter­na­zio­na­le. È sta­to lui l'ul­ti­mo a ri­pe­te­re la via Def­feyes, nel 2005, con la pri­ma in so­li­ta­ria. «Ho per­so il mio mi­glio­re ami­co di que­sti ul­ti­mi an­ni - rac­con­ta con cui ho tra­scor­so tan­te ore a par­la­re di mon­ta­gna e di Cer­vi­no. Ge­rard ave­va in­tui­to, era un gran­de pro­fes­sio­ni­sta dell'al­ta quo­ta». La via Def­feyes si sno­da per ol­tre un chi­lo­me­tro in una pa­re­te lar­ga 5-6 chi­lo­me­tri. «Non ha ec­ces­si­ve dif­fi­col­tà tec­ni­che, de­vi es­se­re ve­lo­ce e leg­ge­re be­ne la mon­ta­gna. Ma non pos­sia­mo sa­pe­re co­sa è suc­ces­so las­sù» con­clu­de scon­so­la­to Bar­mas­se.

I fu­ne­ra­li si svol­ge­ran­no pro­ba­bil­men­te do­ma­ni a Cervinia. La so­cie­tà del­le guide e la scuo­la di sci apri­ran­no una rac­col­ta fon­di per aiu­ta­re le fa­mi­glie dei due sfor­tu­na­ti al­pi­ni­sti.

VIT­TI­MA Ge­rard Ot­ta­vio, pre­si­den­te del­le Guide al­pi­ne del Cer­vi­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.