Di "fe­no­me­ni" co­me Pel­lè pos­sia­mo fa­re a me­no

Il Gazzetino (Venezia) - - Borsa Mercati - RO­BER­TO PAPETTI Al­do Mar­to­ra­no Ve­ne­zia

Egre­gio di­ret­to­re,

ge­sto scia­gu­ra­to quel­lo di Gra­zia­no Pel­lè, nel­la par­ti­ta del­la Na­zio­na­le di cal­cio dell’al­tra se­ra va­li­da per la qua­li­fi­ca­zio­ne ai pros­si­mi cam­pio­na­ti mon­dia­li. L’at­tac­can­te az­zur­ro ha ri­fiu­ta­to la ma­no te­sa di Ven­tu­ra, do­po la so­sti­tu­zio­ne con Im­mo­bi­le, che pur si è ri­ve­la­ta vin­cen­te, per ot­te­ne­re il pa­reg­gio con­tro la for­tis­si­ma Spa­gna.

Ol­tre a man­ca­re di ri­guar­do ver­so il più an­zia­no al­le­na­to­re, egli si è ri­ve­la­to ar­ro­gan­te­men­te "igna­ro" del­le re­go­le, che esi­go­no l'as­so­lu­ta ob­be­dien­za ver­so chi è il ve­ro re­spon­sa­bi­le dell'an­da­men­to del­la ga­ra. Ciò che di­stur­ba, so­prat­tut­to, è che Pel­lè si sia già di­men­ti­ca­to l'al­tro suo ge­sto di po­chi me­si fa, su­per­fi­cia­le e in­fan­ti­le, ri­vol­to al por­tie­re del­la Ger­ma­nia, pri­ma di cal­cia­re, sba­glian­do­lo, il cal­cio di ri­go­re de­ci­si­vo, ai fi­ni dell'ac­ces­so al­la fi­na­le agli ul­ti­mi Eu­ro­pei. Er­ro­re che è co­sta­to non po­co in ter­mi­ni di de­lu­sio­ne per mi­lio­ni di Ita­lia­ni.

L'al­le­na­to­re Ven­tu­ra non do­vreb­be più con­vo­ca­re uno co­me Pel­lè in Na­zio­na­le. Ca­ro let­to­re, er­ra­re è uma­no, per­ser­va­re è dia­bo­li­co. Gra­zia­no Pel­lè ap­par­tie­ne al­la ca­te­go­ria di que­gli in­con­sa­pe­vo­li pri­vi­le­gia­ti a cui il de­sti­no ha for­ni­to buo­ni pie­di e fi­si­co pre­stan­te. Pur­trop­po per lui ma­dre na­tu­ra non è sta­ta al­tret­tan­to ge­ne­ro­sa quan­to a umil­tà e ma­te­ria gri­gia: qua­li­tà di cui il cen­tra­van­ti az­zur­ro emi­gra­to in Ci­na, con tut­ta evi­den­za, di­fet­ta al­quan­to.

Be­nis­si­mo ha fat­to quin­di il com­mis­sa­rio tec­ni­co Ven­tu­ra, do-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.