«Un tri­bu­na­le per i po­li­ti­ci»

Za­ia e i ca­si di Ma­ri­no e Co­ta: ser­ve una giu­sti­zia "spe­cia­le", la ve­ri­tà va ac­cer­ta­ta in po­co tem­po, non in tre an­ni

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - Al­da Van­zan

LA PROPOSTA

Do­po le as­so­lu­zio­ni di Ma­ri­no e Co­ta, il go­ver­na­to­re ve­ne­to Lu­ca Za­ia pro­po­ne «tri­bu­na­li spe­cia­li» per giu­di­ca­re i po­li­ti­ci, nell’in­te­res­se de­gli am­mi­ni­stra­to­ri stes­si e dei cit­ta­di­ni: «La pe­na va ac­cer­ta­ta in 3/4 gior­ni, me­si al mas­si­mo, non in 3/4 an­ni».

LA POLEMICA

E il pre­si­den­te le­ghi­sta ri­vol­ge an­che una stoc­ca­te al pre­mier do­po la vi­si­ta a Tre­vi­so: «En­tu­sia­smo per Ren­zi? Ha stret­to la ma­no ai miei so­ste­ni­to­ri».

Pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Ve­ne­to Lu­ca Za­ia, le "mu­tan­de ver­di" so­no sta­te as­sol­te. Co­sa pen­sa del­la vi­cen­da ca­pi­ta­ta al suo ex col­le­ga go­ver­na­to­re del Pie­mon­te Ro­ber­to Co­ta? «Co­ta ha tut­ta la mia so­li­da­rie­tà, è en­tra­to nel tri­ta­car­ne e ci è ri­ma­sto per an­ni. Se an­co­ra og­gi si di­gi­ta su Goo­gle "mu­tan­de ver­di" sal­ta fuo­ri di tut­to. Ades­so che è sta­to as­sol­to, mi sa­rei aspet­ta­to le scu­se da par­te di tut­ti quel­li che han­no pon­ti­fi­ca­to, a ini­zia­re dal pre­si­den­te del con­si­glio dei mi­ni­stri. Noi am­mi­ni­stra­to­ri do­vrem­mo ave­re il "pri­vi­le­gio" di un tri­bu­na­le spe­cia­le. È an­che nell’in­te­res­se del­la co­mu­ni­tà».

