Ope­re pub­bli­che, man­ca­no i sol­di

Nel 2008 ven­ne­ro stan­zia­ti 12 mi­lio­ni, poi il crol­lo do­vu­to ai vin­co­li del Pat­to di sta­bi­li­tà

Il Gazzetino (Venezia) - - Miranese - Ga­brie­le Pi­pia

«Non ab­bia­mo fon­di, i tem­pi so­no cam­bia­ti». Quan­te vol­te ne­gli ul­ti­mi an­ni ab­bia­mo sen­ti­to ri­pe­te­re da sin­da­ci e as­ses­so­ri que­sto ri­tor­nel­lo? Ad ogni po­le­mi­ca su un man­ca­to in­ter­ven­to pub­bli­co, si tor­na sem­pre a par­la­re del­la ca­ren­za di fon­di. I Co­mu­ni non rie­sco­no più a per­met­ter­si gran­di ope­re e nem­me­no le più ele­men­ta­ri ma­nu­ten­zio­ni. Ma nel­lo spe­ci­fi­co co­sa è cam­bia­to ne­gli ul­ti­mi an­ni? Per ave­re un qua­dro elo­quen­te ba­sta leg­ge­re i bi­lan­ci con­sun­ti­vi ap­pro­va­ti dal Co­mu­ne di Mi­ra­no nell'ul­ti­mo de­cen­nio. Per ef­fet­to del Pat­to di Sta­bi­li­tà e del ta­glio dei fi­nan­zia­men­ti sta­ta­li, il Co­mu­ne og­gi spen­de per gli in­ve­sti­men­ti nel set­to­re «La­vo­ri pub­bli­ci» una ci­fra 10 vol­te in­fe­rio­re ri­spet­to a quel­la che spen­de­va 8 an­ni fa. Nel 2008 il Co­mu­ne di Mi­ra­no spe­se 11.8 mi­lio­ni di eu­ro tra cui qua­si 2 mi­lio­ni per l'ac­qui­sto di Vil­la Bian­chi­ni a Zia­ni­go. Dall'an­no do­po è cam­bia­to tut­to. Lo sfo­ra­men­to del Pat­to di Sta­bi­li­tà co­strin­se il Co­mu­ne a ti­ra­re la cin­ghia nei due an­ni suc­ces­si­vi (3.5 mi­lio­ni di eu­ro sia nel 2009 che nel 2010) per poi crol­la­re a 811mi­la eu­ro nel 2011, quan­do da Ro­ma ar­ri­va­ro­no nor­me an­cor più strin­gen­ti. Nel 2012 si è sce­si ad­di­rit­tu­ra a 630mi­la eu­ro, la som­ma è poi rad­dop­pia­ta nel 2013 e nel 2014 ma è crol­la­ta nuo­va­men­te nel 2015 quan­do è en­tra­to in vi­go­re il nuo­vo prin­ci­pio del Pa­reg­gio di Bi­lan­cio: il Co­mu­ne ha po­tu­to fa­re in­ve­sti­men­ti so­lo per 563mi­la eu­ro. È an­da­ta leg­ger­men­te me­glio que­st'an­no (ad og­gi so­no sa­ti spe­si 728mi­la eu­ro ed en­tro fi­ne an­no si ar­ri­ve­rà al mi­lio­ne), ma sia­mo co­mun­que lon­ta­ni an­ni lu­ce dal­la spe­se di ot­to an­ni fa. Il con­fron­to con il pas­sa­to par­la chia­ro: nei die­ci an­ni di am­mi­ni­stra­zio­ne Far­din (1998-2008) ven­ne­ro fat­ti in­ve­sti­men­ti per un to­ta­le di 50 mi­lio­ni di eu­ro con una me­dia di 25 mi­lio­ni a man­da­to, il che si­gni­fi­ca me­dia­men­te 5 mi­lio­ni all'an­no. Ora, in­ve­ce, se an­drà be­ne l'am­mi­ni­stra­zio­ne Pa­va­nel­lo spen­de­rà 6 mi­lio­ni nell'in­te­ro quin­quen­nio. Quel­lo che l'am­mi­ni­stra­zio­ne ne­gli an­ni Due­mi­la po­te­va per­met­ter­si di spen­de­re in un an­no, dun­que, ora vie­ne spe­so in un in­te­ro man­da­to di 5 an­ni. «In die­ci an­ni è cam­bia­to il mon­do. Pri­ma si po­te­va­no fa­re mu­tui e ope­re, poi c'è sta­to un ve­ro tra­col­lo. Pur­trop­po mol­ti cit­ta­di­ni so­no an­co­ra abi­tua­ti al pas­sa­to - di­ce il sin­da­co Ma­ria Ro­sa Pa­va­nel­lo, che par­la an­che da pre­si­den­te di An­ci Ve­ne­to -. È im­por­tan­te che a Ro­ma ca­pi­sca­no quan­to è com­pli­ca­to ge­sti­re un Co­mu­ne con un pa­tri­mo­nio co­sì im­por­tan­te da man­te­ne­re. Ab­bia­mo tan­to da fa­re, ma ab­bia­mo le bri­cio­le».

VEC­CHIE

OPE­RE Il nuo­vo tea­tro di Mi­ra­no è

una del­le tan­te ope­re rea­liz­za­te

pri­ma dell’av­ven­to

del­la cri­si eco­no­mi­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.