Chiu­de l’ana­gra­fe po­po­la­zio­ne in ri­vol­ta

Il Gazzetino (Venezia) - - Estuario - Ma­nue­la Lam­ber­ti

Mu­ra­no sul pie­de di guer­ra. Chiu­de de­fi­ni­ti­va­men­te, da lu­ne­dì, l'uf­fi­cio ana­gra­fe e di sta­to ci­vi­le dell'iso­la. Ie­ri è sta­to espo­sto un car­tel­lo da­van­ti al por­to­ne d'in­gres­so con il la­co­ni­co an­nun­cio. Ma gli abi­tan­ti so­no pron­ti ad oc­cu­pa­re pa­laz­zo Da Mu­la se l'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le non tor­ne­rà sui suoi pas­si. «Non esi­ste, non pos­sia­mo ac­cet­ta­re una chiu­su­ra e un an­nul­la­men­to del ser­vi­zio in un'iso­la che ha più di 5 mi­la abi­tan­ti con­tan­do che an­che Sant'era­smo fa ri­fe­ri­men­to a que­sti uf­fi­ci, e do­ve la po­po­la­zio­ne è per la mag­gior par­te an­zia­na» com­men­ta Lu­cia Ci­ma­ro­sti, se­gre­te­ria del Pd lo­ca­le, pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne cul­tu­ra­le «La gio­va­ne Mu­ra­no» e cit­ta­di­na at­ti­va su più fron­ti. L'uf­fi­cio ana­gra­fe e di sta­to ci­vi­le è pre­sen­te in iso­la da de­ci­ne di an­ni. L'an­no scor­so, nell'am­bi­to del­la ri­du­zio­ne del per­so­na­le, ha su­bi­to una di­mi­nu­zio­ne dell'ora­rio. Se pri­ma gli uf­fi­ci era­no aper­ti tut­ti i gior­ni, an­che con due rien­tri po­me­ri­dia­ni, poi si è pas­sa­ti a due gior­ni, il lu­ne­dì e il ve­ner­dì dal­le 8.45 al­le 13, men­tre dal mar­te­dì al gio­ve­dì il per­so­na­le si spo­sta­va a Bu­ra­no. Da ie­ri, in­ve­ce, la no­ti­zia che dal­la pros­si­ma set­ti­ma­na l'uf­fi­cio ces­sa di esi­ste­re a Mu­ra­no, ma a quan­to pa­re il per­so­na­le il per­so­na­le si spo­ste­rà a Bu­ra­no. «Chi ha da­to que­sta di­spo­si­zio­ne non sa nem­me­no di co­sa sta par­lan­do, non ha guar­da­to i nu­me­ri e l'af­flus­so di per­so­ne, non ha idea di do­ve sia­mo - con­ti­nua Ci­ma­ro­sti - non vo­glio fa­re la guer­ra dei po­ve­ri con Bu­ra­no, ma non è giu­sto che ven­ga te­nu­to aper­to l'uf­fi­cio cin­que gior­ni su set­te a Bu­ra­no e ven­ga to­tal­men­te chiu­so a Mu­ra­no, che ha an­che più po­po­la­zio­ne». Ci­ma­ro­sti chie­de che il Co­mu­ne ri­tor­ni in­die­tro nel­le sue de­ci­sio­ni, la­scian­do aper­to l'uf­fi­cio due gior­ni a set­ti­ma­na. «Vo­glia­mo che il ser­vi­zio ven­ga im­me­dia­ta­men­te ri­pri­sti­na­to per­ché è ne­ces­sa­rio agli abi­tan­ti e al­le azien­de, al­tri­men­ti oc­cu­pe­re­mo pa­laz­zo Da Mu­la e an­dre­mo a Ca’ Far­set­ti a pro­te­sta­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.