Co­sa in­ten­de per tri­bu­na­le spe­cia­le? «In­ten­do di­re che la ve­ri­tà va ac­cer­ta­ta in 3-4 gior­ni, me­si al mas­si­mo, non in 3-4 an­ni. Noi am­mi­ni­stra­to­ri ab­bia­mo di­rit­to a un giu­di­zio ve­lo­ce co­sì co­me i cit­ta­di­ni han­no di­rit­to di sa­pe­re in tem­pi ce­le­ri se so­no go­ver­na­ti da de­lin­quen­ti o da per­so­ne one­ste. Non ce l’ho con la ma­gi­stra­tu­ra, il fa­sci­co­lo del­le "mu­tan­de ver­di" era as­sie­me ad al­tri 50mi­la fa­sci­co­li. Il mea cul­pa lo de­ve fa­re chi con­sen­te che la giu­sti­zia ab­bia tem­pi co­sì lun­ghi. Fos­se sta­to un con­ten­zio­so con l’agen­zia del­le en­tra­te, ci avreb­be­ro mes­so al mas­si­mo qual­che me­se». Do­po tre me­si di di­scus­sio­ne in au­la, il con­si­glio re­gio­na­le del Ve­ne­to ha ap­pro­va­to la ri­du­zio­ne del­le Ulss da 21 a 9, ma la leg­ge non è an­co­ra del tut­to vo­ta­ta. Co­sa pen­sa dell’ostru­zio­ni­smo dell’op­po­si­zi one? Han­no det­to che da qui in avan­ti sa­rà una Sai­gon. «A me spia­ce que­sto at­teg­gia­men­to dell’op­po­si­zio­ne, che tra l’al­tro ha an­nun­cia­to ri­cor­si dap­per­tut­to. Avrei ca­pi­to di più un ge­sto pla­tea­le, del ti­po: ap­pro­va­te­vi la leg­ge in cin­que mi­nu­ti e noi ri­cor­ria­mo. Con l’ostru­zio­ni­smo si ral­len­ta il pro­ces­so, dal bi­lan­cio al­la leg­ge sul con­su­mo del suo­lo tut­to vie­ne ri­tar­da­to. Ca­pi­sco che l’op­po­si­zio­ne de­ve fa­re il suo la­vo­ro, ma al­la fi­ne bi­so­gna vo­ta­re e co­me si è vi­sto noi i vo­ti li ab­bia­mo». L’obie­zio­ne è che lei in cam­pa­gna elet­to­ra­le ave­va pro­po­sto 7 Ulss e la mag­gio­ran­za di­vi­sa ne ha vo­lu­te 9. «So­no sta­to io al­la fi­ne del 2015 a no­mi­na­re 9 com­mis­sa­ri del­le Ulss per non an­ti­ci­pa­re al­cu­na scel­ta del con­si­glio. No­ve per­ché c’era­no le si­tua­zio­ni par­ti­co­la­ri del Ve­ne­to orien­ta­le che fa qua­si 20 mi­lio­ni di tu­ri­sti e di Bas­sa­no che ser­ve la Pe­de­mon­ta­na e che obiet­ti­va­men­te è un ter­ri­to­rio che ha vis­su­to per con­to suo. Nel frat­tem­po la ge­stio­ne dei 9 com­mis­sa­ri è an­da­ta avan­ti e con i ra­gaz­zi del­la mag­gio­ran­za si è de­ci­so che l’equi­li­brio era pro­prio quel­lo. Pro­va ne sia che le "in­sur­re­zio­ni" del Fer­ro Fi­ni ri­guar­da­no uno sta­to di fat­to che du­ra da un an­no. Ve­ner­dì ero a Chiog­gia e mi han­no chie­sto co­sa suc­ce­de­rà ades­so; ho ri­spo­sto che Chiog­gia sta te­stan­do il di­ret­to­re ge­ne­ra­le uni­co da 5 an­ni, vi­sto che Dal Ben, ol­tre a Venezia, è com­mis­sa­rio lì dal 2012. Ma quel­lo che non può pas­sa­re è l’idea che ci sa­rà un ca­lo del ser­vi­zio sa­ni­ta­rio a se­con­da del nu­me­ro del­le Ulss. Io pen­so che il fu­tu­ro del­la sa­ni­tà sia di ar­ri­va­re a una Ulss per re­gio­ne. Il ve­ro te­ma è il pre­si­dio dell’ospe­da­le ed è fon­da­men­ta­le la fi­gu­ra del di­ret­to­re sa­ni­ta­rio». Lei non era pre­sen­te al­la vi­si­ta del pre­mier a Tre­vi­so. «Non mi è pia­ciu­to che qual­cu­no ab­bia vo­lu­to far pas­sa­re la vi­si­ta del pre­mier per isti­tu­zio­na­le. Se lo

CRE­DI­TO «Ve­ne­to Ban­ca e Pop Vi­cen­za si con­fron­ti­no e va­lu­ti­no la fu­sio­ne»

fos­se sta­to, pa­laz­zo Chi­gi at­tra­ver­so le pre­fet­tu­re avreb­be in­vi­ta­to go­ver­na­to­re, sin­da­ci, pre­si­den­ti di pro­vin­cia. Quel­la di Ren­zi a Tre­vi­so è sta­ta una vi­si­ta po­li­ti­ca, tant’è che nes­sun sin­da­co è sta­to in­vi­ta­to dal pre­fet­to, quel­li che so­no an­da­ti sa­ran­no sta­ti in­vi­ta­ti dal Co­mu­ne di Tre­vi­so».

