Eser­ci­zio pub­bli­co con uten­ze abu­si­ve

Il Gazzetino (Venezia) - - Estuario - Lo­ren­zo Mayer

È mai pos­si­bi­le un eser­ci­zio pub­bli­co del Li­do, pe­ral­tro ri­no­ma­to, rie­sca a la­vo­ra­re, per an­ni, sen­za mai pa­ga­re un eu­ro per le uten­ze? Ri­ce­ven­do gra­tis il ri­for­ni­men­to di lu­ce ac­qua e gas? La ri­spo­sta è sì. Al­me­no se si guar­da a un «ca­so» che ha dell'in­cre­di­bi­le e che ve­de al cen­tro del­la vi­cen­da un ri­sto­ran­te dell'iso­la. L'ano­ma­lia è sal­ta­ta all'oc­chio, qual­che tem­po fa, quan­do i nuo­vi ge­sto­ri del lo­ca­le han­no cer­ca­to di vol­tu­ra­re i con­trat­ti con i for­ni­to­ri di ser­vi­zi. Han­no chie­sto di mo­di­fi­ca­re il ti­to­la­re dei con­ta­to­ri di lu­ce, ac­qua e gas. Ma al­cu­ne uten­ze, in real­tà, sul­la car­ta, non esi­ste­va­no e per­ciò, a pri­ma vi­sta, sem­bra­va una nuo­va aper­tu­ra, quel­lo che in real­tà era un sem­pli­ce pas­sag­gio di ma­no. A quan­to pa­re, i vec­chi ti­to­la­ri ave­va­no prov­ve­du­to agli al­lac­cia­men­ti in mo­do abu­si­vo, o «fai da te» sen­za av­vi­sa­re i for­ni­to­ri del­le stes­se uten­ze. Ora so­no in cor­so ac­cer­ta­men­ti: re­sta da ca­pi­re co­me una si­tua­zio­ne del ge­ne­re si sia po­tu­ta ve­ri­fi­ca­re e so­prat­tut­to pro­trar­re co­sì a lun­go. Una ba­na­le svi­sta, op­pu­re qual­co­sa di stu­dia­to a ta­vo­li­no, a re­go­la d'ar­te? L'in­ter­ro­ga­ti­vo ri­ma­ne. Quel che è cer­to è che la «gra­na» è piom­ba­ta co­me una te­go­la sui nuo­vi ge­sto­ri che per re­go­la­riz­za­re tut­to, sa­na­re la si­tua­zio­ne e pro­ce­de­re sen­za pro­ble­mi do­vran­no ora ver­sa­re un so­stan­zio­so con­gua­glio an­che per gli ar­re­tra­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.