Pe­rò tut­ti en­tu­sia­sti del pre­mier, a par­ti­re da­gli

im­pren­di­to­ri. «Quan­do Ren­zi ha det­to "voi sie­te quel­li che pro­du­co­no il Pil", io mi aspet­ta­vo che qual­cu­no gli ri­spon­des­se "e voi sie­te quel­li che ce lo fre­ga­te per­ché lo di­sper­de­te in mil­le ri­vo­li e so­no spre­chi". Un ter­ri­to­rio co­me il no­stro che pre­di­ca l’au­to­no­mia ed è ri­spet­to­so, ti strin­ge sì la ma­no, ma poi nel se­gre­to dell’ur­na si espri­me co­me ri­tie­ne. Io pos­so di­re che Ren­zi ha stret­to ma­ni di mol­ti miei so­ste­ni­to­ri».

Pre­vi­sio­ni sul re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le? «Si scon­tra­no due mo­del­li dia­me­tral­men­te op­po­sti: Ren­zi di­se­gna uno Sta­to cen­tra­li­sta, noi vo­glia­mo da­re più com­pe­ten­za ai ter­ri­to­ri. Una del­le tan­te bu­gie che rac­con­ta Ren­zi è che le Re­gio­ni han­no tan­ti co­sti. Lan­cio una sfi­da: se le Re­gio­ni so­no un pro­ble­ma, per­ché Ren­zi blin­da quel­le a sta­tu­to spe­cia­le? I 22mi­la fo­re­sta­li del­la Si­ci­lia (e noi in Ve­ne­to ne ab­bia­mo 400) non li toc­chi più. Chie­do a qual­cu­no che vo­ta sì di di­re che non è ve­ro».

Chi vin­ce se­con­do lei? «Al mo­men­to il no, ma ci so­no tan­ti in­de­ci­si e Ren­zi ha in ma­no le tv do­ve va a di­re che se vin­ce il sì sa­rà abo­li­to il Se­na­to, al­tra bu­gia per­ché in Se­na­to ci an­dran­no con­si­glie­ri re­gio­na­li e sin­da­ci. Tra l’al­tro chie­do: se go­ver­ni una Re­gio­ne co­me puoi ave­re tem­po per oc­cu­par­ti an­che del Se­na­to?».

Se vin­ce il no si an­drà ad ele­zio­ni an­ti­ci­pa­te? «Se­con­do me no, an­che per­ché le frec­ce tri­co­lo­ri so­no dei di­let­tan­ti ri­spet­to al­le evo­lu­zio­ni che ha fat­to Ren­zi in que­sta par­ti­ta». Quel­li del sì di­co­no che se il vin­ce il no non si fa­rà più nien­te. «Se vin­ce il no avre­mo la Co­sti­tu­zio­ne che ab­bia­mo og­gi. Ed è una Co­sti­tu­zio­ne che di­ce che può es­se­re mo­di­fi­ca­ta. An­che per da­re l’au­to­no­mia al Ve­ne­to». Lo fa­rà o no il re­fe­ren­dum sull’au­to­no­mia in Ve­ne­to? «Ab­bia­mo at­te­so in­va­no una ri­spo­sta del Go­ver­no per pro­ce­de­re con l’elec­tion day, avrem­mo ri­spar­mia­to 14 mi­lio­ni. Co­mun­que noi tut­ti i pas­sag­gi li ab­bia­mo fat­ti, che non si ven­ga a par­la­re a noi di dan­no era­ria­le. Ora stan­zie­re­mo i fon­di, ve­dre­mo se con una va­ria­zio­ne di bi­lan­cio 2016 o se nel bi­lan­cio 2017 e quan­do i sol­di sa­ran­no scrit­ti ne­ro su bian­co po­trò fa­re il de­cre­to e in­di­re la da­ta». Po­po­la­re di Vi­cen­za spin­ge per la fu­sio­ne, Ve­ne­to Ban­ca fa re­si­sten­za. Non te­me che il con­to del­la fu­sio­ne sia trop­po ele­va­to in ter­mi­ni oc­cu­pa­zio­na­li? «Le ban­che si pos­so­no fon­de­re, spez­zet­ta­re o ven­de­re. Fra le tre ipo­te­si, a me pia­ce la fu­sio­ne per­ché ci dà il van­tag­gio di ave­re un isti­tu­to di cre­di­to for­te sul ter­ri­to­rio. In­vi­to Po­po­la­re di Vi­cen­za e Ve­ne­to Ban­ca a se­der­si a un ta­vo­lo: per­ché non di­se­gna­no i tre sce­na­ri? So­lo un fol­le può di­re che con lo spez­zet­ta­men­to o la ven­di­ta non ci sia­no ri­ca­du­te oc­cu­pa­zio­na­li. En­nio Do­ris un me­se fa ha det­to che gli spor­tel­li so­no co­me le ca­bi­ne te­le­fo­ni­che: spa­ri­ran­no tut­ti. A que­sto si ag­giun­ga­no le sti­me na­zio­na­li che par­la­no di 150mi­la esu­be­ri nel set­to­re ban­ca­rio. Se­con­do me tra le due ban­che an­dreb­be aper­to un di­bat­ti­to co­strut­ti­vo».

Co­me sia­mo mes­si con la Pe­de­mon­ta­na? «Stia­mo fa­cen­do un ot­ti­mo la­vo­ro con il Go­ver­no, prin­ci­pal­men­te con Pa­laz­zo Chi­gi e il sot­to­se­gre­ta­rio De Vin­cen­ti e con il mi­ni­stro Del­rio. Nel­la le­ga­li­tà e nel ri­spet­to dei ruo­li - noi co­me en­te con­ce­den­te, lo­ro co­me en­te vi­gi­lan­te - stia­mo af­fron­tan­do al­cu­ni aspet­ti, dai flus­si di traf­fi­co ai da­ti con­trat­tua­li. La vo­lon­tà è di chiu­de­re que­sta par­ti­ta». A bre­ve do­vreb­be chiu­der­si la par­ti­ta del Por­to di Venezia: lei chi vor­reb­be co­me pre­si­den­te per il do­po Pao­lo Co­sta? «Un tec­ni­co. Non da­rò mai il mio as­sen­so a no­mi­ne di po­li­ti­ci. La nor­ma è chia­ra, io non ho po­te­re osta­ti­vo. Ven­ti gior­ni fa ho par­la­to con il mi­ni­stro Del­rio, io non ho un no­me da pro­por­re, all’epo­ca il mi­ni­stro mi ha det­to che non ne ave­va nean­che lui. L’uni­ca co­sa che ho det­to è sta­ta: fa­te una se­le­zio­ne dei cur­ri­cu­la e sce­glie­te chi ha "strut­tu­ra". Noi am­mi­ni­stra­to­ri sa­re­mo giu­di­ca­ti sul­la ba­se dei cur­ri­cu­la scel­ti».

Sa­prà di qual­cu­no che ha fat­to do­man­da o no? «Mol­ti mi han­no chie­sto di in­con­trar­mi, ho det­to no a tut­ti, vo­glio ve­de­re i cur­ri­cu­la. Ri­ten­go che il Por­to di Venezia ab­bia bi­so­gno di gen­te pre­pa­ra­ta, quin­di io da­rò l’as­sen­so su pro­fi­li di ma­na­ger, ma sen­za con­flit­ti di in­te­res­se». Dis­sen­si nel­la giun­ta di Bru­gna­ro a Venezia, dis­sen­si in quel­la di Bi­ton­ci a Pa­do­va. Le am­mi­ni­stra­zio­ni lo­ca­li del cen­tro­de­stra, en­tram­be con la Le­ga al go­ver­no, stan­no scric­chio­lan­do? «Non se­guo que­ste vi­cen­de, se ne oc­cu­pa il se­gre­ta­rio na­zio­na­le del­la Le­ga To­ni Da Re».

AU­TO­NO­MIA Se le Re­gio­ni so­no un pro­ble­ma per­ché han­no de­ci­so di "blin­da­re" quel­le spe­cia­li?

GO­VER­NA­TO­RE Lu­ca Za­ia, 48 an­ni, le­ghi­sta, è sta­to rie­let­to pre­si­den­te del Ve­ne­to nel

2015

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.